L’arancina è fimmina come le minne

Sicilian language arancini arancina

Ecco e così posso già chiudere il post, con una frase lapidaria, che tanto a questa diatriba isolana sull’arancinA/arancinO non c’è rimedio perciò io dico che è così e un messinese dirà e dice che così non è per niente.

Anni fa, nella smania di aumentare la mia collezione libresca senza piangere, mi andai a stampare la raccolta di racconti scritti da Andrea Camilleri ‘Gli arancini di Montalbano‘ scaricata aggratis da internet e stampata e spillettata decorosamente per non appizzarci gli occhi (e perché a me ‘sti libri che non esistono simpatia non ne fanno proprio). Due racconti tra tutti ricordo ancora, il piccolissimo ‘Montalbano si rifiuta’, di cui parlerò un’altra volta perché dice assai sul motivo per cui questi uomini, Vero e Inventato, sono amati e ‘Gli arancini di Montalbano’ appunto.

È ambientato sotto le feste, a Capodanno, e Salvo si rifiuta di raggiungere la fidanzata Livia in Francia per potersi mangiare gli arancini della sua cammarèra Adelina, una cammarera che lui non cambierebbe con nessuno, la mamma di due pregiudicati arrestati una volta no e due sì proprio da lui. Uno di questi giusto giusto viene arrestato per Capodanno e Salvo si butterà nelle indagini non tanto per aiutare lui ma per potersi mangiare gli arancini.

La questione però che volevo raccontarvi non è questa. La questione era che man mano che leggevo i racconti io pensavo al titolo e non potevo trovare pace per quegli arancini, con quella I che suonava come un’unghiata sulla lavagna. Ma com’è possibile che questo qua mi sparge vruoccoli e vastasi romanzi romanzi e poi mi italianizza le arancine??? Mizzica! Camilleri si è venduto così all’ignorante italiota? Io lo vedevo allora quasi come un tradimento perché ancora non sapevo nulla di questa grande guerra delle arancine.

Ma qualche tempo dopo ‘conobbi’ Fabbro. Lo metto tra virgolette perché io, in 5 anni che lo conosco, a Fabbro non ho mai stretto la mano ma parliamo parliamo parliamo e parliamo su Facebook, io da Trapani e lui da Messina, io gli conto i piagnistei miei e lui mi racconta le sfighe sue e ancora non ci siamo mai visti, metti che ci rendiamo finalmente conto di essere due rompiballe e non ci parliamo più. Con Fabbro, almeno una volta l’anno, il giorno di Santa Lucia (nella Sicilia occidentale, a Trapani e a Palermo, si usa mangiare le arancine di riso e la cuccìa di grano perché non si può mangiare la pasta e il pane in tale giorno ma in realtá è solo la scusa perfetta per sfondarsi di rosticceria.), si litiga per queste benedette arancine. Che lui chiama arancini. Ma che io chiamo arancine. Ma che lui insiste a chiamare con la I/O (come i somarelli mi verrebbe da dire 😀 ).

Sulla presente questione ci litiga tutta l’isola da sempre, Palermo, Trapani e la zona ovest di Agrigento le chiamano arancine, come piccole arance, la parte est dell’isola li chiama arancini, perché in dialetto siciliano arancia si dice ‘aranciu’…solo che le fanno a piramide, in onore del vulcano Etna (e perché mentre le mangi si aprono in un modo più gestibile e decoroso). Proprio qui potrebbe scattare la prima polemica dell’occidentale: ammesso che il nome giusto debba essere al maschile perché arancia in dialetto è aranciu, nel momento in cui la fai a cono l’arancia va a farsi benedire, no? Chiamalo Vulcanello!

Sull’argomento ci trovate blogs, articoli, migliaia di commenti e “sciarre”, quasi delle risse, perché se a Palermo lo declini al maschile si offendono (e pure io attacco con una conferenza femminista che non finisce più sul discorso dell’arancia e della forma e della panatura dorata e blabla) e la storica rivalità tra il capoluogo e la Sicilia orientale prende il volo e continua ben oltre la pallina di riso.

Purtroppo sulla paternità di questo ‘pezzo’ di rosticceria dalla ricetta antidiluviana c’è poco da capire, non risolve la questione del copyright e quindi c’è pure il problema dell’inventore che non è uno bensì un casino. La ricetta fu iniziata dagli arabi prima dell’anno 1000 o meglio c’era una volta l’emiro di Siracusa Ibn at Timnah che si fece creare il timballo di riso condito di zafferano e arricchito di erbe e carne per poterselo portare in giro durante le battute di caccia e poi arrivò Federico II, altro sovrano mangione la cui corte gli fece preparare il timballo con la geniale panatura fritta, che non faceva rompere la pallina (della grandezza giusta per giocarci a tennis o poco più, a meno che non andate al Bar Touring di Palermo che fa le arancine bomba) e ne permetteva una migliore conservazione durante i viaggi in giro per l’isola. Quando nella seconda metà dell’800 cominciò a diffondersi il pomodoro in cucina, i mangioni trinacrioti furono definitivamente rovinati e al riso e zafferano i monsù (da “Monsieur”), ovvero i cuochi francesi al servizio dei nobili siciliani, aggiunsero il sugo con la carne proprio al centro e fecero la palla di riso con sorpresa, ovvero l’arancina.

In Sicilia si fanno quelle classiche con il ragù e il burro a Trapani e a Palermo, con i pistacchi a Messina e poi in millemila varianti, a Trapani ho trovato quella ai frutti di mare e, gironzolando di città in città, con il cinghiale, con i broccoli e con il salmone. Esistono pure quelle alla Nutella coperte di zucchero e c’è chi pensa che una volta la versione dell’arancina di Santa Lucia fosse dolce, ma oggi sono considerate semplicemente un’eresia nonché immangiabili.

Forse sarebbe più giusto chiamarli al maschile visto che il nome è in dialetto ma io ho istruito tutti i miei amici del Continente sulla dicitura femminile perché è una piccola arancia e chissene se in dialetto l’arancia è un aranciu. Perché mangiare l’arancina è un’esperienza voluttuosa, è calda e tonda, quando l’addenti senti quello scricchiolio che ti da una piccola scossa ai sensi, con l’olfatto, con la lingua e col pensiero arrivi a quel riso profumato di zafferano, incollato d’amido ma con i chicchi ben distinti e poi finisci nel ripieno, in una soddisfazione quasi orgasmica che continua nei morsi successivi, dove ripieno, riso e panatura restano distinte ma nello stesso boccone e non sono tanti i piatti che ti danno un appagamento così complesso. Tu mi vuoi chiamare una cosa simile arancino?

Una volta il mio amico Lorenzo, grande appassionato di B-movie e della signora Fenech mi spiegò la sua devozione alla bellezza di questa donna ‘che ti guarderesti sempre per il semplice fatto che è fatta di carne vera, con quelle minne morbide e pesanti, che non c’entrano niente con quei seni al silicone alti e sempre sull’attenti, che appena li vedi ti sanno di ospedale e ti viene il mal di pancia‘. Non so perché mi sia venuto in mente lui mentre scrivevo ma parlare della voluttà di un piatto mi ha fatto ricordare la voluttà di certe parole e delle sensazioni che ci rimandano, a prescindere da quanto siano grammaticalmente corrette o educate, pronunciabili in pubblico, e alla fine a me l’arancina femmina piace di più, forse, probabilmente, è l’abitudine ma mi piace quel suono tondo e grande che finisce con la A, come le minne, che subito ti fanno pensare ad una consistenza umana e reale, di carne e morbidezza, ben più degli educati seni.

Non so come vi conviene chiamarla per non essere linciati sulla pubblica via, di certo se scenderete in campo a discuterne ci diventerete vecchi e non ne sarete venuti a capo nemmeno allora ma tanto l’importante è mangiarla e goderne, magari se avete tempo anche farla, nelle varianti che preferite, come faceva la famosa Adelina di cui sopra, che qui usa una ricetta diversa ancora, forse perché delle zone di Agrigento:

Adelina ci metteva due jornate sane sane a pripararli. Ne sapeva, a memoria, la ricetta. Il giorno avanti si fa un aggrassato di vitellone e di maiale in parti uguali che deve còciri a foco lentissimi per ore e ore con cipolla, pummadoro, sedano, prezzemolo e basilico. Il giorno appresso si pripara un risotto, quello che chiamano alla milanìsa, (senza zaffirano, pi carità!), lo si versa sopra a una tavola, ci si impastano le ova e lo si fa rifriddàre. Intanto si còcino i pisellini, si fa una besciamella, si riducono a pezzettini ‘na poco di fette di salame e di fa tutta una composta con la carne aggrassata, triturata a mano con la mezzaluna (nenti frullatore, pì carità di Dio!). Il suco della carne s’ammisca con risotto. A questo punto si piglia tanticchia di risotto, s’assistema nel palmo d’una mano fatta a conca, ci si mette dentro quanto un cucchiaio di composta e copre con dell’altro riso a formare una bella palla. Ogni palla la si fa rotolare nella farina, poi si passa nel bianco d’ovo e nel pane grattato. Doppo, tutti gli arancini s’infilano in una padeddra d’oglio bollente e si fanno friggere fino a quando pigliano un colore d’oro vecchio. Si lasciano scolare sulla carta. E alla fine, ringraziannu u Signiruzzu, si mangiano”. AMEN.

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )

Annunci

Ma Palermo è sicura? In tanti anni che ci ho vissuto non ho mai scattato una foto a questa città. Perché mi “scantavo“. Un post dedicato alla ricerca della libertà di camminare per strada!

One of the biggest trees in Italy, the Ficus of Giardino Garibaldi in Palermo

ENGLISH” version!

Inizio a scrivere questo post un giorno prima. Ho lasciato la casa in cui vivevo a Palermo da due mesi e adesso sono costretta a tornarci solo per sventolare un bollettino delle tasse ad una segretaria sturduta dell’Ateneo forse più grande ma di sicuro più disorganizzato dell’isola, altrimenti non posso dare l’esame. No, niente fax e no, nemmeno una email…e se non rispondono al telefono non è perché li scelgono senza quel dito opponibile che ci ha fatto fare il balzo evolutivo ma per la lagnusìa che fa andare la burocrazia di queste parti alla velocità del bradipo, che il dito opponibile non ce l’ha per davvero, non fa lo stesso una beata ma almeno mezza giustificazione lui l’ha trovata. Aggiusteranno tutto in due minuti ma io per arrivare lì dovrò farmi due ore di autobus all’andata e due al ritorno, per non contare quelle perse in fila davanti all’unico sportello aperto di venti.

Dato che mi faranno perdere la giornata non tornerò subito e farò una cosa che in tanti anni in questa città non ho fatto mai. Andrò in giro con una macchina fotografica.

Non l’ho mai fatto perché mi “scantavo, mi spaventavo.

Quante volte passeggiando avrei voluta averla con me, a Palermo ci sono tante cose belle, solite e insolite, e poi lo sapevo che il mio tempo qua non sarebbe stato infinito e questa città per me è importante, la memoria mi gioca brutti scherzi, l’età non aiuta e io non voglio dimenticare, io Palermo me la vorrei sempre guardare e riguardare anche se il mio tempo lì, almeno per ora, è terminato. Non ho una sola foto di Palermo, quella che vivevo e manco quella turistica, perché ero terrorizzata, fantasticavo foto e scene, ma la macchina restava ben chiusa nella sua borsa a casa. La mia macchina fotografica non è preziosa, è una piccola reflex con un fondo di bottiglia avvitato, ma è una delle poche cose che ho comprato solo per me con i miei soldi. Non sono molte le cose che mi piacciono ma al momento di comprare non ne ricordavo mai nessuna e spendevo soldi per gli altri. Ero sempre al verde quando mi ritornava la memoria ma l’importante è essere contenta, quindi niente rimpianti. Sono poche le felici intuizioni che ho avuto su come farmi un regalo più concreto: qualche biglietto aereo low cost per Roma e questa piccola Canon Eos 1000D con un pezzo di vetro 18-55mm. Io la adoro. E’ la mia piccolina, la mia amata, la mia riserva di ricordi e piccole soddisfazioni, che me la faccio scippare dal primo ragazzetto che se la venderà per duecento euro dopo aver gettato la memory card piena di 500 paesaggi, 480 sfocati e 20 no, e di mia nipote sdentata e spettinata in compagnia di un My Little Pony diverso in ogni foto in un tombino? Non scherziamo.

Quando mi iscrissi all’università le mie future coinquiline, già rodate da un anno, mi avevano dipinto scenari da sicilian far west, indimenticabile fra tutti il monito “Non camminare vicino ai portoni altrimenti ti tirano dentro quando meno te lo aspetti!“. Non uscivamo mai tutte e quattro (QUATTRO!!! avete letto bene) se non c’era un ragazzo con noi (quello che, in teoria, avrebbe dovuto difenderci da una rapina a mano armata o quantomeno beccarsi cavallerescamente le botte a nome di tutto il gruppo). Una addirittura diventò isterica quando mi vide sollevare il cappuccio della felpa sulla testa prima di uscire. Aveva subìto una rapina al supermercato dove hanno prezzi da studente universitario, cioè da vera rapina, e il ladro avvicinandosi alla cassa si era alzato il cappuccio per coprire il viso. Per evitare gli scippi ‘Non metterti i soldi nel portafogli quando sei già per strada, fallo in negozio’.

Boh.

Quando rimasi sola per la prima volta non uscii di casa alle sette di sera per prendere il pullman perché ero troppo spaventata dal buio e dalla strada, mi sembravano tutti dei delinquenti, mi vedevo rapinata e sgozzata sotto un albero quindi rimasi sola a casa a dormire una notte in più. Con tre giri di chiave sopra e sotto e il ferro tirato. I miei colleghi (ma sempre ragazzi stranamente) spesso venivano fermati e derubati ed erano semplicemente terrorizzati, io quando arrivavo con i soldi per stare tutta la settimana li nascondevo in una cucitura interna dei jeans fatta apposta. Un mio amico invece non veniva mai fermato, sapeva parlare in un palermitano da pelle d’oca, una cantilena forte e incomprensibile, dove per dire ‘cosa’ apri la bocca quanto un forno e ti esce un ‘cuoasa‘, e andava in giro con una felpa nera e il cappuccio tirato sugli occhi, che pareva più delinquente di certi ceffi che giravano da quelle parti. La zona universitaria era, è, così. Questa si intreccia tanto con la zona turistica più accessibile perché più vicino alla Stazione Centrale, quella del triangolo della Cattedrale, via Maqueda e la Kalsa. Praticamente è sorta in una zona abbastanza degradata di Palermo, anche se decisamente non la peggiore.

Non mi è successo mai nulla.

Palermo è leoparda e ti ritrovi un caffé dall’aspetto molto parigino accanto al panellaro lordo e gli universitari camminano tra bambini neri, ragazzi pakistani e signore cinesi e girando l’angolo si ritrovano faccia a faccia con le sopracciglia depilate dell’eroe neomelodico palermitano del momento e schivano gruppi di turisti dalla pelle decisamente provata dall’insolazione.

Un giorno mi ritrovai a girare un video musicale in via Bara all’Olivella. Una volta questa strada era un piccolo Bronx pieno di immondizia e facce poco rassicuranti, ora, visto che è l’unica via da cui si vede un fotogenico scorcio del Teatro Massimo, è piena di negozietti per turisti, ristoranti, tavolini e ombrelloni, che lo scorcio non te lo fanno vedere più. Ma almeno una cosa bella in questa strada c’è, il teatro dei Pupi di Mimmo Cuticchio.
Ci girammo un video dicevo, c’erano diverse migliaia di euro tra obiettivi, sliders e reflex e tra i curiosi e i negozianti ormai diventati nostri compagni di lavoro, era immancabile la raccomandazione ‘Occhio ai motorini‘ (qua c’è gente che ruba).
Non rubarono nulla e l’attenzione fu quella normale, niente paranoie isteriche, si doveva comunque lavorare.

Non sono mai stata rapinata né rapita e camminavo tranquillamente vicino ai portoni però quella di mettere il resto nel portafogli prima di uscire in strada è un’abitudine che continuo a conservare,quando si può, è buona un po’ ovunque secondo me. A volte qualche ragazzo ti ‘sconcica‘ per strada e ti sussurra complimenti ma basta tirare dritto come i cavalli col paraocchi e ignorarli. Sono tornata anche sola a casa, anche al buio ma sempre quando ancora un po’ di gente c’era, lavoratori di ritorno per cena, e sono viva e senza nessuna brutta esperienza da raccontare. Sono tornata anche i bici da sola a mezzanotte, da palazzo Pantelleria al Policlinico, con il terrore che mi serrava la gola, perché non si sa mai. Non mi hanno mai fermato anche se i pochi passanti mi guardavano come una matta.

Una volta un mio amico romano, Favetta, venne a trovarmi a Palermo. Il suo albergo era in pieno Ballarò e io andai a trovarlo in bici. Dopo una serata a ballare tango in zone molto degradate dietro la Chiesa di San Domenico, che la notte si accendevano di arte e bellezza in qualche piccolo locale, ci facemmo una passeggiata per tornare a casa, io , lui e la bici accanto. ‘Dai corri a casa che sei sola e con la bici, io vedo di trovare la strada per l’albergo, proverò a tagliare di qua, in linea d’aria credo che l’albergo sia vicino, sicuramente arriveremo nello stesso momento. Dai, vai. Io: ‘Favetta, con la bici ho fatto avanti e indietro tante volte. E’ vero che non erano le due come stasera ma con la bicicletta vado veloce, non è come andare a piedi e ho una catena bella pesante, una voce da anatra squillante e nessuna remora ad usarle (sopratutto la catena). Per quanto possa sembrarti strano è più facile che fermino te che sei un uomo solo che me che sono una ragazza (mia personale statistica), con quella faccia poi!‘ Quale faccia? Immaginatevi Woody Allen, con i baffi alla Giangiacomo Feltrinelli però, che vorrebbe essere figo come Serpico ma è broccolo e dolce come Maurizio Nichetti….ma che lo mollavo lì da solo? Di amici ne ho pochi ma buoni, meglio conservarli…e menomale, altrimenti sarei ancora lì a cercarlo nel secondo centro storico più grande d’Europa, in trenta minuti di passeggiata, seguendo le sue indicazioni stavo quasi per perdermi pure io, ci avevano fermato barboni e punkabbestia e un vecchietto insonne ci aveva pure chiesto le sigarette…affacciato dal balcone al secondo piano, già aveva mollato il panaro. Ma siamo ancora vivi e felicemente non traumatizzati.

Ho visto tanti turisti camminare con le macchine fotografiche appese al collo, tranquilli e sorridenti ma ho anche sentito dire di molti scippi…

…allora questa Palermo è sicura o no?

Ci sono tante persone, tanti stranieri e un po’ di delinquenti autoctoni. Come in tutte le grandi città.
E’ sicura? Più di Londra e New York certamente, più di Oslo a quanto pare, se vi accollate di andare lì perché non a Palermo? Fuori da questa città c’è chi è convinto che ci siano sparatorie per strada e che la vita valga quanto un pacchetto di sigarette,a Trapani ci sono ragazze convinte che ti rapiscano nascosti nel buio dei portoni ma è un’immagine troppo distorta. In realtà le regole per stare bene qui sono quelle del buonsenso, ma valgono ovunque ci siano più di 100.000 abitanti. La microcriminalità è diffusa qui ma la mattina c’è tantissima gente e turisti e studenti girano tranquillamente, anche con macchine fotografiche appese al collo e se vi trovate in difficoltà e cacciate un urlo non dico che si girano in duemila come ai Fori Imperiali ma in duecento sì e allora siete salvi, ma bisogna proprio essere sfortunati per trovarsi nella necessità di farlo.
La sera da soli è più pericolosa. Non sfidate la fortuna, io l’ho fatto tante volte per stretta necessità e anche se non mi è successo mai nulla forse sono stata davvero fortunata, quindi se siete almeno in due è sempre meglio, se siete soli non vi succede nulla (sempre se avete l’accortezza di frequentare strade principali e illuminate e con almeno qualche persona anche se è tardi) ma in due almeno non vi fate tutta la strada terrorizzati e ve la godete di più. Siate attenti ma nella misura giusta. La zona della Magione è quella più delicata dopo il tramonto per chi è solo secondo me, perché fuori dal quadrato luminoso di qualche locale diventa più deserta e isolata, ma via Roma/Maqueda e la Cattedrale non vanno sottovalutate la sera. Non voglio fare terrorismo, a me non è successo nulla, bisogna solo essere un po’ accorti , senza paranoie, Palermo è abbastanza sicura ma è pur sempre una grande città. Certo se ve ne andate a Brancaccio lì mi spaventerei pure in pieno giorno ma giusto giusto lì dovete finire? Da vedere che io sappia non c’è nulla.

E visto che tutti girano con la macchina fotografica senza problemi perché Anna ti spaventi? Perché sono pur sempre un essere umano e a volte mi faccio lavare il cervello dagli altri e dai loro timori e viene anche a me la paura di essere stata solo fortunata per dieci anni interi, giusto pochi giorni fa pure il fiore d’argento di Santa Rosalia si sono rubato, che poverina solo quello aveva, si dice ‘W Palermo e Santa Rosalia’, finora pensavo che ai palermitani non importasse nulla di Palermo ma manco la Santuzza si è salvata, come mi salvo io?

…che camurrìa, basta, tiriamo fuori questa benedetta macchina allora, ben appesa al collo, rilassata, senza problemi. Ed ecco le prime foto di Palermo, alla Kalsa e a Casa Professa, foto timide e pietose, era la prima volta e non mi è successo niente! Me la tenevo al collo sopra lo zaino che mi ero messa al contrario, tutto davanti come un neonato, per appoggiarmi le braccia e riposare, per fare foto e per poter rendere più difficile uno scippo, di zaino e reflex. Lo scanto mi stava passando e stavo per prenderci gusto a Casa Professa, clic clic clic, quante cose ora posso immortalare e rivedere, Palermo io ti amo e ti voglio avere sempre con me. Mi facevi paura e non volevo uscire. Sono uscita sola e ho visto tante cose e di te non mi spavento più (non troppo almeno). Mi facevi paura e non volevo prendere la bici anche se lo facevano tutti. L’ho presa e sono sempre tornata a casa con lei e ora non mi spavento più (perchê so scegliere i posti giusti dove nasconderla). Tutti ti fotografavano, anche se venivano per dieci giorni soltanto e io in dieci anni ho avuto paura e ora ti immortalo e inizio da Casa Professa clicliclic cacchio si è spenta! Ho dimenticato di caricare la batteria!

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )

Nuvole di salina. Storia di due amanti in fuga.

Trapani salt pans with Erice view

ENGLISH” version!

Se stai con un uomo che lavora con il turismo in una città di mare, l’estate non esiste.
Nessuna quindicina di ferie per squagliarsi ogni giorno in spiaggia, nessun test su Fb ‘Sei racchettonista o tintarella forevva?’, niente Cosmopolitan con cui azzerare definitivamente il neurone sciolto e non caschi in quelle situazioni da ‘Tesoro, ci sono i bambini!‘.

Bon, ne abbiamo preso atto.

Ci si consola pensando ai nostri quarant’anni pelle liscia come la seta e a quelli dei nostri amici pelle arrapacchiata come una mela vecchia 3:D

In estate io e Giovanni diventiamo amanti e la nostra relazione un susseguirsi di lillipuziane fughe romantiche. Come ogni relazione clandestina che si rispetti l’idea da tenere bene in mente è quella del ‘Carpe diem‘, cogli l’attimo, quello in cui si prospetta (si prospetta, eh!) che tutto il mondo si dimentichi misteriosamente del numero di cellulare del mio amato per un paio d’ore perché è dall’estetista, all’allenamento di tennis o al mare con un’amica e tu, amante impegnata in millemila faccende mentre ogni tanto un pensiero fugace scivola nella constatazione del tuo amore proibito, ricevi la tanto agognata telefonata ‘Sono libero fino alle sette!‘.

EVVIVAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA finalmente si va al mare!!!!!

Per qualche ora possiamo uscire allo scoperto e non vergognarci del nostro amore, sconosciuti ragazzi in fuga in mezzo a sconosciuti professionisti della tintarella che non hanno niente da chiederti per questa estate, perché tanto la loro cabina al Lido delle Sirene l’hanno prenotata dieci mesi fa e schifano la tua pelle da worm dall’alto delle loro depilate sopracciglia oleose.

Tiri fuori il costume dalla naftalina, ti metti tre litri di crema protezione bambini, infili nello zainetto di battaglia il telo cercato per due ore a casa perché nemmeno te lo ricordavi più dove fosse riposto, come una deficiente non fai altro che pensare ‘Evviva si va al mare, evviva andiamo al mare, evviva non sembreremo più dei cadaveri, evviva, mi ricorderò ancora come si fa? Per fortuna dicono che nuotare sia come la bicicletta, non si scorda più’.

EVVIVAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA

E’ in questo frangente che la dolce metà cade in un coma profondo e recupera le energie perse nell’ultima devastante settimana di inizio agosto e fa passare le ore.

Porca paletta! E il mare???

Come tutti gli adulti sanno, o dovrebbero sapere, quando deludi simili aspettative fanciullesche DEVI RIMEDIARE e non c’è storia. Quindi arriva il compromesso della fuga alle saline Calcara in un’ora e mezza.

Presa!

Anche perché le luci dopo le cinque e mezza cambiano e tra acqua, sale, fenicotteri e scintillame diventa una minifuga muy romantica e tranquilla. Via veloci allora, svicolo per Nubia e dritti verso il cancello delle Saline Calcara. Una volta ci si poteva entrare, ora non più, ma conosciamo Marruggio e allora magari possiamo entrare ( lo spirito non è il menefreghismo per le regole, è l’ottimismo maschile e la fiducia nell’amicizia :D).

E infatti appena ci beccano ci dicono di tornare indietro perché la macchina qui non ci può più entrare, ordini del WWF. Ottimista torna indietro con la macchina e io vado a far foto senza fretta e telefonini in giro. Solo le vasche e l’acqua ferma. Silenzio.

tufo della salina calcara a nubia

salina calcara a nubia

.
.
.
Silenzio Scintillio Terra Sole

riserva delle saline a trapani
.
.
.
.
Silenzio
.
.
.
.
.
riserva naturale salina calcara trapani
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
Ma il silenzio comincia a fare rumore. Qua l’acqua non è tutta ferma nelle vasche a luccicare, c’è un piccolo fiume salato che viene dal mare, proprio dove ci sono quelle poche piante verdi in mezzo al deserto di terra rossa e sale. Va così piano che si sente appena ma sotto le righe stondate della corrente è vivo e qualcosa, forse un pesce, ti fa venire il cuore a nocciolina con il suo guizzo poco più avanti, restano solo i cerchi. E’ il posto o il momento o tutti e due dove non ti chiedi niente e non pensi a niente.

Guardi e basta.

Nemmeno osservi perché se osservi pensi.

Guardi e ascolti.

E te lo godi senza pensare di farlo.

Lo senti.

riserva naturale saline di nubia

animali in salina

Ad un certo punto a farsi sentire davvero sono gli uccelli, che si sono riappropriati di questo deserto e anche la cadenza dei loro versi è diversa, non all’unisono, non tutti insieme, non un baccano confuso di starnazzatori ma quasi un botta e risposta, un dialogo nella Natura che non turba l’armonia di questo posto, anzi la enfatizza perché si sente libera di esprimersi. Durante le pause nel dialogo qui c’è così tanto silenzio che senti i passi delle formiche e il crit crit sul terreno di non so che insetto. E’ in questa oasi che ti viene da fare quello che magari non faresti quando sei con gli altri e magari di fretta, passeggiare sui muretti tra le vasche.

Stradina stretta ingombra di piante mai viste e acqua allippata di verde a destra e a sinistra, ormai sei in mezzo alla palude e indietro non si torna, tanto vale farsi tutto il percorso in mezzo alle nuvole specchiate a raccogliere conchiglie sulla terra, tra le piante unite da ragnatele.

salt pans in sicily

fir2 (FILEminimizer)

fir3 (FILEminimizer)

fir5 (FILEminimizer)

fir4 (FILEminimizer)

Ma chi ti insegue qua per questa ora? Gli altri fanno cose serie, tu scopri i bozzoli tra le piante. La presenza umana è lontana, qualche turista in fondo lo vedi, sul solito stradone principale, quello che porta direttamente al mulino e ha l’aria rassicurante dell'”autorizzato“. Tra le saline non so se sia proibito passeggiare, qui semplicemente non c’è nessuno a dirti di no, quindi chissà ma intanto mi godo il deserto di luce dove di tanto in tanto si scorge qualche residuo di umanità, una carriola, per ora abbandonata perché ancora è presto per la raccolta del sale.

fir22 (FILEminimizer)

fir23 (FILEminimizer)

fir24 (FILEminimizer)

fir8 (FILEminimizer)

E’ in questo percorso strambo che mi raggiunge il principe con la maglietta azzurra e per fortuna non ha l’aria di pensare ‘Ma tu vedi dove si va ad infilare questa qua‘.

Insieme saltiamo da una vasca all’altra, tenendoci lontani dal mulino a noi così familiare, girandoci intorno a guardarlo come non lo vediamo mai, dai lati ammucciati, fino ad arrivare in una spiaggia, ma pure questo c’è in salina, rive bassissime di terra marziana incrostata di sale e bagnata da acque terrestri. I pesciolini neri sulla riva nuotano ignari della tua esistenza, tu sei grande ma questo non li turba minimamente.

fir14 (FILEminimizer)

fir27 (FILEminimizer)

fir29 (FILEminimizer)

fir30 (FILEminimizer)

fir33 (FILEminimizer)

fir10 (FILEminimizer)

E poi alla fine ci arrivi, il deserto cambia, dal caldo rosso al bianco glaciale che brucia, ti fa la pelle di cuoio rimandandoti mille soli e ti acceca, ma di questo all’oasi tutta intorno, vicina eppure lontanissima, non importa e squadre di fenicotteri rosa si alzano in volo ordinate.

Ormai siamo sullo stradone battuto dai turisti, un’ora e mezza è passata.

fir32 (FILEminimizer)

fir11 (FILEminimizer)

fir34 (FILEminimizer)

fir36 (FILEminimizer)

fir35 (FILEminimizer)

fir12 (FILEminimizer)

fir31 (FILEminimizer)

firmata (FILEminimizer)

Pensavate di scansarvi i fiori almeno qui in salina? Non scherziamo, eh!

Pensavate di scansarvi i fiori almeno qui in salina? Non scherziamo, eh!

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a : fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )

Melaccollo. Primo post di Enciclopedia Trinacriota sullo spirito d’avventura dei siciliani.

sicilian way of saying

ENGLISH” version!

Giusto qualche sera fa eravamo a cena con Monsieur Gaspard, un rivolese (si chiamano così gli abitanti di Rivoli?) trapiantato a Marsala, melanina sicula e accento polentonissimo… dicevo eravamo a cena con Monsieur Gaspard e ad un certo punto mi fa “Ma che vuol dire me l’accollo?”

Ah?

Ma come, non è italiano? 😀

A quanto pare NO! Almeno non con il significato che gli appioppiamo noi siciliani. Come recita il dizionario della Treccani, alla voce del verbo accollare: “Addossare un peso, un incarico, un obbligo e sim.: m’hanno accollato un lavoro faticosissimo; vogliono a. a me tutta la spesa. Quindi, accollarsi, assumersi un incarico, un obbligo: accollarsi un debito, una responsabilità.”

Seeeeee, vabbè

Cioè sì, un po’ ci ha azzeccato, ma se sapeste con quali sorrisi complici e con quanto spirito d’impresa un siculo ti dice ‘Compa’ me l’accollo’, capireste che non si sta facendo carico di nessuna grave responsabilità, tantomeno un debito! Non sarebbe nello spirito di un siciliano.

Accollarsela vuol dire che quando i tuoi amici ti propongono un’impresa rischiosa e che in teoria non si dovrebbe fare e che ha alte probabilità di essere scoperta, tu accetti e ti prendi la responsabilità del rischio, pregando perché vada bene. Ovviamente quando va male seguono rinfacciamenti sulla responsabilità delle conseguenze. La mole di parolacce/rimproveri/eventuali scioglimenti di amicizie pluriannali è direttamente proporzionale al danno.

Io conosco degli individui, di cui non farò nome e nemmeno la descrizione perché rischierebbero di essere denunciati e arrestati, che fanno lo SpazzaTour.

Non so da voi ma qui da noi c’è una pessima abitudine, sopratutto in certe zone, quella di non buttare l’immondizia nel cassonetto ma di poggiarla fuori dalla porta o peggio appenderla con dei ganci alla finestra, a volte alla giusta altezza per dondolarti dritta davanti al viso, perché così non solo non devi farti 200 metri per raggiungere il cassonetto (un giorno vi parlerò anche del concetto di lagnusìa e dintorni perché servono millemila post) ma non oltrepassi nemmeno la balàta sulla soglia di casa, quindi puoi tenerti addosso il pigiama, la canottiera e le pantofole senza dover fare la fatica di metterti addosso qualcosa di più decente per esporti al pubblico delle vecchie/giovani schiffarate che ti seguono con lo sguardo, sfacciatamente quando sono al balcone o vigliaccamente quando sono nascoste dietro le imposte delle finestre degli appartamenti al piano terra (ci sono, ci sono).

Comunque dicevo…qui si usa così da alcune, molte, parti e gli inventori dello SpazzaTour, sopraffatti dalla loro coscienza civica, con tanto zelo, quando capiscono chi è stato il lagnùso che ha messo fuori dalla porta la munnizza così abbandonata, che tanto domani se la portano via lo stesso, se vive ai piani alti (vabbè, al primo piano 😀 ), gliela ributtano sul balcone di notte!!!!

Immagine che racchiude l'essenza dello SpazzaTour (Quel che lasci trovi

Immagine che racchiude l’essenza dello SpazzaTour (Quel che lasci trovi)

Quando sono tristi e passano per una via piena di sacchetti appesi, che manco a Natale vedi così riccamente addobbate, l’indignazione prende il sopravvento e inizia il programma di Educazione Civica.
La lezione di Educazione Civica riesce anche a deviare in una lezione di Educazione Fisica dando luogo ad una esperienza altamente formativa per tutti coloro che, in modo attivo o passivo, ne entrano a far parte. Il lancio della munnizza prevede una preparazione fisica non indifferente oltre che un certo acume nella scelta del sacchetto, non troppo leggero, niente vetro e niente incudini, una buona mira, bicipiti mediamente allenati e una accorta calibrazione del lancio. La difficoltà aumenta con i balconi delle vecchie case, che hanno i soffitti più alti ergo una distanza di dieci metri tra un piano e un altro, praticamente in cielo, se sei poco allenato ti serve lo Sputnik.

Questi delinquenti che si spacciano per atleti e si vantano di essere dei bravi cittadini, eroi trinacrioti fautori della pulizia di tante strade e (forse) coscienze, ormai vanno per i trent’anni e presi da vari impegni hanno ridotto il numero di SpazzaTours, quindi non hanno più l’occhio allenato e manco il bicipite, ovvero beccano sacchetti con il vetro o da tre tonnellate concentrate in un sacchettino da farmacia e non sono più tanto veloci a salire in macchina, quindi il rischio di farsi pestare da un intero vicinato o comunque farsi sputare da un balcone/farsi rilanciare il sacchetto pieno di vetro quando riesce ad arrivare sul balcone/farselo finire dritto sulla testa quando non ci arriva/farsi incocciare dalla polizia o da una macchina qualsiasi o peggio ancora dal proprietario che rientra a casa tardi oppure avere il Fato dalla parte del lagnùso incivile che ti fa ingolfare la macchina, è altamente probabile e la malafiùra (“la figuraccia”) garantita.

Compà, te l’accolli uno Spazzatour?“. Ecco.

Chi vuole intendere intenda!

Chi vuole intendere intenda!

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a : fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )