Comic Strip: “When it snows in Sicily”, post about Christmas folly, the snow in american movies and the sicilian concept of technical apparel

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

New type of post today, short and with a comic strip (the illustrator is Palzaz) at the end 🙂 for a faster and, I hope, more pleasant reading. Actually because my neuron is still confused by the tons of butter and eggs of last days and I can’t write more 😛 but two days ago the Poetess announced an extraordinary event, the snow at Erice and I wanted to share this pleasure with you.

It was a hot Christmas, litterally, 18 degrees (I remind you that Christmas date is in December and Sicily is located in the northern hemisphere, good deal above the Equator), I cooked the Christmas Eve dinner wearing just a T-shirt and the weather didn’t look winter-like but luckily the childhood Home Alone binge had shaped my american taste for Christmas decorations and looking around in my home it was impossible to forget that date, there were: tree + three tons of decorations (did you ever see Macy’s trees? 😀 ), crib with real stones and real cypress branches and all insects that lived under the stones and on the cypress branches, additional small trees and little cribs strewn everywhere, lights, theme pot holders and apron and finally my favourite ones, the handmade paper ice crystals, those which my niece shows to her pals while pass by schoolbus to go to the gym (There aren’t gyms in almost all schools at Trapani and children and guys have to go in other crumbling town gyms. Just one in reality).
Trapani is a seaside place, every year it’s cold for two months but with 12 degrees (a low temperature for us) and a violent cold wind, the turists sneer when listen this our impatience, they know the real cold, probably they know the snow!

The snow, the real dream of people of Trapani and all sicilians who live near the shore. Who has ever seen the snow? Here there is the rain, often the wind and nobody likes the winter, at least there was snow! :/ To play with snowballs. Because it’s very romantic, as in american movies. Because the schools would be closed and this is more romantic, above all for my niece. When my friend, the Poetess, said “It’s forecast to snow for the next days” my heart shouted “HURRAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!!!!!!

Erice is on the mountain that overlooks Trapani. Its high is 751 metres, it’s little taller than a hill, and people of Trapani have many expectations about it, snow included, but there isn’t ever hardly ever it.
Many years ago, maybe 16 years or 15 or 13, here everyone remembers a different period, there was a great snowfall and all people went up to the Erice mountain, as far as they could reach without the chains, here nobody have them. I remember a tiny plot covered with snow and stormed by tens of people, old and young, everybody wanted a bit of snow and mud to make a snowman, there were one hundred of wonky snowmen but we weren’t trained. The children wore two pairs of pants to engage the Great Cold and after that winter there were just few hailstorms and sleetstorms, but that memorable Snow Glory lasted two days was unique and we still talk about it. Maybe you deride us but the snow is a wonderful and very romantic thing for us, so enjoy the first comic-strip of the blog “When it snows in Sicily

When it snows in Sicily

When it snows in Sicily

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero and see the snow by surprise you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )

Annunci

Fumetto-post: ‘Quando la neve arriva in Sicilia’, sulla follia natalizia, la neve feticcio e il concetto siciliano di abbigliamento tecnico

Oggi esordisce un tipo di post un po’ diverso, piccolo e fumettoso, se non posso dare sfogo alla mia usuale logorrea almeno vi mollo questa chicchina grafica piccina picciò, così il post diventa ancora più veloce da leggere e, spero, più carino. Non l’ho disegnato io ma è una produzione veloce di Palzaz.

Questo mini post è frutto di una Annunciazione di due giorni fa che voglio condividere velocemente con voi, anche perché devo ancora smaltire le tonnellate di burro e uova mandate giù in questi 5 giorni e che mi ammorbano il neurone, quindi di più non riesco a produrre.

E’ stato un Natale caldo, letteralmente, 18°C (vi faccio presente che Natale arriva verso la fine di Dicembre e che la Sicilia è sull’emisfero boreale, un bel po’ sopra l’Equatore), io spignattavo a maniche corte e riuscivo a ricordarmi del Natale grazie agli effetti postumi sul mio buon gusto dell’infanzia a base di Mamma ho perso l’aereo, che ogni anno rimbalza indietro e viene rigurgitata sotto forma di: albero + tre tonnellate di decorazioni in perfetto Macy’s style, presepe + pietre vere + rami di cipresso + tutti gli insetti che stavano sotto le pietre e tra i rami di cipresso, alberi e mini presepi supplementari sparsi ovunque, luci, presine + grembiule a tema, candele…e poi, per non tediarvi oltre, passo ai miei preferiti, i fiocchi di neve di carta, quelli ritagliati a mano e che mia nipote fa vedere ai compagni quando passa con lo scuolabus per recarsi in palestra (da noi a Trapani buona parte delle scuole non ha la palestra e i bambini/ragazzi vengono dislocati in palestre comunali fatiscenti. Una sola a dire il vero, ma vabbé…).
Comunque come stavo dicendo Trapani è una località di mare, anche qui fa freddo due mesi l’anno ma mentre noi moriamo con dodici gradi e vento fridduso che ti taglia la faccia a 40 nodi, i turisti ci sghignazzano dietro e sfottono, perché da loro sì che fa freddo e magari arriva pure la neve.

Ecco, la neve, il vero feticcio dei trapanesi e di tutti i siciliani che vivono sulla costa. Ma chi l’ha mai vista la neve? Qui piove, spesso c’è vento e fa freddo e non piace a nessuno un inverno così, insomma almeno facesse freddo e venisse la neve! Per poterci giocare. Perché è molto romantica, come nei film americani. Perché le scuole chiuderebbero e questo sarebbe ancora più romantico. Ecco perché ieri, mentre si passava la classica serata mondana natalizia dei siciliani e si giocava all’asso che corre in 20, quando la Poetessa mi disse ‘Sul meteo è scritto che nei prossimi giorni nevicherà ad Erice!‘ il mio cuore rispose con un EVVIVAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Erice è la montagna che sovrasta Trapani. Alta 751 metri, per poco riesce ad essere elevata al rango di monte e su di essa i trapanesi scaricano tutte le aspettative scaricabili su una montagna, neve compresa, che però non c’è mai quasi mai.
Ricordo però di una nevicata, tanti anni fa, nel vecchio millennio, e ricordo che tutti quella volta salirono ad Erice, fin dove si poteva senza le catene, perché qui non le ha nessuno. Ricordo di un fazzoletto di neve 4 metri x 4 metri preso d’assalto da una sessantina di persone, tutte a contendersi il fango e quella magica acquetta cristallina per fare cento pupazzi sbilenchi di colore incerto (in realtà abbozzi pseudoantropomorfi ma ci manca l’allenamento). Sono passati 16 anni, o forse 15 o 13, qua mi stanno facendo venire i dubbi, e ancora se ne parla, i bambini si erano messi due paia di pantaloni per affrontare il Grande Freddo e dopo allora solo pochi piccoli episodi nevischiosi ben lontani da quella storica gloria nevosa durata ben due giorni! Forse voi sfottete ma per noi la neve è una cosa bellissima e romanticissima quindi godetevi il primo fumetto del blog, “Quando la neve arriva in Sicilia“.

Quando la neve arriva in Sicilia

Quando la neve arriva in Sicilia

Poiché la rivelazione “Neve a Erice” è stata fatta dalla Poetessa ecco qui il suo blog: gabriellafigliomeni.blogspot.it
Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a : fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e beccare la neve a sorpresa puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉

Eccentricity of Sicilian people at the table in 22 points , First part

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

I’m late with “English” post, I know but I write too long articles and when I try to translate them I would cry, the original italian version has been written two weeks ago :/

This post has been inspired by my mother, who once, seeing the bread upside down, scolded me in a peevish way ‘Don’t put the bread upside down!
But…why?
Because you mustn’t put it in this way!!!
What kind of answer is that? It’s a very sicilian answer, there isn’t a reason, it’s like this all along, it’s not necessary asking it also if it’s a mistery the reason. This episode wasn’t the only one, it was a real mania of my mother and when I discovered the reason I began to observe all strange things at the table of sicilian people. There are many eccentricities but before I sat down at the table plunged in the happy ignorance.

1. Don’t put upside down the bread!. Because it’s the body of Christ. Not because all do it just in this way!, nobody knows the reason nor asks it. And not even because, how my mother answered, trying to gloss over my harassing questions, the sesame seeds fall on the table >_> (here the most wanted bread has the sesame on).

2. Nothing is wasted. Considering that the most wanted bread has the sesame on and considering that the sesame is insidious and moves everywhere and you find the tablecloth seeds covered, considering that the breadsticks are splendor of restaurants and that a sicilian thinks about food 23 hours 24, considering that his/her thought has to be alleviated during the delay of dishes and, this is the most important thing, considering that nothing is wasted, also when there are the breadsticks, all sicilians, inevitably, as if they have a tic, moisten the fingertip and begin to plant it on the little seeds and to eat them, like an eager bird. They nod, talk gritting their teeth and pic, pic, pic fasten the seeds and bring them in their teeth, this is also a system which allows to re-moisten the finger in automatic way, like the self-inking stamps.

3. There is always the bread on the table. Both with one dish and with ten, because as my father said “You put in weight because you eat too and you eat too because you don’t eat the bread (to accompany the other foods, so you don’t satisfy your hunger)“. If you have the belly you know the reason.

4. But there isn’t ever the room-temperature water. There is always the cold water in winter and the water with ice cubes in summer. The expression “ambient temperature” is used only by the gardeners.

5. If it isn’t fried probably it hurts. The grilled food is permitted only during the good feeds in the country or in the terrace or in the balcony or in a street fenced by two cars. The parmigiana with grilled eggplants isn’t even served in the hospital. The fried food is everywhere in Sicily and it’s impossible avoid it. The fried has been under discussion also with my sweet love, the Medlar, who shifted me from the burner saying “You can’t cook!” because I’ve put less one half litre of oil to fry the zucchini for the pasta and I’ve added a drop of water. Since then he cooks and I wander around home into a coma because of fatty acids.

6. Tanto ogghiu unni’ chiange. “Because he doesn’t cry drops of oil”, so it’s useless. In Sicily the olive oil is used to cook the stones too, so it’s very precious. When olive oil pours down, all thirty-five commensals stand up to recover it. Somebody can say because it brings bad luck but actually because it’s very expensive because you buy it from your country neighbour, you don’t buy it at supermarket. Look 7th point.

7. Don’t buy the olive oil at the supermarket! When you are an university student and study far from your home, also the pantry moves with you and with it there is the bottle of fresh olive oil, that one bought from your neighbour, who has the plot adjacent at yours and four olive trees and wanted a kidney in excharge of his genuine oil, but we know that the genuineness costs. The fresh olive oil paradox is that has a cloudy and suspect colour and a poisonous flavour but this oil divides the biomaniac sicilian people, there are those people who wait ONLY the bitter fresh olive oil to eat it with the bread, rigorously made in a country bakery with wood oven, and the people who use ONLY the oil of before year, because it has a reassuring colour and a compatible with human life flavour (me). There is just one thing in common, don’t buy the olive oil at the supermarket, because you don’t know the origin, the olives, when they have been harvested, maybe it’s mixed with motor oil!!!. The bioconspiracy is old hat to sicilians.

8. Rosticceria for breakfast. When you enter in a bar to have the breakfast at 7 o’clock the counters are full of sweets and rosticceria, baked but above all fried food, for example arancine, it’s normal. I think that it was normal in Italy and not only in Sicily. I changed idea after my visit at Vatican Museums.
Once I visited Vatican Museums and considering that they are big my friend Andrea suggested to bring the packed lunch. After 10 o’clock a sicilian already thinks about the lunch, so at half past eleven you expect the rosticceria ready also at bars of Rome.
Bar number one, only rice salad.
Bar number two, rice salad and sandwiches.
Bar number three, rice salad, sandwiches and pizza.
ME: “Excuse me, are there only these dishes?” (Three full counters)
Barman: “What do you mean?”
ME: “Isn’t there rosticceria?”
B.: “There is the rice salad!”
ME: (Yes, now I put the rice in my pocket!). “No, no, rosticceria, I mean arancine, calzoni (baked closed sandwich)…”(iris with meat were a too advanced level request)
B.: “Calzoni? By this time?” O_O
ME: “But it’s even eleven o’clock!”
SILENCE
B.: “Sorry Miss, we have just this food”
When you go to the museum, you learn many things…

9. Badly made arancine. Talking about Rome I remember the poem written by a roman poet, Trilussa. In this poem he writes that happiness is a little thing, for example for the bee the happiness is a flower.
When you wake up at 7 o’clock to go to lesson and outside it’s cold with eight degrees, when it’s recreation time or come out of university after ten hours, or the break time is arrived and you are tired, sleepy, bored or stressed out, happiness could be near. It’s small, cheap, magic and fried! It’s arancina, that hot oily fatty ball that t’arricria, comforts you, before to buy it and after you have eaten it. Thought, desired, yearned and then finally conquered and eaten, after you see the world in a colorful way, pink like the ham, green like the peas and red like meat sauce. The hash house that disappoints these expectations risks the financial collapse (or a huge 800A (sicilian swear word) written with spray paint on the shop window).

10. Badly called arancine. Arancina is female and I talked about this matter here. Unfortunately the sicilians of western side of island call arancine with a male name and in Sicily there is the Big War for the gender of arancine. Really. When the fight about this matter begins, it lasts for hours, days, weeks. Maybe the argument of the post or the article is the sicilian whale or the UFOs in Sicily or the sicilian whales which use flying saucers, it’s not important, if someone writes arancina or arancino in a comment, all following comments are just about the gender of arancinA/arancinO. I swear. If you have to ask an arancina and don’t know if it’s the correct name in the correct place, just point your finger at it.

Soon (I hope) the Second part with other eleven points, stay tuned… 🙂

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )

Le stranezze dei siciliani a tavola

Questa foto è troppo bella e l'ho presa dalla pagina bellissima di Donpasta, il gastrofilosofo per cui "Se hai un problema aggiungi olio"  cucinamilitante.wordpress.com

Questa foto è troppo bella e l’ho presa dalla pagina bellissima di Donpasta, il gastrofilosofo per cui “Se hai un problema aggiungi olio” cucinamilitante.wordpress.com

“ENGLISH” VERSION PART ONE & PART TWO

Fonte ispiratrice di questo post è stata la Signora Mamma, che un bel giorno si mise a raddrizzare il pane messo sottosopra con un fremito di contrarietà maniacale degna del detective Monk quando vede i bottoni allacciati storti : ‘Questo non si mette rovesciato, il pane si mette dritto!
‘E perché?’
‘Perché sì!!!’
Che risposta è? Una risposta molto siciliana direi, non c’è una spiegazione, si fa così da tempo immemore e tu sciocco che chiedi, così fan tutti, è un mistero il perché ma chiedere non si fa.
A quella volta succedettero altre “raddrizzate” inspiegate e quando ne scoprii casualmente il motivo cominciai ad attenzionare tutte le stranezze sicule intorno a me, che quando mi metto a tavola mangio e siedo irradiata di beata ignoranza.

1. Il pane non si mette sottosopra. Perché è il corpo di Cristo. Non perché inspiegabilmente così non si fa, tutti lo sanno e anche tu devi saperlo anche se non sai perché. E nemmeno perché altrimenti cadono tutti i semini, come provò a glissare una volta la Signora Mamma (da noi il pane più gettonato ha il sesamo sopra).

2. Non si butta via niente. Visto che da noi il pane più gettonato ha il sesamo sopra e, o lo metti dritto o lo metti sottosopra, financo tu lo metta in bilico sul bordo del tavolo, ti ritrovi la tovaglia piena di semi e visto che i grissini sono sciccheria da ristorante, visto che un siciliano ha 23 ore su 24 in testa il cibo, visto che il tempo se lo deve passare mentre attende le portate, anche quando i grissini ci sono, visto che non si butta via niente, tutti, immancabilmente, come se avessero un tic, umettano la punta del dito indice e cominciano a puntarlo sui semini sparsi e a mangiarli, come degli uccellini smaniosi. Annuiscono, parlano a denti stretti e pic pic pic, si attaccano i semini al dito e se li portano tra i denti, sistema che consente anche la riumettatura automatica del polpastrello, come nei timbri autoinchiostranti.

3.Il pane a tavola c’è sempre. Con una portata o con dieci, perché come diceva mio padre ‘Ingrassate perché mangiate troppo e mangiate troppo perché mangiate senza pane. Il pane vi fa saziare, così mangiate meno e dimagrite’ (!!!!!!!!!!!). Se avete la panza sapete perché.

4. Ma non c’è mai l’acqua calda a tavola. Ci deve essere sempre l’acqua fredda in inverno, con i cubetti di ghiaccio in estate. L’espressione “temperatura ambiente” viene usata solo dai giardinieri.

5. Se non è fritto probabilmente fa male. La roba arrostita è ammessa solo nelle grandi mangiate in campagna o in terrazza o in balcone o nelle strade tra due isolati recintate dalle macchine. Una parmigiana con le melanzane arrostite non la servono manco in ospedale. Quella del fritto ovunque, dell’unto bisunto praticamente affogato è stata anche discussione con la dolce metà, che mi scansò dai fornelli con un “Tu non sai cucinare!” vedendomi mettere mezzo litro di olio in meno nelle zucchine per la pasta e aggiungere una goccina d’acqua per non farle attaccare. Da allora lui cucina e io vago per casa incomazzata dagli acidi grassi.

6. “Tanto ogghiu unni’ chiange”. Tanto non piange olio, quindi non serve. In Sicilia l’olio viene usato pure per cucinare le pietre, dunque è preziosissimo. Quando si rovescia sulla tavola si alzano tutti e trentacinque commensali. Qualcuno vi dirà perché porta sfortuna, in realtà perché lo compri dal vicino di casa in campagna e costa un occhio della testa, altro che quello in offerta al supermercato. Vedi punto sette.

7. L’olio non si compra al supermercato. Quando sei uno studente universitario fuori sede e fai il trasloco della dispensa, è immancabile la bottiglia di olio nuovo, quello comprato dal vicino, che ha il terreno confinante con il tuo e quattro ulivi contati e te lo ha passato in cambio di un rene, ma la genuinità si sa, ha un prezzo. Il paradosso dell’olio è che quando è appena fatto ha un color oliva torbido e sospetto e un sapore velenoso ma che divide il popolo siciliano biomaniaco, quelli che aspettano solo l’olio nuovo amarissimo per mangiarlo con il pane, rigorosamente da forno a legna fatto nei panifici di campagna, e quelli che usano solo l’olio vecchio, di colore e sapore compatibili con la vita umana (tra cui io). Unica cosa in comune: l’olio non si compra mai al supermercato, che chissà da dove viene, con quali olive l’hanno fatto, in quale secolo sono state raccolte, forse lo hanno tagliato con l’olio da motore!!! Il biokomplottismo in Sicilia è roba vecchia.

8. Rosticceria for breakfast. Avete presente la scena del film “Tre uomini e una gamba“? Quando alle otto Aldo si affaccia dalla finestra dicendo “Finisco la peperonata e scendo”? Quando qui si va a fare colazione al bar alle sette è normale trovare mezzo bancone pieno di dolci e uno e mezzo di rosticceria, sopratutto fritta, e credevo che fosse così in tutta Italia. I Musei Vaticani mi hanno fatto ricredere.
Una volta andai ai Musei Vaticani e poiché sono grandi mi consigliarono di comprare il pranzo e mangiarlo a metà visita. Dalle dieci in poi un siciliano già pensa al pranzo, quindi alle undici e un quarto anche in un bar di Roma chiedi la rosticceria a colpo sicuro.
Bar numero uno, solo insalata di riso.
Bar numero due, insalata di riso e panini.
Bar numero tre, insalata di riso, panini e pizzette.
IO: “Scusi, ma avete solo questo?” (tre banconi pieni)
Barista: “In che senso, signorina?”
IO: “La tavola calda non c’è? “
B:“Sì, sì, certo che c’è! L’insalata di riso!”
IO: (E me la metto in tasca l’insalata di riso?) “No, dico la rosticceria, non avete i calzoni, le arancine…” (già allora percepivo le iris con la carne una richiesta troppo avanzata)
B: “I calzoni? A quest’ora?” O_O
IO: “Eh ma sono già le undici passate!”
SILENZIO
B: “No signorina, c’avemo solo queRsto.”
Quante cose che si imparano andando al museo.

9. Le arancine fatte male. Parlare di Roma mi ha fatto venire in mente quella poesia di Trilussa, “Felicità”: “C’è un’ape che si posa su un bottone di rosa: lo succhia e se ne va. Tutto sommato, la felicità è una piccola cosa.”
Quando ti alzi alle sette per andare a lezione con ben otto gradi fuori che ti tagliano la faccia, quando finalmente arriva la ricreazione oppure esci fuori da dieci ore di lezione all’università e rotoli sul treno che ti porta al paesello, quando arriva la pausa pranzo al lavoro, la felicità è a portata di mano. Piccola, economica, magica e fritta! E’ l’arancina, quella pallina cicciosa, oleosa e calda che t’arricria tutto già quando pensi di comprarla, fino a quando spazzoli l’ultimo boccone e ti penti di non averne comprate due, anche se qui sono così grandi che se ne mangi due finisci in coma. Pensata, bramata, agognata e poi finalmente conquistata e mangiata, dopo il mondo diventa a colori, rosa prosciutto, rosso sugo di carne e verde pisello. Deludere una simile aspettativa può causare un serio dissesto del bilancio di fine mese della rosticceria con picchi che potrebbero culminare in un 800A spray grande quanto tutta la vetrina.

10. Le arancine con il nome sbagliato. Le arancine sono femmine, come qui già detto qui, e basta. Purtroppo dalla parte orientale le chiamano con uno stridente nome maschile, molesto come un’unghiata sulla lavagna. La diatriba quando parte non si ferma più. Provate a leggere qualsiasi articolo sul cibo dove si scrive arancini o arancine, non importa che poi si parli delle balene nel Mediterraneo o degli ufo a Paparedda o delle balene di Paparedda che sorvolano il Mediterraneo a bordo di un disco volante, tutti i commenti sotto si catalizzeranno solo sul sesso delle arancine e sulle azzuffate con gli orientali. Io vi consiglio di crederci senza provare, rischiate di morirci di vecchiaia. Se li dovete ordinare indicateli con il dito e basta.

11. La pizza sfincione. Sempre parlando di incomprensioni culinarie lo sfincione non è una pizza e come per le arancine chiamate con la I a Palermo rischiate un serio linciaggio. E’ un materasso palermitano alto due dita e condito concentrato di pomodoro, cipolla e grascia, visto che quelli più buoni sono sempre quelli venduti dai carrettini costruiti dal nonno e mai puliti dalla nonna dell’ambulante che te lo porge. Decenni di batteri, olio e sputacchi hanno dato il loro contributo ad uno dei migliori street food del mondo, fatevene una ragione.

12. Il dizionario è sbagliato. Se chiedi la frutta di marzapane è sicuro che chiunque ti dirà che in Sicilia il marzapane non esiste, li puoi illuminare chiedendo della frutta martorana e ti porgeranno frutta mandorlosa a secchi. Idem per il pangrattato, il pangrattato non esiste, esiste solo la mollica, o meglio la muddìca.

13. Meglio un figlio satanista che vegano. Credo che caponata e frutta martorana a parte, in Sicilia non esista quasi nulla che non sia fatta con qualcosa che provenga da maiale, pecora o cavallo e sopratutto che non preveda un’innaffiata di pecorino o un’imbottitura di ricotta (solo di pecora). Essere vegano qui rende difficile la sopravvivenza e se non vuoi far morire di crepacuore tua nonna o tua madre è meglio che tu fugga di notte, in un esilio autoimposto, ma non so chi ti aiuterà quando sarai solo, senza amici né famiglia. Essere vegano condanna alla solitudine e all’esclusione da quasi tutte le occasioni mondane dei siciliani, prime fra tutte l’arrustuta di sasizza e pancetta di Pasquetta, del 25 aprile, del 1 maggio, del 2 giugno, di Ferragosto e di tutte le domeniche in cui non si sa cosa fare e qualcuno ha messo a disposizione la campagna, il garage o il balcone di casa.

14. Non mi piace la ricotta di pecora. E’ la variante del punto 13. E’ una rarità, ma esistono, quelli a cui non piace la ricotta di pecora. La pecora dovrebbe essere messa al posto della Medusa sulla bandiera della Trinacria e dichiarata sacra insieme al suo dono piu grande, il latte e la ricotta che ne deriva. Calda, fredda, dolce, salata o al forno è difficile scansarla ma di solito nessuno ha questa intenzione. Odiare la ricotta è come odiare la Nutella, chi dichiara una simile eresia viene visto con sospetto e diffidenza.

15. Mangiare con lentezza. Io e Giovanni siamo siciliani ma quando siamo a tavola la dolce Nespula sembra essere il figlio perduto di Flash Gordon cresciuto in Africa tra gli struzzi. Per fortuna gli opposti, anche quelli almeno un po’, si attraggono e quando mi siedo io la percezione del tempo collassa, sembra un quarto d’ora ma è un ora e un quarto. A tavola si parla e che ci sia una portata o cinque, si perde tempo, ci si rilassa e si fa decompressione, fino al caffé e all’ammazzacaffé. Con Giovanni che ha messo il giubbotto dal secondo secondo (non è l’eco). Pochi hanno capito che mangiare è un piacere quanto i Siciliani ma quando ce lo insegnavano Dolce Nespula era in bagno.

16. Mangiare con sveltezza una fattoria. La realtà a volte impone ritmi ben diversi e allora bisogna mangiare in un vero quarto d’ora (a volte ha ragione pure Dolce Nespula). Ma poiché sempre in Sicilia siamo e alla salute ci teniamo, non ci possiamo accontentare di un semplice piatto di pasta per tutto il pomeriggio, quindi in un quarto d’ora siamo capaci di spazzolarci tre portate più dolce e frutta. Giusto per non svenire al lavoro e reggere fino alla merenda.

17. Il pranzo della domenica non prima delle due. Invitare al pranzo della domenica per mezzogiorno o anche per l’una è maleducazione, che siamo in ospedale? E poi io devo fare un sacco di cose prima! La colazione alle nove, il break alle dieci e mezza, il secondo break alle dodici e mezza, tipo con il gelato, che prima è presto e ti ghiaccia la pancia e poooooi si fa il pranzo, cominciando ad un orario da cristiani, non prima delle due per finire non prima delle quattro. Eccheccaspita è domenica.

18. Bisogna sempre essere pronti per le emergenze. Per questo si fa tanta spesa e si cucina tanto. Potrebbe succedere di tutto e quel tutto succederà il giorno in cui non sarai pronta, come nella migliore versione della Legge di Murphy, quindi in realtà facciamo così per tenere lontana la sfortuna. Potrebbe venire la carestia oppure cadere un millimetro di neve a farci rimanere bloccati in casa perché se non vivi nell’entroterra dell’isola le uniche catene che hai al massimo sono sul cellulare. Mangiare tanto serve a tenere caldi o a dare qualcosa da consumare alle tue cellule nel tempo nelle vacche magre. Potremmo svenire mentre stiamo attraversando le strisce per il rotto della cuffia e morire, a Palermo gli automobilisti guardano il semaforo dei pedoni e partono quando diventa giallo, che tanto tra due minuti il loro diventa verde ed è lo stesso. Potrebbe arrivare un parente con tutti i suoi cinque figli con nuore e generi al seguito o un pullman pieno di turisti potrebbe fermarsi in panne davanti casa nostra e noi non si caccia mai nessuno e comunque stare insieme in allegria è sempre bello. Potresti incontrare degli amici in spiaggia ed invitarli a pranzo sotto l’ombrellone, per questo al mare ci si porta il tavolo con le seggiole e le teglie di anelletti al forno e anche se non incontri nessuno, il mare lo sanno tutti che fa venire una gran fame! 😀

19. Il piatto si lascia pulito. Per le emergenze, vedi punto 18 e per educazione. Se ti mettono mezzo chilo di pasta nel piatto te lo devi mangiare TUTTO perché è stato fatto apposta per te, perché nessuno vuole che tu abbia un calo di zuccheri davanti al semaforo e perché se parli con qualcuno devi sempre dire che c’era forse troppo ma mai troppo poco (mah). Ovviamente devi pure accettare il bis. Il tris puoi scansarlo solo dichiarando di voler lasciare spazio per una doppia porzione di dolce.

20. Però davanti all’ultimo cucchiaio… cominciano a scambiarsi complimenti da fidanzati del primo mese “Prendilo tu, no tu, io sono pieno, no prendilo tu” (in realtà lo vogliono tutti e due e quello che alla fine non si decide a prendere l’ultima mini porzione se ne pente. Io dico sempre sì.)

21. Il formaggio sulla pasta ai frutti di mare. Pure Montalbano se ne lamentava. Più di tutti gli arancini e le pizze sfincione ecco cosa fa partire l’embolo ad un siciliano, il formaggio sulla pasta ai frutti di mare. Se qualcuno vuol farvi lo scalpo con il cucchiaio non vi aiuterà NESSUNO. (e fanno bene)

22. La Terra gira intorno al Sole, la Sicilia intorno al Cibo. Qui in Sicilia si parla sempre di mangiare e si pensa al cibo di continuo. C’è chi arriva a lavoro alle nove e davanti alla macchinetta del caffé si sente chiedere “Che mangi a pranzo?”

Figlioli ricordatevi che si fa per ridere, è ovvio che non mangiamo la caponata ogni giorno a colazione e nemmeno i cannoli (anche se i turisti pensano di sì), ma se capita nessuno si sente sacrificato e di certo non è impensabile che possa capitare (io la caponata a colazione l’ho mangiata, però erano le undici U_U) 🙂

Se vuoi un consiglio su dove mangiare a Trapani a colpo sicuro ecco QUA
Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉

La Festa dei Morti in Sicilia. Bambini coraggiosi a caccia dei doni dei morti si ingozzano di frutta nata dalle paranoie domestiche di un manipolo di suore.

La festa dei morti in Sicilia

‘In Sicilia i bambini non hanno paura dei morti. In Sicilia la morte ha la leggiadria di una pupa di zucchero, una ballerina di acqua e carie che non risparmia la sua man(molto) forte alla glassa sui taralli, il profumo delle mandorle e i colori della frutta martorana, ha la dolcezza rubino delle melagrane con il vino, fa il rumore dei giocattoli nuovi e ti emoziona con una caccia al tesoro. In casa sono venuti i morti.

Sparsi per il mondo vi sono bambini fortunati che ricevono doni il giorno di Natale. In Italia i bambini sono ancora più fortunati perché se fanno i buoni poi arriva pure la Befana a fare doni. Ma ai bimbi siciliani va ancora meglio, perché se dicono le preghiere e lasciano un po’ di cibo sul tavolo la notte tra l’1 e il 2 Novembre, nella loro casa verrà qualcuno mentre dormono, non Babbo Natale o la Befana, che quelli sono di tutti e a tutti pensano nello stesso modo, ma qualcuno venuto solo per loro, i nonni, una mamma o un papà che non ci sono più. Non passano la nottata in tante case piene di sconosciuti, ma visitano solo quella dei loro bambini cari, li vengono a trovare, gli danno baci e carezze, invisibili ai loro occhi chiusi. Poi prendono la cesta lasciata sotto il letto e la riempiono di regali, doni speciali, più amorevoli, pieni dell’affetto esclusivo di chi non c’è più ma ci sarebbe stato solo per loro. La morte non fa paura ai bambini siciliani, come possono farti paura il nonno o la nonna? Che poi da quella casa non se ne vogliono andare e prendono tempo per nascondere il cesto, immaginando divertiti la trepidante ricerca dei piccoli, è così che i nonni che non ci sono più giocano con i nipotini nel giorno in cui i due mondi si incontrano

Vorrei poter dire di essere stata una di quei bambini senza paura e aver vissuto così poeticamente questa ricorrenza. I bambini temono i cavalli alti, hanno paura del fuoco e non toccano i serpenti ma se i nonni vengono dall’Aldilà e portano dolci e regali va bene. Io la notte del due vivevo nel terrore. Da piccola salivo sui cavalli alti, ero piromane e quella sera immaginavo la casa piena di scheletrini, i nonni dai teschi sorridenti usciti dalla tomba con tanti regali venivano a casa nostra e facevano festa, si sedevano sul nostro letto ed erano contenti di vederci e starci vicino, erano buoni ma non riuscivo a dissociarli dalla loro materialità, anche da morti, e questo mi riempiva di terrore.

Il sonno però vinceva sulla paura perché io e mia sorella eravamo rimaste alzate a giocare fino a tardi, che tanto domani non c’era scuola, e senza accorgermene chiudevo gli occhi. Il giorno dopo lo sapevo che c’erano i regali e che ancora una volta i nonni me l’avevano fatta sotto il naso, erano stati lì, tutti e quattro, forse venuti tre minuti dopo l’ultima volta che avevo guardato la lucetta d’emergenza, quella che ti serve per trovare la strada in camera tua se ti scappa la pipì di notte, o se hai paura dei mostri che escono dai sogni e da sotto il letto, ma se li avessi visti che avrei fatto? avrei urlato, sarei stata immobile o avrei domandato? E chiedevo ‘Ma i nonni sono degli scheletri?’. Le ovvie risposte non convincevano ma tutte le perplessità scientifiche erano messe da parte con la caccia ai regali. Mi ricordo ancora un’enorme bambola bionda, con il vestito blu scuro pieno di fiori nascosta dietro al divano o la camicia da notte di pile rosa fragola dentro la casetta di Biancaneve, che ancora le stagioni di mezzo esistevano e si poteva provare subito. E la paura passava, tanto anche la notte era passata, gli scheletri erano ormai venuti e di sicuro i nonni erano buoni e anche se non li avevamo mai conosciuti loro a noi pensavano sempre. Quelli di Partinico portavano i taralli, biscottoni rotondi a treccia con la glassa bianca sopra e i “pupaccena“, le statuine cave di zucchero duro dipinto che duravano fino a Natale e cominciavi a rompere da dietro, per non rovinare il disegno, quelli di Locogrande portavano le melagrane da sgranare e mangiare con lo zucchero e il vino, e le castagne e le nocciole.

Dopo si usciva e si andava a ringraziare i nonni al cimitero, si portavano i fiori. Per strada allora si capiva che era novembre anche senza guardare il calendario, si calpestavano le foglie secche con le scarpe nuove, sempre e solo ballerine-nere-di vernice, e si raccoglievano quelle buone per fare i lavoretti a scuola e incollarle sul quaderno per scriverci sopra “E’arrivato l’Autunno“.

Appena rientravi a casa si giocava con i giochi nuovi e ci si ingozzava di frutta martorana, frutta finta dipinta, più bella di quella vera e più cicciosa dell’immaginabile. La frutta martorana non è altro che marzapane, una pasta di mandorle e zucchero inventata dagli Arabi, quelli di una volta, che amavano le cose belle, così buona e dolce da schiantarti il cuore, in tutti i sensi. Se cercate di comprarla qua però non chiedete il marzapane, nessuno sa cosa sia, chiedete la frutta martorana e vi porgeranno secchiate di fragole e lumache mandorlose. L’idea di farle a forma di frutta fu delle suore del convento benedettino fondato dalla nobildonna Eloisa Martorana, vicino la Chiesa bizantina Santa Maria dell’Ammiraglio, detta pure lei la Martorana, a Palermo, perché doveva venire il papa e non c’è donna, con il velo e senza, che non vada in paranoia quando riceve ospiti in casa, figuriamoci se viene lui. La paranoia di quelle poverette fu il giardino senza frutti, “E come facciamo? come facciamo? Li facciamo finti ma che si possono mangiare e li appendiamo agli alberi!” Grande sorella, brava!

Se ci riuscite compratela dai privati, quella delle pasticcerie spesso è solo bellissima e carissima, fatevela fare da una nonna o da una parente che ancora vive in Sicilia, fatevela regalare da quel coinquilino siciliano emigrato nell’estero italiota per frequentare l’università, tanto lo so che sua madre e sua nonna gliela spediscono insieme ai barattoli di salsa fatta in casa, che quella comprata fa venire la gastrite.

Post in ritardo come al solito ma ero troppo impegnata a ritagliare figurine di carta velina per Halloween e mangiare frutta martorana portata dai nonni morti con mia nipote e insomma alla fine il post vale lo stesso su questo blog, sopratutto perché si parla di gozzoviglie e serate ciccione, tanto per cambiare.

Non so di dove siete voi che leggete ma questo è il periodo in cui Facebook ti si riempie di foto di gente in mostruosa maschera, progettata da due settimane, e links con tanto di giovane barbuto ‘Io dico sì a Gesù e no ad Halloween pagano‘. Peccato che venga tutto da lì, anche il nostro Giorno dei Morti, e che qui sia arrivata la versione cristianizzata, quindi lecita, ma con qualche modifica, i morti non sono spiriti dispettosi da tenere lontani con maschere e zucche mostruose ma sono buoni e tornano per dimostrarci affetto, non vai a “tuppuliare” casa casa per chiedere dolci ma li portano loro, sono visite attese, non scongiurate. Qui la Festa dei morti è davvero una festa, e tutti ma proprio tutti vanno a trovare i loro cari, almeno una volta l’anno, magari per alcuni è più un’occasione per mettersi la coscienza a posto e spettegolare e tutto è calmo e sereno oppure commovente ma non straziante.

Trovo molto poetico dedicare una giornata a chi non c’è più e viverlo con affetto, dedicarsi alla cucina, al gioco, alle visite e vivere tutto senza troppa tristezza ma come un momento di comunione, vicinanza e gratitudine e trasmetterlo ai bimbi come tale, anche se c’è chi lo trova scandaloso e di cattivo gusto. In realtà amo pure il nuovo Halloween, perché ogni occasione per mascherarsi è bella secondo me, ma anche questo desta scandalo e insomma fate come vi pare che ad ascoltare gli altri non si fa mai niente di bello.

Faccio come mia nipote che ha otto anni e ha capito tutto, festeggia l’evento orrorifico e quello tradizionale, come molti bambini qui in Sicilia, si veste da strega e non teme i morti e ora la casa non è invasa solo di mandorle ma pure di zucca, che mangiare solo dolci fa male!

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )

Arancina is female! About a war for the gender of the most famous rice ball of the world.

Sicilian language arancini arancina

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

Sicily is not a quiet island. There are volcanos, earthquakes and…sicilians who argue. In particular the sicilians of western side and the sicilians of eastern one. Palermo is in the vanguard of West and Catania and Messina “command” the East. The disputes are about soccer (clearly), culture and food, even the food’s names. Sicilians are able to fight for a vowel, litterally. Above all they fight about the gender of the most famous rice ball in the world, the arancinA (female name)/arancinO (male name)…from centuries.

In Italy the male names often end with O in the singular and with I in the plural, whereas the female names end with A (singular) and E (plural) in most cases.

Some years ago, to increase my books collection without tears, I printed the tales written by the most famous living sicilian writer Andrea Camilleri “Gli arancini di Montalbano“, free downloaded, printed and stapled decently to not lose three or four diopters and because I don’t like these fake books made by bites and one of these tales is “Gli arancini di Montalbano” indeed.

The story is set during the days near the end of year and the police commissioner Salvo Montalbano reject the invite of his girlfriend Livia to celebrate the last day of the year in France. Salvo is a food lover and a fine expert of sicilian cooking and he wants to stay at home and eat the “arancini” made by his “cammaréra“, maid, Adelina, the mother of two previous offenders, two petty criminals, arrested once no and twice yes by Salvo. One of them is arrested exactly during those days and Salvo tries to help him not for altruism but to eat the arancini.

But the matter about which I wanted to talk wasn’t this. The matter is that every time I thought the title those arancinI drove me mad, with that “I” strident like a nail on the board. How can that happen? This writer is very famous in Italy and his peculiarities are the acuity and writing in sicilian dialect! He writes “vruoccoli” (broccoli) and “vastasi” (rude), so why does he write “arancini”?, arancini is an italian word! it’s a typical sicilian recipe and the correct name is arancinE, female, and not arancinI, male. In that time I thought that and saw that title like a treason, because even I didn’t know about the “ Great War of Arancine“.

But some time after I ‘knew’ Fabbro. I put it between quotes because I talk with Fabbro from 5 years and I never shook his hand. We talk talk talk and talk on Facebook, I from Trapani and he from Messina, I tell him my whimperings and he tells me his bad lucks and we have never meet yet, we don’t want to run the risk of realizing finally that we are two nuisances and decide to not talk anymore. With Fabbro, at least once a year, on the day of Saint Lucia (in western Sicily, Trapani and Palermo, we use to eat fried rice balls and cuccìa, made with wheat, because we cannot eat pasta and bread on that day but, in reality, it’s just the perfect excuse to stuff ourself of prohibited fried food full of millions of calories), I argue because of these blessed arancine. That he calls arancinI. But I call arancinE. But he insists on calling them with the I / O (such as donkeys I would say 😀 ).

In this way I discovered that arancinI isn’t only an italian word but also a sicilian word!

On this question, the gender of rice balls, there is a real war in the island, because Palermo, Trapani and western area of Agrigento call them arancine, with the female name, because they are like small oranges, and in italian orange is “arancia/arance” (female names with A/E in italian language, do you remember?), the eastern part of the island calls these balls arancinI, because in Sicilian dialect orange is (also) ‘aranciu’, arancio, male. This would be wrong in italian language because the male names indicate the tree and not the fruit but in sicilian dialect there isn’t this difference and also the fruit would be male. So, why in italian are these balls called arancini, isn’t it wrong? No, because it’s the directly adaptation from the dialect, but losting the starting concept, it’s like a little orange! Recapitulating : Western Sicily arancine, Italy and Eastern Sicily arancini… only that they make a pyramid, not a ball, in honor of the volcano Etna (and because you can eat them while they open in a more manageable and decent way). Right here the first controversy by Occidentals could be: assuming that the correct name should be masculine because orange is aranciu in dialect, when you make it like a cone, the orange goes to hell, no? Call it Vulcanello (little volcano)! I’m confusing too, imagine the confusion there is in Sicily!

On this subject you find blogs, articles, comments and thousands of “sciarre“, quarrels, because if you decline it in the masculine in Palermo, palermitans are offended (and I attack with a feminist conference that never ends on the matter of the female orange and the shape and golden breading and blabla too) and the historic rivalry between the sicilian capital and the eastern Sicily takes off and continues beyond the scoop of rice.

Unfortunately, the authorship of antediluvian recipe of this milestone of sicilian cooking is unknown, we can’t solve the issue of copyright and hence there is the problem that the inventor is not one but many. The recipe was begun by the Arabs before A.D. 1000 or better once upon a time the emir of Syracuse Ibn at Timnah for which they created the rice timbale seasoned with saffron and enriched with herbs and meat to carry it around during the hunting and then Federico II, another glutton sovereign, came and his court ordered to prepare the timbale with the brilliant fried breading that prevents the breaking of the ball (the right size is that of tennis ball, unless you go to the bar Touring in Palermo where they make arancine “bomb”) and allowed a better preservation during trips around the island. When in the second half of 19th century there was the spread of tomato in the cooking, the sicilian gluttons were definitively ruined and the monsù (from french “Monsieur”), the French chefs serving the Sicilian nobles, to rice and saffron added the sauce with the meat, exactly in the middle, and made the rice ball with surprise, the arancina.

In Sicily there are the classic ones with meat sauce or with butter and ham, typical at Trapani and Palermo, at Messina with pistachios and then also in thousand thousands variants, at Trapani I found that one with seafood and, wandering from town to town, with the boar, with broccoli and salmon. There are also those stuffed of Nutella and covered with sugar and some people think that once the original version of them for Saint Lucia was sweet, but today they are considered a heresy and simply inedible.

Perhaps it would be more correct to call them with I because the name is in dialect, but I have trained all my friends of the continent to use the female version because it is a small orange and who cares if the orange in dialect is an aranciu. Because eating an arancina is a voluptuous experience, it’s warm and round, squeaks when you bite it, that feeling that gives you is a little shock to the senses, with the sense of smell, with tongue and thought you get to that fragrant rice with saffron, pasted with starch but with distinct grains, and then arrive to filling, in an almost orgasmic satisfaction that continues in subsequent bites, where stuffing, rice and breading remain separate but in the same mouthful and there aren’t many dishes that give you an alike satisfaction. Do you want to call this magnificence with a male name? It’s hard.

At the end I like the female arancina, maybe, probably, is the habit but I like that fuller and langer sound that ends with A, that we italians pronounce with the open mouth, as we had to show the throat to the doctor, arancina reminds me of the fullness and the softness of woman, her body, her breasts, I can’t called it in another way, the “womanliness” becomes it more.

I don’t know how you should call it for not being lynched on the public way, certainly if you take the field to discuss it you become old and won’t solve the centenary question but in the end the most important thing is eating and enjoying it, maybe if you have time you can do it, in the variations that you prefer, as the famous Adelina did, who uses a different recipe here, perhaps because she’s from Agrigento, I tried to translate it from sicilian dialect:

“Adelina spent two days to prepare them. She knew, from memory, the recipe. The day before you make an “aggrassato”, a stew, of beef and pork in equal parts, that must cook in a slow fire for hours and hours with onion, tomatoes, celery, parsley and basil. The next day you prepare a risotto, what they call “alla milanese” (without saffron, for Heaven’s sake!), it is poured on top of a table, knead with the eggs and let cool. Meanwhile you cook peas, make a sauce, reduce in small pieces some slices of salami and make a whole, grinded by mezzaluna knife (no blender, please). The sauce with meat is blended with risotto. At this point you take some risotto, set it in the palm of a hand made like a bowl and put in spoonful of compost and cover it with other rice to form a nice ball. Each ball rolls in flour, then it’s passed into the albumen and bread crumb. After, all arancini are fried in a pot full of hot oil until they change color, like old gold. They let drain on paper. And in the end, thanking God, you eat.” AMEN.

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )
If you prefer to sleep in Granveliero and partecipate to cooking workshops write to granveliero@gmail.com

L’arancina è fimmina come le minne

Sicilian language arancini arancina

Ecco e così posso già chiudere il post, con una frase lapidaria, che tanto a questa diatriba isolana sull’arancinA/arancinO non c’è rimedio perciò io dico che è così e un messinese dirà e dice che così non è per niente.

Anni fa, nella smania di aumentare la mia collezione libresca senza piangere, mi andai a stampare la raccolta di racconti scritti da Andrea Camilleri ‘Gli arancini di Montalbano‘ scaricata aggratis da internet e stampata e spillettata decorosamente per non appizzarci gli occhi (e perché a me ‘sti libri che non esistono simpatia non ne fanno proprio). Due racconti tra tutti ricordo ancora, il piccolissimo ‘Montalbano si rifiuta’, di cui parlerò un’altra volta perché dice assai sul motivo per cui questi uomini, Vero e Inventato, sono amati e ‘Gli arancini di Montalbano’ appunto.

È ambientato sotto le feste, a Capodanno, e Salvo si rifiuta di raggiungere la fidanzata Livia in Francia per potersi mangiare gli arancini della sua cammarèra Adelina, una cammarera che lui non cambierebbe con nessuno, la mamma di due pregiudicati arrestati una volta no e due sì proprio da lui. Uno di questi giusto giusto viene arrestato per Capodanno e Salvo si butterà nelle indagini non tanto per aiutare lui ma per potersi mangiare gli arancini.

La questione però che volevo raccontarvi non è questa. La questione era che man mano che leggevo i racconti io pensavo al titolo e non potevo trovare pace per quegli arancini, con quella I che suonava come un’unghiata sulla lavagna. Ma com’è possibile che questo qua mi sparge vruoccoli e vastasi romanzi romanzi e poi mi italianizza le arancine??? Mizzica! Camilleri si è venduto così all’ignorante italiota? Io lo vedevo allora quasi come un tradimento perché ancora non sapevo nulla di questa grande guerra delle arancine.

Ma qualche tempo dopo ‘conobbi’ Fabbro. Lo metto tra virgolette perché io, in 5 anni che lo conosco, a Fabbro non ho mai stretto la mano ma parliamo parliamo parliamo e parliamo su Facebook, io da Trapani e lui da Messina, io gli conto i piagnistei miei e lui mi racconta le sfighe sue e ancora non ci siamo mai visti, metti che ci rendiamo finalmente conto di essere due rompiballe e non ci parliamo più. Con Fabbro, almeno una volta l’anno, il giorno di Santa Lucia (nella Sicilia occidentale, a Trapani e a Palermo, si usa mangiare le arancine di riso e la cuccìa di grano perché non si può mangiare la pasta e il pane in tale giorno ma in realtá è solo la scusa perfetta per sfondarsi di rosticceria.), si litiga per queste benedette arancine. Che lui chiama arancini. Ma che io chiamo arancine. Ma che lui insiste a chiamare con la I/O (come i somarelli mi verrebbe da dire 😀 ).

Sulla presente questione ci litiga tutta l’isola da sempre, Palermo, Trapani e la zona ovest di Agrigento le chiamano arancine, come piccole arance, la parte est dell’isola li chiama arancini, perché in dialetto siciliano arancia si dice ‘aranciu’…solo che le fanno a piramide, in onore del vulcano Etna (e perché mentre le mangi si aprono in un modo più gestibile e decoroso). Proprio qui potrebbe scattare la prima polemica dell’occidentale: ammesso che il nome giusto debba essere al maschile perché arancia in dialetto è aranciu, nel momento in cui la fai a cono l’arancia va a farsi benedire, no? Chiamalo Vulcanello!

Sull’argomento ci trovate blogs, articoli, migliaia di commenti e “sciarre”, quasi delle risse, perché se a Palermo lo declini al maschile si offendono (e pure io attacco con una conferenza femminista che non finisce più sul discorso dell’arancia e della forma e della panatura dorata e blabla) e la storica rivalità tra il capoluogo e la Sicilia orientale prende il volo e continua ben oltre la pallina di riso.

Purtroppo sulla paternità di questo ‘pezzo’ di rosticceria dalla ricetta antidiluviana c’è poco da capire, non risolve la questione del copyright e quindi c’è pure il problema dell’inventore che non è uno bensì un casino. La ricetta fu iniziata dagli arabi prima dell’anno 1000 o meglio c’era una volta l’emiro di Siracusa Ibn at Timnah che si fece creare il timballo di riso condito di zafferano e arricchito di erbe e carne per poterselo portare in giro durante le battute di caccia e poi arrivò Federico II, altro sovrano mangione la cui corte gli fece preparare il timballo con la geniale panatura fritta, che non faceva rompere la pallina (della grandezza giusta per giocarci a tennis o poco più, a meno che non andate al Bar Touring di Palermo che fa le arancine bomba) e ne permetteva una migliore conservazione durante i viaggi in giro per l’isola. Quando nella seconda metà dell’800 cominciò a diffondersi il pomodoro in cucina, i mangioni trinacrioti furono definitivamente rovinati e al riso e zafferano i monsù (da “Monsieur”), ovvero i cuochi francesi al servizio dei nobili siciliani, aggiunsero il sugo con la carne proprio al centro e fecero la palla di riso con sorpresa, ovvero l’arancina.

In Sicilia si fanno quelle classiche con il ragù e il burro a Trapani e a Palermo, con i pistacchi a Messina e poi in millemila varianti, a Trapani ho trovato quella ai frutti di mare e, gironzolando di città in città, con il cinghiale, con i broccoli e con il salmone. Esistono pure quelle alla Nutella coperte di zucchero e c’è chi pensa che una volta la versione dell’arancina di Santa Lucia fosse dolce, ma oggi sono considerate semplicemente un’eresia nonché immangiabili.

Forse sarebbe più giusto chiamarli al maschile visto che il nome è in dialetto ma io ho istruito tutti i miei amici del Continente sulla dicitura femminile perché è una piccola arancia e chissene se in dialetto l’arancia è un aranciu. Perché mangiare l’arancina è un’esperienza voluttuosa, è calda e tonda, quando l’addenti senti quello scricchiolio che ti da una piccola scossa ai sensi, con l’olfatto, con la lingua e col pensiero arrivi a quel riso profumato di zafferano, incollato d’amido ma con i chicchi ben distinti e poi finisci nel ripieno, in una soddisfazione quasi orgasmica che continua nei morsi successivi, dove ripieno, riso e panatura restano distinte ma nello stesso boccone e non sono tanti i piatti che ti danno un appagamento così complesso. Tu mi vuoi chiamare una cosa simile arancino?

Una volta il mio amico Lorenzo, grande appassionato di B-movie e della signora Fenech mi spiegò la sua devozione alla bellezza di questa donna ‘che ti guarderesti sempre per il semplice fatto che è fatta di carne vera, con quelle minne morbide e pesanti, che non c’entrano niente con quei seni al silicone alti e sempre sull’attenti, che appena li vedi ti sanno di ospedale e ti viene il mal di pancia‘. Non so perché mi sia venuto in mente lui mentre scrivevo ma parlare della voluttà di un piatto mi ha fatto ricordare la voluttà di certe parole e delle sensazioni che ci rimandano, a prescindere da quanto siano grammaticalmente corrette o educate, pronunciabili in pubblico, e alla fine a me l’arancina femmina piace di più, forse, probabilmente, è l’abitudine ma mi piace quel suono tondo e grande che finisce con la A, come le minne, che subito ti fanno pensare ad una consistenza umana e reale, di carne e morbidezza, ben più degli educati seni.

Non so come vi conviene chiamarla per non essere linciati sulla pubblica via, di certo se scenderete in campo a discuterne ci diventerete vecchi e non ne sarete venuti a capo nemmeno allora ma tanto l’importante è mangiarla e goderne, magari se avete tempo anche farla, nelle varianti che preferite, come faceva la famosa Adelina di cui sopra, che qui usa una ricetta diversa ancora, forse perché delle zone di Agrigento:

Adelina ci metteva due jornate sane sane a pripararli. Ne sapeva, a memoria, la ricetta. Il giorno avanti si fa un aggrassato di vitellone e di maiale in parti uguali che deve còciri a foco lentissimi per ore e ore con cipolla, pummadoro, sedano, prezzemolo e basilico. Il giorno appresso si pripara un risotto, quello che chiamano alla milanìsa, (senza zaffirano, pi carità!), lo si versa sopra a una tavola, ci si impastano le ova e lo si fa rifriddàre. Intanto si còcino i pisellini, si fa una besciamella, si riducono a pezzettini ‘na poco di fette di salame e di fa tutta una composta con la carne aggrassata, triturata a mano con la mezzaluna (nenti frullatore, pì carità di Dio!). Il suco della carne s’ammisca con risotto. A questo punto si piglia tanticchia di risotto, s’assistema nel palmo d’una mano fatta a conca, ci si mette dentro quanto un cucchiaio di composta e copre con dell’altro riso a formare una bella palla. Ogni palla la si fa rotolare nella farina, poi si passa nel bianco d’ovo e nel pane grattato. Doppo, tutti gli arancini s’infilano in una padeddra d’oglio bollente e si fanno friggere fino a quando pigliano un colore d’oro vecchio. Si lasciano scolare sulla carta. E alla fine, ringraziannu u Signiruzzu, si mangiano”. AMEN.

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )

But is Palermo safe? I lived there for many years but I never took a picture of this city. Because mi scantavo. A post dedicated to the search of freedom to walking.

One of the biggest trees in Italy, the Ficus of Giardino Garibaldi in Palermo

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

I left my house in Palermo two months ago and now I must to return there only to wave a form under the nose of a “sturduta” (dumb) secretary of maybe the biggest but surely the most disorganized university of the island, otherwise I can’t do the exam. No, no fax and no, not even an email…and if they don’t even answer the telephone it’s not because they haven’t that opposable finger thanks to which we did evolutionary jump but because of the lagnusìa, the laziness that makes bureaucracy in Sicily slow like a sloth, that hasn’t really the opposable finger so it does nothing but at any rate it’s justified. They’ll solve everything in two minutes but I must lose two hours to go and other two to return by bus, without counting the others lost in line in front of the only open counter among twenty others.

Seeing as I will lose half of the day I decide to lose the second half one and do a thing that I didn’t ever do during the many years olden in this city. I’ll walk with a reflex camera.

I didn’t ever do it because “mi scantavo“, I was afraid to do it.

So many times walking I would have it with me, there are so many beautiful things in Palermo, usual and uncommon. I knew that my time here would be limited and this city is very important for me, the memory sways, the age doesn’t help and I want remember, I would look and look again Palermo, always, also if my time there is ended for now. I haven’t only one photo of Palermo, whether of that one I lived or of tourist one, because I was terrorised, I daydreamed about poses and scenes but reflex remained closed in its bag at home. My camera is not precious, it’s a little reflex with a screwed piece of glass, but it’s one of the few things that I bought with my money just for me. I don’t like many things but during the shopping I didn’t remember anything of them and spent my money for the presents for others and when the memory came back I was flat broke. But the most important thing is being satisfied. For this reason I made few more concrete presents for myself: some low cost flight tickets to Rome and this little Canon Eos 1000D with a piece of glass of 18-55 mm. I adore it. It’s my little, my loved, my reserve of memories and little satisfactions, I can’t allow that any guy purse snatches it to sell it for just 200 euros after have thrown the memory card full of blurry photos of views and my niece in company of a different My Little Pony every time in a drain.This is no laughing matter.

When I enrolled at University my coming rommates, already broken in living in Palermo, had described the city like a sicilian far west, the more unforgettable warning was ‘Don’t walk near the doors, they draw you in when you least expect it!’ We went out all together only with a guy…we were FOUR girls!!! The guy would have to be our protect, the person would have to receive chivalrously a bunch of punches and offer his wallet. On one occasion my roommate became hysterical seeing me with the hood worn up to eyes because she had suffered a robbery at supermarket and the thief was dressed in that way, she hasn’t a good memory of hoods but didn’t remember that the prices of that supermarket were revised just for the university students, THAT was the real robbery. To prevent the purse snatchings ‘Put back the money in the bag when you are still in the shop!’

Dunno.

When I stayed alone at home for the first time it was because I would have to take the bus for Trapani at 7 p.m. and in winter there is dark and I was too afraid of going alone to the station, all looked monsters, criminals and killers, I imagined myself robbed and strangled under a tree, so I decided to stay one night again at home. Alone. The door closed with three turns of key. Three up and three down. And the chain. My fellow students (strangely only the men) were often blocked and robbed, they were terrorised. When I went to Palermo from Trapani to follow lessons I put the money in a secret pocket stitched on purpose. I’ve a friend who has be never stopped, he could speak a perfect palermitan dialect, it brought in goose bumps, a marked and unintelligible lullabye, where to say ‘Cosa’ (What or thing) you have to open the mouth like a hooven and say ‘Cuoasa‘ (untranslatable) and dressed black jacket with the hood up to the eyes, he seemed more criminal than some shady people circulating in those areas of Palermo. The universitary area was, is like this. This one intersects much with the most famous and accessible (because near the Stazione Centrale) tourist area, the triangle of Cattedrale, Via Maqueda and the Kalsa. The tourist area is in a very degraded area of Palermo but not the most degraded one.

It never happened anything bad

Palermo is leopard and you can see a parisian café near a dirty panellaro (who makes bread with panelle, often in the street) and universitary students walk among black kids, Pakistani guys and chinese women and turning the angle bump the nose into shaved eyebrows of palermitan hero of “New melodic” music of the moment and avoid tourists with red skin.

One day I was with a troupe to shoot a videoclip in Via Bara all’Olivella. Once this street was a little Bronx, full of rubbish and little reassuring faces but now, seeing as it’s the only street from which a beautiful glimpse of Teatro Massimo is visible, is full of little shops for tourists, restaurants, small tables and parasols, it’s so full that the glimpse is no more visible. There is only a really beautiful thing here, the “Teatro dei Pupi di Mimmo Cuticchio” (The Theatre of Puppets of Mimmo Cuticchio).
We shooted a video, there were many thousands of euros between lens, reflex cameras and sliders and among meddlers and storekeepers, by now become our partners of work, the warning “Look at mopeds” (Here there are snatchers) was inevitable.
Noboby stole nothing and our level of attention was normal, after all we had to work.

I was never plundered nor kidnapped and I walk serenely near the doors but I put the money in the purse before to exit the shop, I think that it’s a good habit everywhere, when you can do it. Sometimes a man “ti sconcica“, whistles and congratulates your mum, but you can ignore them and go on without lookin them, they will knock it off. I went back home also alone, also with dark but always when there is still somebody, workers who returned for the dinner, and I’m alive and without a bad experience to tell you. I went back home also by bike, at midnight, from Palazzo Pantelleria to Policlinico, with the terror up to my neck, because one never knows. Nobody stopped me, never, but the few pedestrians looked me like a fool.

Once a friend from Rome, Favetta, came and saw me in Palermo. His hotel was at Ballarò (one of the three storical markets of Palermo) and I reached him by bike. After a evening spent to dance tango in very degraded areas of the city, back Chiesa of San Domenico, that during the evening is inflamed of arts and beauty in some little places, we stepped towards home, me, he and the bike beside. “Come on!, run to home, it’s late and you are alone and with the bike, I’ll try to find the way to go back hotel, I think that it’s near, surely we’ll arrive in the same moment, go!”. Me: “Favetta, I went all the way many times. The other times wasn’t so late but I have a heavy chain and a shrill voice and no hesitation to use them (above all the chain). However strange it may sound but it’s more probable that they stop you because you are a man and not me, because I’m a woman (this is my personal statistic), with that face then!”. Which face? Imagine Woody Allen, but with mustache like inspector Jacques Clouseau, he fancies himself as Serpico but he’s really like Sam, he’s one of my best friends, how could I leave alone a so funny and sweet friend? I couldn’t. Also because during the return he tried to make way and even me almost was losing the way in the second biggest european old town. During 30 minutes of walking we met vagabonds and strange people, even an old man who asked cigarettes…from the balcony, he just lowered “‘u panaro“(the basket). But we are still alive and not traumatized.

I looked many tourists walking with the cameras hanging by the neck, quiet and smiling but I have heard of many bag-snatchings…

…therefore is Palermo safe or not?

There are many people, many foreigns and some delinquents. Like in every big city in the world.
Is it safe? More than New york and London surely, it seems more than Oslo, if you “te l’accolli“, risk to go there, why not to Palermo? Out of this city there are girls who believe that here people are kidnapped in the dark places, that there are shootings in the middle of the road and that the life is worth a cigarettes pack. But this is not “Il Padrino“! -_-‘
In reality the rules to stay good here are those of common sense, but those are valid everywhere there are more than 100.000 citizens. The petty crime is widespread here, it’s true, but in the morning there are so many people and tourists and students who walk quiet, also with the reflex cameras and if you are in difficulty you can shout, at least 200 turn in your direction and you are safe but it would be a unlucky coincidence.
The evening is more dangerous. Don’t defy the luck, I do many times but only because it was necessary and also if nothing ever happened maybe I’ve been really lucky, so I suggest you to walk in two and not alone. Alone is safe if you walk where there are light and some people but in two is better, at any rate you don’t walk with terror and relish more the stroll. Look out but without paranoias. The area of Magione is more thorny after the sunset because out of the squares of light near the places it’s desert and isolated and don’t underestimate also Via Roma/Via Maqueda in the evening. I don’t want to do psychological terrorism, my experience was absolutely positive for years but it’s always a big city, look out but without terror, Palermo is safe enough. Of course if you go to Brancaccio the situation is totally different, that area is dangerous also in the morning but it’s not necessary to go there, there’s nothing of interesting.

But therefore if all walk quiet with reflex camera, why are you afraid, Anna?
Because I’m only a human, though, and sometimes others wash my brain with their fears and worries and those times I doubt of beeing just lucky for ten years.
Some days ago they have stole the silver flower of Santa Rosalia. This sculpture is poor and it was the only precious ornament. Here they say “Viva Palermo e Santa Rosalia!“, “Long live to Palermo and Santa Rosalia”, so far I belived that Palermitans don’t love only their city but not even Santuzza, the little Saint, survived to insult, how can I survive?

che camurrìa, how inconvenience! Enough! Let’s take out the reflex, well hanging by the neck, relaxed, without problems. And voila! The first pictures of Palermo, at Kalsa and Casa Professa, timid and pathetic photos, it was he first time and…nothing happened, again! I held hanging by the neck, up the backpack put counter, forward like a infant, to support the arms and rest, to take pictures and make more difficult a bag-snatching, of backpack and reflex camera. Lo “scanto“, the fear, was passing and getting to like take pictures in Casa Professa, click,click,click, How many things I can immortalize now, I love you Palermo and I want to see you ever. You scared me and now no more. I was afraid to exit alone and now no more (not too at least). Now I see you with different eyes and I use the bike (because I know where to hide it). Now I can take pictures of you, finally! Click, click, click holy mackerel! It put out! I forgot to recharge the battery!

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )
If you prefer to sleep in Granveliero and partecipate to cooking workshops write to granveliero@gmail.com

Ancient wooden ceilings?

Il pannello di legno dipinto di un antico soffitto

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

Three or four weeks ago, during a walking full of relax and love, Giovanni wasn’t able to stand and tried to provoke me saying allusive “Do we go there?

Therefore, if your boyfriend, appealing to your weakness and taking advantage of the distance from everything and everybody, looks at you with that hopeful gaze because wants to take you there, where you mustn’t go, because you can’t, because it’s prohibited, absolutely not…how can you say no?

So we went to our favourite antique market

This place (that for now I don’t reveal, bacause you could go there and find a bargain earlier than me) is our perversion/ moment of masochism.
Yes, because they sound off hysterical prices for an old jug of the end of XIX° century but really hip during Norman domination in Sicily (ehm…>_>)

Don’t misunderstand me, it’s a real antique market and there are many beautiful antique things but not so antique! They amplify the dates, very much, above all if they see two simple looking guys. Here we negotiate until the last cent, after all we descend from Arabians, so often that’s how it goes sometimes: you ogle a thing, after 5 minutes you found a position in your home, grow fond it, not even it was a found heirloom, ask the price, the heart falls and you walk on, two expensive, this is called hurting yourself

However, when you are here, it’s good asking, bacause asking is still free and they could say a passable price, nobody knows!

So there that Giovanni found this painted board. In the dude’s opinion who sold it’s dates at 1600 (BOOOOOOOOUUUUUUMMMMMM). In reality it should be “only” two centuries years old. This board derive from the ceiling of a house. We didn’t imagine it because, usually, these panels are in the churches or important ancient buildings. A day I will tell about Palazzo Chiaramonte-Steri at Palermo and you will see what they were able make with just wood and colours 😉

Ancient painted wooden panel

In my opinion this is better than a painting ^_^

Ancient painted board from a ceiling

Ancient painted board from a ceiling

That one to cover the ceiling with painted panels is a very ancient idea, even medieval, and today finding it is a venture, because they have a reckless life among woodworms, fire and seepages and they were used also in the normal houses until XIX° century (also for us it’s an occasion to learn something of different, see how much is antique market beautiful? 🙂 )

Ancient painted wooden panel

I adore antique market for this reason. Whi knows how many hard knocks did this board go through

With much “preo” (pride) Giovanni has one of these panels now, spikes, holes and blots included, but it will be swell hunging up a bed of his Bed & Breakfast Belveliero and I love this idea. Usually these objects are on the ceilings, are beautiful but too far! Only their creators and the restorers can appreciate them closely, see well their drawings and colours, whereas for the most part of people they are unapproachable artistic beauties.
Surely there are other more beautiful panels, more particular and ancient, but we can see this so near and so good, in my opinion it’s fantastic (Please, say to me that I’m not fool 😛 )

Piece of ancient cieling in Belveliero Bed and Breakfast

Piece of ancient cieling

Now we have to find the suitable position and the way to bed those spikes. The merchant said “Don’t forget! Don’t throw away them, they are originals!” (In fact they have the head big like a Mentos) but if we leave them like this, one day they will snatch the arm from somebody who has the good idea to jump on the bed O_O (MMMM maybe it’s better leave them as are, to prevent a break, but I like to jump on the bed and I’m dolt 😛 )

Ancient spikes on the board

Mmmmm it will be better leaving them >_>

One day I will show where we have put it.

However the best part of that day was discovering that Giovanni dupes about the prices, he doesn’t reveal the real amount who has payed :D. Not big lies, of course, but he declares 20 euros less, just the difference between a good deal and an unique occasion. There are so many unexpected ways to discover your soul mate! 😀

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )
If you prefer to sleep in Granveliero and have breakfast with me write to granveliero@gmail.com

Ma Palermo è sicura? In tanti anni che ci ho vissuto non ho mai scattato una foto a questa città. Perché mi “scantavo“. Un post dedicato alla ricerca della libertà di camminare per strada!

One of the biggest trees in Italy, the Ficus of Giardino Garibaldi in Palermo

ENGLISH” version!

Inizio a scrivere questo post un giorno prima. Ho lasciato la casa in cui vivevo a Palermo da due mesi e adesso sono costretta a tornarci solo per sventolare un bollettino delle tasse ad una segretaria sturduta dell’Ateneo forse più grande ma di sicuro più disorganizzato dell’isola, altrimenti non posso dare l’esame. No, niente fax e no, nemmeno una email…e se non rispondono al telefono non è perché li scelgono senza quel dito opponibile che ci ha fatto fare il balzo evolutivo ma per la lagnusìa che fa andare la burocrazia di queste parti alla velocità del bradipo, che il dito opponibile non ce l’ha per davvero, non fa lo stesso una beata ma almeno mezza giustificazione lui l’ha trovata. Aggiusteranno tutto in due minuti ma io per arrivare lì dovrò farmi due ore di autobus all’andata e due al ritorno, per non contare quelle perse in fila davanti all’unico sportello aperto di venti.

Dato che mi faranno perdere la giornata non tornerò subito e farò una cosa che in tanti anni in questa città non ho fatto mai. Andrò in giro con una macchina fotografica.

Non l’ho mai fatto perché mi “scantavo, mi spaventavo.

Quante volte passeggiando avrei voluta averla con me, a Palermo ci sono tante cose belle, solite e insolite, e poi lo sapevo che il mio tempo qua non sarebbe stato infinito e questa città per me è importante, la memoria mi gioca brutti scherzi, l’età non aiuta e io non voglio dimenticare, io Palermo me la vorrei sempre guardare e riguardare anche se il mio tempo lì, almeno per ora, è terminato. Non ho una sola foto di Palermo, quella che vivevo e manco quella turistica, perché ero terrorizzata, fantasticavo foto e scene, ma la macchina restava ben chiusa nella sua borsa a casa. La mia macchina fotografica non è preziosa, è una piccola reflex con un fondo di bottiglia avvitato, ma è una delle poche cose che ho comprato solo per me con i miei soldi. Non sono molte le cose che mi piacciono ma al momento di comprare non ne ricordavo mai nessuna e spendevo soldi per gli altri. Ero sempre al verde quando mi ritornava la memoria ma l’importante è essere contenta, quindi niente rimpianti. Sono poche le felici intuizioni che ho avuto su come farmi un regalo più concreto: qualche biglietto aereo low cost per Roma e questa piccola Canon Eos 1000D con un pezzo di vetro 18-55mm. Io la adoro. E’ la mia piccolina, la mia amata, la mia riserva di ricordi e piccole soddisfazioni, che me la faccio scippare dal primo ragazzetto che se la venderà per duecento euro dopo aver gettato la memory card piena di 500 paesaggi, 480 sfocati e 20 no, e di mia nipote sdentata e spettinata in compagnia di un My Little Pony diverso in ogni foto in un tombino? Non scherziamo.

Quando mi iscrissi all’università le mie future coinquiline, già rodate da un anno, mi avevano dipinto scenari da sicilian far west, indimenticabile fra tutti il monito “Non camminare vicino ai portoni altrimenti ti tirano dentro quando meno te lo aspetti!“. Non uscivamo mai tutte e quattro (QUATTRO!!! avete letto bene) se non c’era un ragazzo con noi (quello che, in teoria, avrebbe dovuto difenderci da una rapina a mano armata o quantomeno beccarsi cavallerescamente le botte a nome di tutto il gruppo). Una addirittura diventò isterica quando mi vide sollevare il cappuccio della felpa sulla testa prima di uscire. Aveva subìto una rapina al supermercato dove hanno prezzi da studente universitario, cioè da vera rapina, e il ladro avvicinandosi alla cassa si era alzato il cappuccio per coprire il viso. Per evitare gli scippi ‘Non metterti i soldi nel portafogli quando sei già per strada, fallo in negozio’.

Boh.

Quando rimasi sola per la prima volta non uscii di casa alle sette di sera per prendere il pullman perché ero troppo spaventata dal buio e dalla strada, mi sembravano tutti dei delinquenti, mi vedevo rapinata e sgozzata sotto un albero quindi rimasi sola a casa a dormire una notte in più. Con tre giri di chiave sopra e sotto e il ferro tirato. I miei colleghi (ma sempre ragazzi stranamente) spesso venivano fermati e derubati ed erano semplicemente terrorizzati, io quando arrivavo con i soldi per stare tutta la settimana li nascondevo in una cucitura interna dei jeans fatta apposta. Un mio amico invece non veniva mai fermato, sapeva parlare in un palermitano da pelle d’oca, una cantilena forte e incomprensibile, dove per dire ‘cosa’ apri la bocca quanto un forno e ti esce un ‘cuoasa‘, e andava in giro con una felpa nera e il cappuccio tirato sugli occhi, che pareva più delinquente di certi ceffi che giravano da quelle parti. La zona universitaria era, è, così. Questa si intreccia tanto con la zona turistica più accessibile perché più vicino alla Stazione Centrale, quella del triangolo della Cattedrale, via Maqueda e la Kalsa. Praticamente è sorta in una zona abbastanza degradata di Palermo, anche se decisamente non la peggiore.

Non mi è successo mai nulla.

Palermo è leoparda e ti ritrovi un caffé dall’aspetto molto parigino accanto al panellaro lordo e gli universitari camminano tra bambini neri, ragazzi pakistani e signore cinesi e girando l’angolo si ritrovano faccia a faccia con le sopracciglia depilate dell’eroe neomelodico palermitano del momento e schivano gruppi di turisti dalla pelle decisamente provata dall’insolazione.

Un giorno mi ritrovai a girare un video musicale in via Bara all’Olivella. Una volta questa strada era un piccolo Bronx pieno di immondizia e facce poco rassicuranti, ora, visto che è l’unica via da cui si vede un fotogenico scorcio del Teatro Massimo, è piena di negozietti per turisti, ristoranti, tavolini e ombrelloni, che lo scorcio non te lo fanno vedere più. Ma almeno una cosa bella in questa strada c’è, il teatro dei Pupi di Mimmo Cuticchio.
Ci girammo un video dicevo, c’erano diverse migliaia di euro tra obiettivi, sliders e reflex e tra i curiosi e i negozianti ormai diventati nostri compagni di lavoro, era immancabile la raccomandazione ‘Occhio ai motorini‘ (qua c’è gente che ruba).
Non rubarono nulla e l’attenzione fu quella normale, niente paranoie isteriche, si doveva comunque lavorare.

Non sono mai stata rapinata né rapita e camminavo tranquillamente vicino ai portoni però quella di mettere il resto nel portafogli prima di uscire in strada è un’abitudine che continuo a conservare,quando si può, è buona un po’ ovunque secondo me. A volte qualche ragazzo ti ‘sconcica‘ per strada e ti sussurra complimenti ma basta tirare dritto come i cavalli col paraocchi e ignorarli. Sono tornata anche sola a casa, anche al buio ma sempre quando ancora un po’ di gente c’era, lavoratori di ritorno per cena, e sono viva e senza nessuna brutta esperienza da raccontare. Sono tornata anche i bici da sola a mezzanotte, da palazzo Pantelleria al Policlinico, con il terrore che mi serrava la gola, perché non si sa mai. Non mi hanno mai fermato anche se i pochi passanti mi guardavano come una matta.

Una volta un mio amico romano, Favetta, venne a trovarmi a Palermo. Il suo albergo era in pieno Ballarò e io andai a trovarlo in bici. Dopo una serata a ballare tango in zone molto degradate dietro la Chiesa di San Domenico, che la notte si accendevano di arte e bellezza in qualche piccolo locale, ci facemmo una passeggiata per tornare a casa, io , lui e la bici accanto. ‘Dai corri a casa che sei sola e con la bici, io vedo di trovare la strada per l’albergo, proverò a tagliare di qua, in linea d’aria credo che l’albergo sia vicino, sicuramente arriveremo nello stesso momento. Dai, vai. Io: ‘Favetta, con la bici ho fatto avanti e indietro tante volte. E’ vero che non erano le due come stasera ma con la bicicletta vado veloce, non è come andare a piedi e ho una catena bella pesante, una voce da anatra squillante e nessuna remora ad usarle (sopratutto la catena). Per quanto possa sembrarti strano è più facile che fermino te che sei un uomo solo che me che sono una ragazza (mia personale statistica), con quella faccia poi!‘ Quale faccia? Immaginatevi Woody Allen, con i baffi alla Giangiacomo Feltrinelli però, che vorrebbe essere figo come Serpico ma è broccolo e dolce come Maurizio Nichetti….ma che lo mollavo lì da solo? Di amici ne ho pochi ma buoni, meglio conservarli…e menomale, altrimenti sarei ancora lì a cercarlo nel secondo centro storico più grande d’Europa, in trenta minuti di passeggiata, seguendo le sue indicazioni stavo quasi per perdermi pure io, ci avevano fermato barboni e punkabbestia e un vecchietto insonne ci aveva pure chiesto le sigarette…affacciato dal balcone al secondo piano, già aveva mollato il panaro. Ma siamo ancora vivi e felicemente non traumatizzati.

Ho visto tanti turisti camminare con le macchine fotografiche appese al collo, tranquilli e sorridenti ma ho anche sentito dire di molti scippi…

…allora questa Palermo è sicura o no?

Ci sono tante persone, tanti stranieri e un po’ di delinquenti autoctoni. Come in tutte le grandi città.
E’ sicura? Più di Londra e New York certamente, più di Oslo a quanto pare, se vi accollate di andare lì perché non a Palermo? Fuori da questa città c’è chi è convinto che ci siano sparatorie per strada e che la vita valga quanto un pacchetto di sigarette,a Trapani ci sono ragazze convinte che ti rapiscano nascosti nel buio dei portoni ma è un’immagine troppo distorta. In realtà le regole per stare bene qui sono quelle del buonsenso, ma valgono ovunque ci siano più di 100.000 abitanti. La microcriminalità è diffusa qui ma la mattina c’è tantissima gente e turisti e studenti girano tranquillamente, anche con macchine fotografiche appese al collo e se vi trovate in difficoltà e cacciate un urlo non dico che si girano in duemila come ai Fori Imperiali ma in duecento sì e allora siete salvi, ma bisogna proprio essere sfortunati per trovarsi nella necessità di farlo.
La sera da soli è più pericolosa. Non sfidate la fortuna, io l’ho fatto tante volte per stretta necessità e anche se non mi è successo mai nulla forse sono stata davvero fortunata, quindi se siete almeno in due è sempre meglio, se siete soli non vi succede nulla (sempre se avete l’accortezza di frequentare strade principali e illuminate e con almeno qualche persona anche se è tardi) ma in due almeno non vi fate tutta la strada terrorizzati e ve la godete di più. Siate attenti ma nella misura giusta. La zona della Magione è quella più delicata dopo il tramonto per chi è solo secondo me, perché fuori dal quadrato luminoso di qualche locale diventa più deserta e isolata, ma via Roma/Maqueda e la Cattedrale non vanno sottovalutate la sera. Non voglio fare terrorismo, a me non è successo nulla, bisogna solo essere un po’ accorti , senza paranoie, Palermo è abbastanza sicura ma è pur sempre una grande città. Certo se ve ne andate a Brancaccio lì mi spaventerei pure in pieno giorno ma giusto giusto lì dovete finire? Da vedere che io sappia non c’è nulla.

E visto che tutti girano con la macchina fotografica senza problemi perché Anna ti spaventi? Perché sono pur sempre un essere umano e a volte mi faccio lavare il cervello dagli altri e dai loro timori e viene anche a me la paura di essere stata solo fortunata per dieci anni interi, giusto pochi giorni fa pure il fiore d’argento di Santa Rosalia si sono rubato, che poverina solo quello aveva, si dice ‘W Palermo e Santa Rosalia’, finora pensavo che ai palermitani non importasse nulla di Palermo ma manco la Santuzza si è salvata, come mi salvo io?

…che camurrìa, basta, tiriamo fuori questa benedetta macchina allora, ben appesa al collo, rilassata, senza problemi. Ed ecco le prime foto di Palermo, alla Kalsa e a Casa Professa, foto timide e pietose, era la prima volta e non mi è successo niente! Me la tenevo al collo sopra lo zaino che mi ero messa al contrario, tutto davanti come un neonato, per appoggiarmi le braccia e riposare, per fare foto e per poter rendere più difficile uno scippo, di zaino e reflex. Lo scanto mi stava passando e stavo per prenderci gusto a Casa Professa, clic clic clic, quante cose ora posso immortalare e rivedere, Palermo io ti amo e ti voglio avere sempre con me. Mi facevi paura e non volevo uscire. Sono uscita sola e ho visto tante cose e di te non mi spavento più (non troppo almeno). Mi facevi paura e non volevo prendere la bici anche se lo facevano tutti. L’ho presa e sono sempre tornata a casa con lei e ora non mi spavento più (perchê so scegliere i posti giusti dove nasconderla). Tutti ti fotografavano, anche se venivano per dieci giorni soltanto e io in dieci anni ho avuto paura e ora ti immortalo e inizio da Casa Professa clicliclic cacchio si è spenta! Ho dimenticato di caricare la batteria!

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )