Salt flower & Cookies

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui

When you live in three different houses and you move with many things in different bags, losing something is inevitable, above all in the house where your family lives.

I had lost my Fleur de Sel.

I searched and searched and then it reappeared in the most unimaginable place and , above all, it was reduced to a half O_O
Once my mother forgot to go to supermarket and use it to cook the pasta. Tablespoons of Fleur de Sel thrown away for the pasta…

Now I have to wait for the end of summer for the new harvest.

Thanks to connection, or rather I’m Giovanni’s girlfriend, Giovanni is Salvatore’s friend, Salvatore is the Lord of Saline Calcara (Calcara salt pans, I talked about them here), I’ve the last sack of this precious salt from the last harvest at Saline Calcara one year ago, and it was free.

But…how much is the salt at Trapani?“…mmm in effect the normal salt is a cheap substance BUT this is NOT a normal salt, this is the first salt, the best one, and it could be very expensive.

Two years ago I didn’t know fleur de sel (salt flower, if you prefer) but knowing the owner of a salt pan could be useful and romantic! During the summer nights in August, when there aren’t tourists at the salt pans, they are the perfect location to have a party with friends and walk between the pans with your boyfriend under the moonlight.

When there isn’t the moon, salt pans are immersed in the darkness and you can see only lights of far near town, over the sea, because Trapani port and the salt pans look mutually. You could see the Milky Way and thousands of stars, without that urban light. But when there is the moon, which illuminates the pans, stars are on the water.

Between August and September the sun beats down in Sicily and the sea water in the pans begins to evaporate. The first salt on the surface is fleur de sel, little salty isles even surrounded by much water and unadulterated because all impurities sediment. They look like crystalline water lilies which sparkle the thin moonlight, the salt flower indeed.

I don’t know if they call it flower thinking the water lilies or because it’s the best quality of salt.

It’s an unrefined salt but however fine enough, without manipulation. It’s hand-picked by “salinai” (the salt pickers), like in ancient times, when it’s crystallized on the surface because of the mix of wind and sun, and for this reason it’s a Slow Food Presidium product.
There aren’t additives nor preservatives and it includes a more varied mix of mineral salts. It has less sodium chloride, because which it doesn’t cover flavours of foods. I’m looking my Fleur de Sel and it’s silver-grey, damp and friable.

Don’t use it to cook pasta, as a person I know are doing because she forgot to buy it at supermarket. Conserve it for more refined dishes and the unusual recipes.

I wanted the Fleur de Sel to prepare cookies. Yes, Fleur de Sel cookies.

I was looking for an alternative to the usual biscuits for the breakfast at Giovanni’s B&B and I like to test new recipes. I was looking for something of particular and typical in the same time (Trapani sea salt is a Slow Food Presidium but serving it alone for breakfst is not a good idea 😀 ) so I used a Sigrid Verbert recipe from her wonderful food blog Cavoletto di Bruxelles. It’s in italian but there is Google Translate “luckily”.

I tried to translate the recipe for you below:

Fleur de Sel Cookies (Estimated time : 2 hours for kneading, leaving to stand and baking)

• 250 gr/8,82 oz/2 cup “00” Italian Flour”
• 125 gr/4 oz butter
• 125 gr /4 oz/ 1/2 cup white sugar
• 10 gr / 5 tsp vanilla-flavoured powdered sugar ( I used directly 2 gr/ 1 tsp of vanillin)
• 1 egg
• Half teaspoon of Fleur de Sel

I hope that the weight conversations are correct O_O For types of flours I found this article with descriptions of Italian flours

Ok, now we make the cookies:

You have to sift the flavour and mix ith with white sugar, vanillin and fleur de sel.

Add the cool butter (before dice it) and start to knead crumbling all ingredients, the flavour has to “absorb” the butter.

Create a little mountain with flavour crumbs, make a well in the centre and break the egg into it.

Now knead, knead and knead.

When you have a consistent dough, create a ball, cover it with a film and put it in the fridge for one hour.

After you have to roll the dough on a slightly floured surface and obtain a thickness of about 4 mm. Now you can cut the dough in the shapes you prefer while the oven heat at 160 °C. Arrange the cookies on a baking tray ( cover it with the greaseproof paper) and cook for 13 minutes (10 minutes if you want a light color)

With these doses you can have 35-40 super good cookies, with few cheap ingredients you can make a good impression :). You see the little salt crystals “sparkling” on the surface. The flavour? Much vanilla with some crunchy salty crystals distincted. Particular!

This post is short but the translation was very hard. All I can do is keep my fingers crossed for your cookies 😛

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to have breakfast at Belveliero in front of Trapani port, you can write here bebilveliero@gmail.com .
If you prefer to have breakfast at Boutique B&B Granveliero and partecipate to cooking workshops with us, write to granveliero@gmail.com (write FIORE in the email to receive a discount! 😉 )

Annunci

Tips & Info for a holiday in Sicily #1: the climate and the appropriate clothing

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui

Looking the search terms used to find your blog is comforting, it makes you feel a less strange person. Somebody asks if Sicily is in northern or southern hemisphere or if Ryanair company allows to put pasta, coffee, Nutella, cigarettes and olive oil in the hold baggage (certainly he/she is an university student from Southern Italy) or if the heat kills birds in summer in Sicily. The million dollars question “Is Palermo safe?” is not important as “What do I have to wear in Sicily in February/April/May/summer/September/ December/ in Palermo, in the top of Erice mountain/ during Cous Cous Festival? (????)”
Here a long post about the weather and the appropriate clothes for a holiday in Sicily 🙂

Sicily is an island but is one of the most varied regions of Italy. The western dialect is different from that eastern one, different words for the same things within few kilometres, there are wars even about the name of foods. Sicily is a hot island and its people too. People go to Sicily above all in summer thinking of beaches and sea but forgetting that it’s the biggest island in Mediterranean Sea. There are many mountainous areas very far from the sea and the temperatures aren’t the same between the costline and hinterland.

Generally:

Coastal Area: mediterranean climate

Spring and summer are very long, winter is short. Rainfalls are rare in summer, it rains above all in winter (but not so much) and the diurnal temperature variation is between 11°C early in the morning with a keen wind and 22°C at midday with a hot sun (in December). Snow is an illusion in the coastline (with some exceptions) but there is a high humidity level, often over 85% (it means that if thermometer measures 33°C, you perceive over 40°C).

Hinterland: continental climate

Here it rains less but temperature is very low with snowfalls, frost and fog, fog, fog in winter. Summer isn’t too much hot because of the lower humidity level.

Sicily is very beautiful in spring, when Nature is lush and colorful and few people take a week’s holiday, the island is all for you. The temperature fluctuates between 18°C and 30°C and the evenings are cool. Spring in Sicily is ideal if you hate the summer stuffiness but you want to go to the beach and visit the cities.

Summer

is very hot and the sun is cruel, there is the same climate in north Africa, also because there is the Sirocco, the wind blows from the desert, the sky is covered by sand and temperature is between 27°C and 40°C. If you like the sea and spending many hours on the beach this is your season. Whereas if you prefer trekking, August isn’t a good idea for your summer holidays (unless you have experience of stronger trekking behind, at Great Salt Lake for example). Summer in Sicily is more beautiful in July.

Autumn

temperature is pleasant as in spring, from 18°C to a maximum of 26°C. You can still bathe in September and often till the first half of October. It’s a good period for holidays: less tourists, more relaxed hoteliers and kinder restaurateurs, many culinary events and cultural festivals as “Le Vie dei Tesori” (I talked about it here) and trekking is perfect. Unfortunately the boat trips of little islands are only in September, because the sea isn’t good for a pleasant sailing but ferries and hydrofoils work during all year, if anger of Poseidon allows the trip.

Winter

It’s the season with few tourists, also because there are less Ryanair flights starting from November. Temperature is between 5°C and 23°C and it’s the season of rains and cold wind. Winter exists also in Sicily and it could be cold so don’t wear flip flops, ok? IT’S COLD! Sometimes because the humidity it’s freezing. You can’t bathe and trekking is hard if it rained or a cold wind is blowing (but in other moments it’s ok if you don’t fear the cold). The real winter arrives to sicilian coastline from the second half of December and lasts till February. It starts before in the hinterland, where it snows, so consider ten degrees less. The ski season opens on the top of Etna and at Piano Battaglia (near Palermo)

When is the best period to visit Sicily?

April (the temperature is good but sometimes it rains) – May- June – September – October and, why not?, November are the perfect months to visit the sicilian coastline, both for trekking and for visiting the cities because temperatures are torelable, between 16°C and 27°C. I included November because in the last years there is a “translation” in the seasonal calendar and the good weather delays to arrive but in November you don’t need the coat and the wool scarf. The weather is variable, so some days a t-shirt and a cotton jacket are enough and other ones you need also a hoodie, above all in the evening.

Some fearless bathe also on 26th December but the best period for the beach is between May and September. In the hinterland the temperatures are more clement in summer. If you like to ski you can go to Etna in December, the level of snow is already good. Usually it snows from half of November to the end of February.

Recapitulating:

January: 5°C – 22°C
February: 5°C – 22°C
March: 10°C – 26°C
April: 12°C – 27°C
May: 16°C – 28°C
June: 18°C – 30°C
July: 22°C – 36°C
August: 26°C – 42°C
September: 25°C – 35°C
October: 15°C – 22°C
November: 8°C – 20°C
December: 5°C – 22°C

What can I wear for a holiday in Sicily?

CLOTHES

For winter: bring sweaters, coat and cap because it’s cold. If you need a Ryanair- friendly light luggage and you won’t stay always in a 5 stars hotel, substitute the sweaters with a fleece sweatshirt, they weigh little and keep warm. I recommend above all the cap, to warm up the ears and keep the hair in order. Second option for girls: bring a fur earflap! Warm ears and disciplined hair guaranteed 😀
Here we don’t wear rubber boots when it rains but sicilian roads are potholed and giant puddles form with two drops of water, so wear waterproof shoes 😛
The wind is strong in seaside tows as Trapani, so if it’s raining and you have an umbrella you could say accidentally some swear words. Bring a k-way, few grams weight and wind and rain are a distant memory.

For summer and autumn: bring light clothing. If you want to go trekking in the natural reserve of Zingaro in August, DON’T WEAR AN UNDERSHIRT if you want to avoid a burn, there are only two trees in all reserve! Put liters of sun lotion and cover your shoulders with a scarf after 11 a.m.. Bring a cotton jacket for a walk by the sea. The same applies if you have a holiday in Trapani and go up to Erice, where temperature always drops of 4-5 degrees.
From May to the beginning of October you can wear the swimsuit under the dress, one never knows (NB UNDER the dress and NOT as the only clothe, this is a strange mistake of some turists :P). For a holiday in November put long sleeved shirts, t-shirts and at least a jacket and a sweatshirt for the cool wind.
NB Bring a sun lotion with high SPF, also to walk in the town.

SHOES


It depends on what you need to do.
If you go trekking in Zingaro Reserve don’t use flip flops, not even for the easy coastal pathway or you just want to bathe in the small coves. Wear sneakers, or better tough shoes, there are many unpleasant stones in the pathways.
I suggest flip flops just for the beach in Sicily. Many villages and towns have paved roads, sometimes with pebbles, so even if you like that terrible foot massage, the slip is around the corner. Instead they are fundamental on the beach, to walk on the infernal hot sand after noon or for walking on the shoreline (the sicilian beaches are different from each other, someones have a sand as fine as talcum whereas others are rocky or full of pebbles or with stone grains)

So, no heels for a holiday in Sicily? Mmmm no joking, please! Heels and wedges are allowed but girls, be smart, put a pair of foot-saving ballet flats in the bag, you don’t know the roads to go.

As usual, if you’ve read this far in this post, I love you! 😀

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero you can write here bebilveliero@gmail.com;
If you prefer to sleep at Granveliero and partecipate to cooking workshops write to granveliero@gmail.com (write FIORE in the email to receive a discount! 😉 )

Solstizio d’estate

Siamo arrivati di nuovo a quel periodo in cui è difficile vivere i giorni (per noi). Ti alzi e ti corichi e dentro la giornata sei riuscita a infilare così tanta roba che tra la mattina e la sera sembra sia passata una settimana.
La famigerata Estate è tornata O_O
Sempre uguale, almeno lei. Gente al mare, città torrida, turisti ustionati, tanti bambini in libertà, Giovanni schizzato con il lavoro 😀 . Eppure non è come quando scrissi “Storia di due amanti in fuga“, quando per me era davvero una fuga e la ricerca della natura, del mare, del trekking che sfinisce, degli spazi aperti, era per far raffreddare il cervello pressato da un’iperattività pensatoria e pipponi esistenziali. Il mio era l’esatto opposto del problema di Alice, che non rifletteva prima di agire, ma lo sconforto e la paralisi erano gli stessi. Capitano anche questi periodi.

Ho scattato queste foto a San Vito Lo Capo, di domenica, il giorno del solstizio d’estate. San Vito è la meta estiva per eccellenza nel lato ovest dell’isola, perché c’è un bel mare azzurro e la sabbia borotalco e il paesino è carino anche se a misura di turista. Da metà maggio tutti cominciano ad andare al mare a San Vito. Intendiamoci, qua non dobbiamo cercare il mare bello con il lanternino ma per alcuni San Vito fa figo. Non so dirvi se sia davvero la spiaggia più bella. Dipende da quello che cerchi. E’ pieno di negozietti tourist chic e ti sa proprio di un luogo da vacanza estiva, gremito di gente rilassata, in ciabatte e copricostume, è davvero pieno così, decisamente non un posto per misantropi. A me a volte piace, di solito no, dipende dall’umore ma sopratutto dal periodo. Vi siete mai domandati perché tutte le foto scattate sulla spiaggia di San Vito sono belle? Perché non c’è un solo essere umano e vedi solo una lunga spiaggia caraibica vuota. Non andateci a Luglio e Agosto, è perlopiù una brodaglia umana.

Quest’anno è un’estate diversa perché qualche mese fa ho scelto. Non ho definito tutto e non so come sarà ma ho cominciato a svuotare il cervello dai pensieri perché quando devi fare ordine in una stanza e riempirla di cose utili e belle, è meglio svuotarla del tutto. Lì per lì ti sembra di aver aumentato il caos e ti viene il panico perché ora che hai uscito tutto devi mettere ordine per forza, la stanza vuota non può stare e qualcosa di buono da conservare ci sarà pure tra quelle che hai messo sottosopra. Ma almeno scegliere ti toglie la paura peggiore, quella di “rassegnarsi a una vita di quieta disperazione” per dirla alla Thoreau, e sbracciarsi non da il tempo di pentirsene.

L’estate quest’anno ha un’anima più leggera anche se è faticosa e qualche volta mi sento un po’ sfigata a guardare le turiste abbronzate con lo chignon scomposto, perfetto come sulle riviste. Ma solo io sembro scappata da casa? Per fortuna dopo tre minuti rientro in modalità formica laboriosa in mezzo alle cicale, a fine stagione da qualche parte si arriverà.

Anche la meta di questo solstizio è un po’ fuori dal coro perché siamo andati a San Vito, ma fuori dal paese, tra le brulle terre che lo circondano. Non c’è nulla, solo una luuuunga spiaggia circondata da sterpaglie bruciate, qualche zabbara qua e là e il Monte Monaco sopra ogni cosa e le nuvole sopra il Monte Monaco. Quando ci vai alle sei del pomeriggio l’aria è ancora calda e sonnolenta e qualcuno torna dal mare in bicicletta. In realtà non tutto il paesaggio è incontaminato e selvatico perché mentre cercavamo di raggiungere la tonnara del Secco ci siamo ritrovati con il bel panorama di una, boh, segheria? dietro ma almeno non c’era nessuno, giusto una specie di faro con la porta smeraldo piantato su uno sperone roccioso e qualche pianta di cappero tormentata dal vento. La segheria non è bella ma il silenzio e la salsedine in faccia sì.

Alla fine l’abbiamo trovata la tonnara vicino San Vito. E’ una costruzione che non finisce mai, con un molo dove si erano radunati bagnanti alternativi e flora ammucchiata a caso. Era l’ultimo giorno del Ciuffi Ciuffi Fest, che ho capito essere un couchsurfing festival, con tanto trekking, arrampicate, snorkeling e biondazzi anglofoni. La tonnara non se la fila nessuno. Una volta si poteva entrare, ora sta crollando e quindi hanno vietato l’accesso. Giovanni quando vede costruzioni abbandonate sente odore di cose vecchie e belle e comincia a sbirciare e io dietro di lui sfidando quelle str…eghe delle zanzare tigri. Non c’è nulla, solo quattro enormi reti abbandonate tra le alghe secche che riescono comunque a mandare in estasi Dolce Metà 😀
Reti grosse e fitte di canapa, abbastanza robuste per tenere la furia di centinaia di tonni accompagnati nella camera della morte. Neanche Ercole, da solo, sarebbe riuscito a tirarle fuori dal mare una volta piene d’acqua eppure si faceva, fino a cinquant’anni fa. Mentre facevo strage di zanzare e Giovanni studiava un piano per prendersi le reti di nessuno, un pescatore incantava due romani con racconti di mattanza. Forse qualche volta ritornano nei luoghi familiari oppure c’è un buon punto, nei dintorni, per pescare qualche pesciolino. Se passando di lì vedete un vecchietto con la canottiera azzurra e la pelle cotta, fermatelo, magari è stato tonnaroto e vi fa passare un’ora diversa.

Alla fine ce ne andiamo, senza reti, inseguendo lo zzzz dell’elettricità che corre nei cavi, perché qua non si sente nient’altro per strada. Si va in paese, nell’ora del tramonto, quando tutti si fanno la doccia dopo essere tornati dal mare e in giro ci sono solo camerieri davanti ai locali, in attesa dell’apertura delle danze, e famiglie sedute fuori, davanti la porta di casa, perché a quest’ora che c’è da fare? Dentro fa caldo, cucinare dà noia e il tempo si deve passare. Qui paesani e turisti convivono come due fiumi paralleli, ci sono i negozi di gioielli in corallo e parei e ristoranti, a volte costosi, e poi ci sono le nonne, che comprano la frutta nelle botteghe e indossano le tappine Inblu, sedute sulle sedie di plastica davanti alla porta.

Bentornata Estate!

San Vito primo giorno d'estate 1 F
San vito 1 giorno d'estate
San vito 2015 21 giugno F
san vito 21 giugno
san vito 2
san vito F
21 giugno 2015 san vito
dentro la tonnara di san vito  F




San vito tonnara 2015
Tonnara di San Vito solstizio d'estate 2015 F
San Vito lo capo primo giorno d'estate F
san vito tonnara 21 giugno 2015 F


Phone cards curtain in San Vito Lo Capo - Sicily

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com .
Se preferisci il Granveliero per fare i corsi di cucina scrivete a granveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE (avrai uno sconto) nella email! 😉 )

Fantasie nipponiche

Sicilian country in August. Illustration by Tadahiro Uesugi

Oggi butto un post in libertà perché mi andava di riempire il blog di cose belle.
L’altro giorno, leggendo il bellissimo blog sul vintage di Ale Rosaspina, ho fatto una nuova scoperta.

Si chiama Tadahiro Uesugi.

Ho cominciato da poco a leggere il blog di Rosaspina, una ragazza torinese che ama i vestiti vintage della suocera e che passa il tempo a disegnare, perché è riuscita a fare della sua passione il suo bellissimo lavoro, e io, che sono una maniaca dell’ordine solo in queste cose, ho cominciato a leggerlo dall’inizio, dopo aver letto il post più recente (sempre così anche per i libri, prima l’ultima pagina e poi dall’inizio, così piano piano l’ultima pagina ritrova un senso). Mi sono imbattuta in un vecchio articolo proprio carino, pieno di illustrazioni, quelle di Tadahiro.

Non lo conosce nessuno, me compresa, eppure dei suoi disegni è pieno zeppo il mondo della moda, Vogue, Cosmopolitan, libri, film.

Non disegna manga e i suoi personaggi non hanno gli occhioni. Disegna scene, ferme eppure vive. L’avete mai visto Fantasia 2000? La clip di Rapsodia in Blu di Gershwin? Sfondi bidimensionali e retrò, ambientati da qualche parte, in Giappone o in Europa, tra gli anni ’50 e ’60, ma tutto creato in digitale. Un tratto ruvido che non toglie leggiadria alle scene. Signorine eleganti in chissà quali faccende affaccendate a suon di jazz, ma con sfondo silenzioso perché raramente le scene includono più di una signorina, sembrano tutte ambientate in quelle ore in cui luoghi frenetici si svuotano. Potrebbero intitolarsi “Le due del pomeriggio” o “Agosto in città”.

Che c’entra Tadahiro con la Sicilia? Un bel niente o comunque poco. Avevo trovato il suo sito e ho cominciato a sfogliare le numerosissime illustrazioni (è scritto tutto in giapponese ma la parola “Illustration” in fondo alla pagina lascia pochi dubbi). Sarà la forza evocativa di questi semplici disegni, o sarà che a quasi trent’anni comincio ad essere in fissa con la Sicilia, ad esserne così affascinata da vederla ovunque (tutta colpa di Giovanni), ma sfogliando cominciavo a vedere una scena di Montalbano qua, un isolato elegante di Palermo là, la campagna vicino monte Cofano lì… e allora che fare? Riempio di disegni nipponici e rimembranze sicule il blog, che domande!


ucc05
pado7
obsessed-the-illustrations-of-tadahiro-uesugi7







Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com .
Se preferisci il Granveliero per fare i corsi di cucina scrivete a granveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE (avrai uno sconto) nella email! 😉 )

Consigli e informazioni utili prima di partire per la Sicilia #1 : Il clima, l’abbigliamento da portarsi e altre considerazioni di passaggio

Ha senso fare questo post in italiano? Sì, perché così come tutto il mondo pensa che gli italiani passino il tempo a mangiare cazzeg…passeggiando in vespa e poi ci scrive un terzo di “Mangia,Prega,Ama” , gli italiani (non tutti per fortuna) pensano alla Sicilia come ai tropici, dove tutti passeggiano in infradito e coppola (e lupara?).

In realtà la Sicilia sarà pure un’isola ma credo che sia una delle regioni più variegate d’Italia. Chi viene dall’est non capisce il dialetto dell’ovest e in pochi km non usiamo nemmeno gli stessi nomi per il cibo, alcuni si fanno persino la guerra teste così diverse potevano crescere mai sotto lo stesso sole? Tutti vengono qua per il mare, dimenticandosi che è l’isola più grande del Mediterraneo e che le zone interne, oltre ad essere montuose, sono molto lontane dal mare, quindi c’è una temperatura abbastanza diversa tra zona costiera ed entroterra.

In generale:

Zona Costiera: clima mediterraneo

quindi le estati-primavere sono molto lunghe e gli inverni brevi. Le precipitazioni sono rare o assenti in estate (non vedo una pioggia d’estate da anni) e si concentrano perlopiù in inverno, quando possono comunque esserci delle escursioni termiche non da poco se non piove (tipo la mattina ci sono 11°C e vento tagliente e a mezzoggiorno c’è un sole che spacca le pietre e 23°C). A parte quest’anno e comunque una volta ogni dimissione di Papa, non nevica e c’è un’umidità molto forte, anche oltre l’85% (cioè cadono uccelli morti per il caldo in estate, perché se la macchina ti segna 33°C in realtà ne stai percependo più di 40)

Zona interna: clima continentale

quindi le precipitazioni sono meno rispetto alla zona costiera ma la temperatura si abbassa tanto e possono esserci nevicate e gelate oltre che un bel po’ di nebbia. In compenso c’è molta meno umidità in estate per cui si percepisce meno caldo.

In Primavera la Sicilia è molto bella e tanti turisti vengono proprio in questo periodo, quando la natura è più lussureggiante (vabbè magari non è il termine giusto ma non me ne venivano altri sul momento) e non tutti hanno le ferie, quindi non c’è sovraffollamento. Le temperature sono tra i 18°C e i 30°C e le serate fresche, ideale per chi odia l’afa estiva ma vuole comunque andare al mare e visitare le città

D’Estate le temperature sono davvero calde e il sole feroce, il clima è simile a quello del nord Africa, anche perché spesso soffia il vento di scirocco dritto dal deserto, i cieli si riempiono di sabbia e le temperature vanno da 27°C a oltre i 40°C. E’ il periodo preferito per chi ama il mare, trascorrere tante ore in spiaggia e in acqua aiuta a sopportare la calura. Vi sconsiglio Agosto per il trekking se non avete esperienze più strong alle spalle (tipo trekking nel Grande lago Salato). L’estate è più bella a Luglio.

Autunno Le temperature sono come in primavera, 18°C massimo 26°C, si può fare il bagno per tutto settembre e, con un po’ di fortuna, fino a metà ottobre. E’ anche un buon periodo da un punto di vista turistico: molta meno gente, albergatori e ristoratori più rilassati e attenti, tanti eventi, sopratutto gastronomici ma anche iniziative culturali come Le Vie dei tesori (di cui vi parlo quasi alla fine di questo post) . Inutile dire che per il trekking è pure un buon periodo. Unica limitazione: escluso settembre e i primi giorni di ottobre le escursioni in barca per le isole minori praticamente si fermano perché il mare comincia a peggiorare e a rendere difficile e poco piacevole i tour. Comunque i collegamenti “ufficiali” con traghetti e aliscafi verso le isole sono garantiti tutto l’anno, ire di Poseidone permettendo.

Inverno E’ la stagione meno turistica per la Sicilia, sopratutto per lo stop di molti voli Ryanair a partire da Novembre. Le temperature sono tra i 5°C e i 23°C anche se è periodo di piogge e tanto vento. Comunque se venite non fatelo in infradito, FA FREDDO, un freddo umido tra le altre cose, quindi in realtà fa freddissimo. Clima a parte le uniche cose che non potete fare sono il bagno e il trekking (solo quando ha piovuto e se non avete polmoni troppo sensibili all’aria fredda). L’inverno vero nella zona costiera arriva nella seconda metà di dicembre, fino a febbraio. Inizia molto prima in quella interna, dove può cadere anche la neve, quindi togliete una decina di gradi dalle temperature che vi ho indicato. Inizia anche la stagione sciistica sull’Etna e a Piano Battaglia.

Quando conviene venire?

Aprile (dove qualche pioggia ancora la rischiate) –Maggio-Giugno e seconda metà di Settembre-Ottobre e perché no, anche Novembre sono il top nella zona costiera, sia se volete fare trekking, sia per visitare le città perché le temperature sono sopportabili, tra i 16°C e i 27°C. Vi ho incluso Novembre perché negli ultimi anni c’è una “traslazione” del calendario annuale, il tempo bello e caldissimo tarda un po’ ad arrivare ma in compenso a novembre non userete sciarpe e cappotti di lana. Diciamo che è mooolto variabile, ci sono giornate in cui maglietta a maniche corte e una semplice giacchetta di cotone sono sufficienti e altre in cui magari una felpa da mettere sopra la maglietta a maniche corte non guasta, sopratutto di sera. Alcuni temerari fanno il bagno pure a Santo Stefano (tipo qualche palermitano folle a Mondello) ma i mesi migliori per la spiaggia sono da Maggio a Settembre. Nella zona interna invece le temperature sono meno impietose in estate. Se volete andare a sciare sull’Etna già verso dicembre c’è un buon livello di neve. In generale nevica da metà Novembre fino a fine Febbraio.

Nei vari mesi dell’anno le temperature potrebbero essere più o meno queste:

Gennaio: 5°C – 22°C
Febbraio: 5°C – 22°C
Marzo: 10°C – 26°C
Aprile: 12°C – 27°C
Maggio: 16°C – 28°C
Giugno: 18°C – 30°C
Luglio: 22°C – 36°C
Agosto: 26°C – 42°C
Settembre: 25°C – 35°C
Ottobre: 15°C – 22°C
Novembre: 8°C – 20°C
Dicembre: 5°C – 22°C

Cosa mi devo portare?

VESTITI

• In inverno portatevi maglioni, cappotto e un berretto perché fa freddo. Se avete necessità di peso contenuto per bagaglio Ryanair-friendly e non starete sempre in un resort a 5 stelle, sostituite i maglioni con le felpe di pile, pesano molto meno e tengono caldo. Il berretto ve lo consiglio vivamente, per riscaldare le orecchie e tenere a bada i capelli lunghi, oppure ragazze, portatevi un paraorecchie con il pelo! coprono, fanno da cerchietto e i capelli restano in ordine 😀 Qui non portiamo stivali da pioggia ma poiché le nostre strade sono piene di buche e si formano pozzanghere grandi quanto il Lago di Garda con due gocce d’acqua, usate scarpe che non si bagnano e comunque ma chi si porta gli stivali da pioggia in valigia? 😀 . Nelle città di mare come Trapani, il vento può essere davvero forte, quindi se piove e avete un ombrello potrebbe scapparvi inavvertitamente qualche parolaccia. Portatevi un k-way (per chi non lo sapesse, è un impermeabilino leggero e di pochi grammi che si può ripiegare in un marsupio, facile da portare), stringete il laccetto intorno al cappuccio e HOP!, potete farvi una corsa sul lungomare.

• In estate e autunno portatevi vestiti leggeri, di cotone, viscosa e lino. Se andate a fare escursioni alla Riserva dello Zingaro ed è agosto, NON ANDATE IN CANOTTIERA o vi ustionerete, ci saranno due alberi lungo tutto il percorso! Avvolgetevi anche un leggero pareo di cotone sulle spalle e mettete la crema. Se andate a fare una passeggiata al mare di sera una giacchetta di cotone leggera tenetela sempre. Idem se fate una vacanza a Trapani e poi salite ad Erice, la temperatura si abbassa sempre di 4 o 5 gradi. Da Maggio a Settembre e anche inizio Ottobre potete anche mettervi il costume sotto i vestiti, non si sa mai (NB SOTTO i vestiti NON come unico vestito ma forse dovrò fare questa raccomandazione sul post in inglese 😛 ). A Novembre portatevi magliette leggere a maniche lunghe, a maniche corte e almeno una felpa e una giacca per quando il vento si alza e non è lo scirocco.

N.B. Inutile dire che vi dovete portare una protezione solare con fattore alto, anche per girare in città.

SCARPE :
Anche qua dipende da cosa dovete fare.
Se andate a fare trekking allo Zingaro non andate in infradito, anche se fate il percorso costiero, quello facile, e dopo vi andate a fare il bagno in una delle calette. Mettevevi scarpe da ginnastica, possibilmente belle toste (non valgono le sneakers della Onitsuka Tiger), è pieno di sassi che vi faranno imprecare per tutta la gita. Se avete scarponi e sandali da trekking andate tranquilli. In generale sconsiglio le infradito ovunque qui, tranne al mare. Molti paesi e città hanno strade lastricate o piene di ciottoli, ammesso che vi piaccia il “massaggio” ai piedi la scivolata è dietro l’angolo e fa male. Al mare invece portatevele!!! Vi renderanno letteralmente meno infernale il passaggio sulla sabbia e anche le camminate sulla battigia (le spiagge siciliane sono molto variabili, si va dalla sabbia sottile come borotalco a sassi, sassetti e granella a volontà)
Quindi ci dobbiamo vestire come delle scappate di casa? No, tacchi e zeppe sono ammessi, dipende dove andate e dal vostro grado di allenamento, però fatevi furbe, un paio di ballerine salvavita mettetevele in borsa, non si sa mai che strade vi ritroverete da fare.

Come al solito, se siete arrivati a leggere fin qua sappiate che vi voglio bene! 😀

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com .
Se preferisci il Granveliero per fare i corsi di cucina scrivete a granveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )

Fior di Sale

Finalmente il mio Fior di Sale è arrivato!

Grazie a conoscenze di conoscenze, ovvero io sono la ragazza di Giovanni, Giovanni è amico di Marruggio, Marruggio è il Signore della Salina Calcara (di cui vi avevo parlato anche QUA), che poi alla fine conosco pure io perché si esce insieme, sono riuscita ad aver gratis l’ultimo sacchetto di questo sale.
Voi direte “Eh capirai, quanto può costare un Kg di sale?“. Quello normale poco, quasi niente, il Fior di Sale assai assai.

Io fino all’estate scorsa non avevo idea di cosa fosse il Fior di Sale e conoscere il proprietario di una salina può anche avere dei risvolti romantici. Quando la sera non c’è nessun turista in salina e si organizzano mangiate tra amici (in estate, perché in inverno in mezzo alle campagne e con mille turbinii ventosi si gela) può capitare che lo zito ti inviti a fare una passeggiata romantica e silenziosa vicino alle vasche, al chiaro di luna.

Nelle notti senza luna le saline sono immerse nel buio, si vedono solo le luci della lontana città vicina, al di là del mare, perché a Trapani il porto e le saline si guardano a vicenda sopra un piccolo orizzonte d’acqua. Se non fosse per la nuvola di luce urbana potresti anche vedere le stelle e la Via Lattea e risolveresti il problema del camminare tra le vasche al buio rischiando di finirci dentro, perché quello della Via Lattea, non so se lo sapete, è uno spettacolo che ti inchioda.

Ma quando la luna piena c’è e vedi quello che hai intorno, una passeggiata senza stelle in una sera di fine Agosto val la pena farla, perché le stelle te le ritrovi tra le vasche. Tra Agosto e Settembre il sole picchia forte da queste parti e l’acqua delle vasche comincia ad asciugarsi. Il primo sale che affiora è un’isoletta pura ancora circondata da tanta acqua e abbastanza pulita perché le impurità sedimentano sul fondo. Prende la forma di tante piccole ninfee cristalline che brillano alla luce tenue della luna, il fior di sale appunto. In verità non so se si chiama così perché qualcuno ha pensato alle ninfee o perché è uno dei sali più pregiati in assoluto.

E’ un sale grezzo ma già abbastanza fine, pur non essendo lavorato. Viene raccolto a mano dai salinai, come si faceva anticamente, quando si cristallizza sulla superficie delle vasche per l’azione combinata del sole e del vento, per questo è un prodotto di Presidio Slow Food. Non ha additivi né conservanti e contiene un mix di sali minerali più variegato rispetto al sale normale oltre che una quantità di cloruro di sodio inferiore, per cui non copre troppo il sapore dei cibi. Questo che ho qui è bianco-argenteo, umido e abbastanza friabile al tatto.

Non usatelo per cuocerci la pasta, come sta facendo una signora di mia conoscenza perché non è andata al supermercato a comprare quello normale, ma centellinatelo per preparazioni più pregiate e anche un po’ insolite. Io per esempio me lo sono fatta dare per creare dei biscotti. Sì, dei biscotti al Fior di Sale, cercavo un’alternativa bio ma particolare ai soliti biscotti del panificio, per le colazioni ai B&B di Giovanni e ho fatto l’esperimento. Volevo qualcosa di tipico ma non banale (più tipico del sale a Trapani non c’è niente ma propinarlo così solo solo la mattina presto, insomma… 😛 ) quindi ho usato la ricetta di Sigrid Verbert presente sul suo bellissimo libro “Regali golosi” (il foodblog di Sigrid è Cavoletto di Bruxelles, una recente scoperta molto bella), eccola qui:

Biscotti Fior di Sale (Tempo Stimato: 2 ore tra impasto, riposo e cottura)

• 250 gr di farina 00
• 125 gr di burro
• 125 gr di zucchero
• 10 gr di zucchero vanigliato (io ho usato direttamente 2 gr di vanillina)
• 1 uovo
• 1/2 cucchiaino di Fior di Sale

Procedimento:
Setacciate la farina e mescolate insieme a zucchero, vanillina e sale. Aggiungere il burro freddo a cubetti e cominciate ad impastare sbriciolando gli ingredienti e facendo assorbire il più possibile in burro. Fate la fontanella su un ripiano, aggiungete l’uovo e impastate fino alla completa amalgama, formate una palla, coprite con la pellicola e fatela riposare in frigo per un’ora.
Dopo tirate fuori l’impasto, stendetelo su una superficie leggermente infarinata fino ad uno spessore di 4 mm circa e cominciate a tagliare le forme che preferite mentre il forno scalda a 160°C. Disponete su una teglia coperta con carta forno e cuocete per 13 minuti (10 se li volete chiari)

Vengono tra i 35 e i 40 biscotti e sono superbuoni, 3 euro per tutti gli ingredienti e sono stati già spazzati via. Si vedono i cristallini di sale sulla superficie, sono molto “vanillosi” ma con quel granello di sale ben distinto che non guasta. Particolari!

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com .
Se preferisci il Granveliero per fare i corsi di cucina scrivete a granveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE (avrai uno sconto) nella email! 😉 )

Tourist Cards in Sicilia : Tutta la verità (+ Elenco Cards che male non fa)

[AVVERTENZE: POST MOLTO LUNGO. SE TI ANNOI QUI (dove sproloquio come una vecchia citrulla) SCORRI VERSO IL BASSO, CONTIENE ELENCO DETTAGLIATO + LINK (unica parte utile del post)]

Eeeeeeehhhhh vi pareva fossi rimasta sepolta sotto la neve inaspettata? Eeeeeeh…beh quasi. Quest’anno il tempo è impazzito e nevica pure sott’acqua. Un inverno moooolto anomalo, di solito non fa così freddo qui, tra un po’ potrebbe nevicare di nuovo a quota zero in riva al mare in Sicilia, evidente segno che l’Apocalisse è vicina. Colta di sorpresa dall’Era Glaciale sicula ho avuto la bella pensata di tapparmi in casa e fare super ricerche per voi. Nel descrivere questo blog mi ero promessa di aiutarvi con info pratiche e invece come al solito mi sono persa inseguendo farfalle (e facendo altri lavori di cui vi stupireste).

Guardando lo zito nella promozione dei suoi B&B indaffarato, son caduta dal pero del sollazzo inconsapevole e innocente, che la stagione turistica è terribbbilmente in arrivo (neve a Giugno permettendo). Probabilmente a causa dello shock provocato dalla caduta su Mondo Reale, non so come, ma mi sono ricordata delle domande di gente che si apprestava a venire in Sicilia che mi capitava di leggere qua e là su Internet e tra tutte mi è venuta in mente una delle più gettonate “Ci sono Tourist Cards in Sicilia?”. Avete presente quelle carte che vi permettono di prendere autobus gratis o smezzare i prezzi del biglietto di ingresso nei musei? Ecco…

Noi in Sicilia siamo un po’ molto a mare per queste cose, perché, diciamo la verità, qui si potrebbe fare e dare di più ai turisti, invece di vivacchiare di rendita delle bellezze dell’isola. Si va lenti in certe cose dalle nostre parti, oppure qualcuno ha la buona idea ma questa scompare nel nulla e alla fine molti dicono che sì, il posto è bello, ma i servizi insomma…fanno pietà!

Attenzione, Attenzione! Appello a ChiNonSo! Più Tourist Cards per tutti che Tourist è #VeryBello.

Chi ha agevolazioni è propenso a fare più cose durante la sua vacanza e quindi, in un certo senso, oltre a scoprire di più ed aumentare la propria gioia e soddisfazione (sempre che non scopra i topi a Palermo), spende di più, anche se con gli sconti. E’ un meccanismo “semplice”, bisogna dare motivazione. Non potete chiedere ad un utente, turista o autoctono che sia, di svenarsi per venire a vedere uno, due, cinque musei, sopratutto se ha 20 anni o è uno studente universitario fuori sede o vuol fare vedere una mostra a tre figlioli. Sapendo che il biglietto è scontato il tempo magari potrei “perdercelo”, no? Se poi mi dai la possibilità di prendere gratis un autobus per andarci…gli altri europei forse non ci crederanno perché sono abituati ad altro ma qua sembra una cosa straordinaria, e lo è, è fuori dal nostro ordinario. Eppure “motivare scontando” non è mai una politica da bilancio in perdita secondo me. Per dire, mi è appena venuto in mente un episodio perfetto, prendetelo come esempio. A Palermo, in Via Roma 178, c’è un negozio minuscolo, forse 4 metri per 4, e stipato di roba fino all’inverosimile, si chiama Miele . Vende quella che io riesco confusamente a chiamare “roba metal e gothic”, la mia preparazione in materia finisce qui, ma è proprio pieno pieno, praticamente non puoi rompere nulla perché gli oggetti non hanno lo spazio per cadere e comunque atterrerebbero sopra mucchi di vestiti. E dietro al bancone fatto di copertoni di camion mai usati (credo, fanno una puzza di gommazza nuova allucinante, anche se stanno lì da anni) c’è una figura che sembra un’apparizione, un fantasma, un vecchietto con i capelli bianchi e una camicia semplicissima. In mezzo a quella confusione di teschi vedi solo lui, serafico, perché la commessa tra piercing, tatuaggi e pizzi neri si confonde con la merce esposta. Un Natale decisi di comprare là i regali per i miei fratelli, perché in tutta la Sicilia, occidentale almeno, un negozio fornito come il suo non esiste. Non so come finì che, senza secondo fine, gli feci i complimenti per questo e gli dissi che ero venuta apposta dalla mia città per comprare quei regali da lui, cosa vera. Alzò gli occhi e mi chiese “Signorina, ma lei da dove viene?“, io “Da Trapani, sono venuta con l’autobus” “E quanto costa il biglietto dell’autobus per venire fin qua?“, credo che allora l’andata fosse sugli otto euro “Allora le tolgo quegli otto euro dal conto, è giusto premiare tanta dedizione” (avevo un conto di nemmeno trenta euro). Io ancora ne parlo e non perché è fornito. Afferrato Signori ChiNonSo?

[Fine dell’appello]

Al di là della favola di economia di cui a voi non può importar di meno, penso che a volte sia triste rinunciare a qualcosa di bello perché non ti bastano i soldi. A me piace vedere opere che di solito vedo sui libri in formato francobollo, e poi raccontarlo e raccontarlo ancora, a gente diversa, con sfumature differenti. Ti da argomenti di conversazione altolocati e ti fa guadagnare un ‘Ma zia ma tu sai proprio tutto!‘ da quella botta di autostima di tua nipote 😀 ma vi pare poco? E penso che possa piacere anche ad altri e che comunque possa far piacere a tutti se le persone se ne tornano a casa contente e con gli occhi pieni di bellezza, no? 🙂
Le cose belle riescono a scatenare circuiti di meraviglia, fanno venire idee, attizzano la creatività e…e…aspe’ ma io dovevo parlare delle Tourist Cards in Sicilia e sto a sproloquiare come una vecchia rimbambita! @_@

HO FINITO 😛

Questa lungherrima premessa era per dire che in realtà (Evviva, evviva! Gaudio e tripudio!) qualche Tourist Card esiste anche qua da noi ma te la devi andare a cercare con il lanternino in giro per il web. Qualcuno che ha cominciato a svegliarsi c’è e in effetti tutte le card proposte sono abbastanza giovani per non dire proprio neonate. Queste sono quelle che ho trovato ma considero il post suscettibile a evoluzioni 🙂 Ho messo le informazioni generali, seguendo le domande che potrei fare per vedere se è un’offerta interessante oppure no, ad ogni modo vi ho allegato tutti i link precisi precisi, nel caso siate turisti lagnusi.

SICILIA OCCIDENTALE

    – Zona Trapani

      1.Trapani Welcome Card
      E’ una Card che ti permette di avere sconti per servizi e siti di interesse naturalistico tra Trapani, Erice e Isole Egadi

        INFORMAZIONI GENERALI
        A. Come si presenta? E’ un carnet di coupon
        B. Area interessata La città di Trapani, Erice, Marsala, le Saline, Isole Egadi.
        C. Quanti giorni dura? Dura 3 giorni dalla data di registrazione.
        D. Quanto costa? 12 euro se l’acquistate nei vari punti vendita indicati, 11,50 euro se l’acquistate online QUI con Paypal. Non ci sono limiti di tempo tra il momento dell’acquisto e quello del ritiro, bisogna solo indicare dove si vuole ritirare e dove dovrete presentarvi con il voucher stampato e un documento d’identità
        E. Entità dello sconto Da gratis fino al 50%. Li recuperate subito i soldi, se consideri che un viaggio andata e ritorno per Erice con la funivia costa 9 euro per i non residenti…fatevi due conti 😉
        F. Per quante persone è valida? Una persona, una carta
        G. Per cosa è valida? Si va dagli autobus urbani e funivia per Erice gratis a sconti per le escursioni alle Isole Egadi oppure a piccoli musei tematici. L’elenco dettagliato lo trovate QUA (menù a tendina in basso)
        H. Dove posso comprarla? Nei punti vendita indicati QUI oppure online QUA
        I. Esiste l’App? Sì, ecco dove

      2. Pantelleria Tourist Card
      E’ la Tourist Card di Pantelleria. Tra quelle viste questa da gli sconti più bassi ma meglio di niente, Pantelleria non è posto da piccoli badget.

        INFORMAZIONI GENERALI
        A. Come si presenta?
        Vi daranno:
        • la Card
        • Una Guida turistica dell’isola con suggerimenti su cosa fare, itinerari, le migliori spiagge e altri siti di interesse, oltre alle indicazioni per arrivarci
        Mappa dettagliata dell’isola di Pantelleria
        B. Area interessata Isola Pantelleria
        C. Quanti giorni dura? E’ valida per tutta la durata della vacanza, ti scrivono la durata dietro.
        D. Quanto costa? 10 euro
        E. Entità dello sconto da una consumazione omaggio fino al 20% di sconto sugli acquisti vari.
        F. Per quante persone è valida? una card per tutti.
        G. Per cosa è valida? Molti sono ristoranti e negozi di abbigliamento e prodotti tipici ma ci sono anche escursioni in barca e ingressi per alcuni locali. QUI l’elenco completo
        H. Dove posso comprarla?
        • In Aeroporto al desk autonoleggio Policardo
        • Autonoleggio Policardo, via Messina 31 (in centro)
        • Consorzio Turistico Pantelleria Island, Piazza Messina 18 (in centro)
        I. Esiste l’App? Sì, è completamente gratuita e molto dettagliata. Ecco QUI dove scaricarla

    – Zona Palermo

      3. PMO
      La tourist Card del Comune di Palermo

        INFORMAZIONI GENERALI
        A – Come si presenta? Vi consegnano una busta contenente :
        • la PMO Tourist Card (da usare per gli sconti sulle visite ai siti culturali, le mostre, gli spettacoli o gli acquisti),
        • la Mappa di Palermo (Dove vengono anche indicati i siti convenzionati (vedi il Nota Bene sulla descrizione Guida agli sconti e al punto 3G), 4 itinerari possibili per il centro storico, il percorso delle linee principali dei bus cittadini),
        Bus Ticket per farvi scarrozzare “allegramente” gratis sui mezzi pubblici Amat
        La Guida agli Sconti (contiene la descrizione dei 4 itinerari sulla mappa, le indicazioni sui trasporti urbani pubblici e privati, l’elenco dei tours, siti culturali, le mostre e i negozi dove valgono gli sconti con orari e indirizzi (Nota Bene 1: vi daranno anche una cartina supplementare con la lista aggiornata dei siti e negozi dove usufruire degli sconti. Sono meno rispetto a quelli indicati sulla lista stampata, mica potevano buttare via le vecchie mappe, la carta costa! Nota bene 2 Ci sono anche le agevolazioni per ricevere assistenza sanitaria telefonica oppure di primo soccorso ambulatoriale. Buono a sapersi)
        Coupon omaggio: Per un pasto gratis in un locale del centro (non ho provato però, a me piacciono i chioschetti anonimi ma rinomati dai locali 😉 )
        B – Area interessata: Centro storico (Vi pare poco? Allora vi dico che è uno dei più grandi d’Europa)
        C – Quanti giorni dura? Ci sono carte valide 24 ore, 48 ore o 72 ore
        D – Quanto costa? Da 13 a 75 euro se acquistate in loco. Se fate l’acquisto online vi costa da 2 a 5 euro meno (Vedi qua)
        E – Entità dello sconto: Da gratis fino al 50%
        F – Per quante persone è valida? Esistono carte per una persona o per due persone
        G – Per cosa è valida? Chiese, Musei, Teatri (anche il Teatro Massimo e l’Opera dei Pupi), Trasporti pubblici (Bus AMAT e il City-sightseeing) e privati (Taxi, bici, auto, Ape e persino un Autobus-Teatro), assistenza sanitaria, qualche tour e poi negozi e locali. L’elenco completo QUA
        H – Dove posso comprarla?
        Si compra al porto, al Centro Informazione Turistica e in altri punti. Li trovate tutti elencati qua con indirizzi, orari e numeri di telefono. Se cliccate sulle foto si apre il box info dettagliato.
        Si compra anche online QUI con carta di credito o PostePay e potete ritirarla entro 60 giorni dall’acquisto (sul link che vi ho dato dice da una parte 120 giorni e da un’altra 60, io direi di non rischiare) in uno dei punti su elencati, vi dovete presentare con il voucher stampato e un documento d’identità. Quindi non compratela cinque mesi prima perché non vi restituiranno i soldi! E se non la volete più avete 14 giorni lavorativi dal momento in cui l’avete effettuato, per annullare l’acquisto online, pena la perdita del rimborso.
        I – Esiste l’App?
        Sì, la trovate QUA

      4. Musei Palermo Card
      E’ un biglietto unico promosso dalla città di Palermo per accedere a 4 musei e a 2 spazi espositivi palermitani. Avendo una lunga durata, se avete la vostra vacanza tipo è vedere tutti i musei o se comunque venite più volte a Palermo e non volete vederli tutti insieme o se adorate gli acquisti nei bookshops museali, questo è il biglietto che fa per voi.

        INFORMAZIONI GENERALI
        A – Come si presenta? Una semplice card rossa
        B – Area interessata Città di Palermo
        C – Quanti giorni dura? Ha la validità di 1 anno a partire dalla data di emissione nel primo museo
        D – Quanto costa? 13€ se acquistate al museo, oppure 14,50 € online
        E – Per quante persone è valida? Una persona. Vale per un ingresso in ciascuno dei musei aderenti, ma la carta non è nominale.
        F – Per cosa è valida? Solo per entrare nei musei che vi riporto di seguito e avere uno sconto sugli acquisti in alcune caffetterie/bookshops al loro interno. La Galleria d’arte Moderna “Empedocle Restivo”, il Museo internazionale delle marionette Antonio Pasqualino (ma non gli spettacoli), Palazzo Branciforte, Ecomuseo del mare, le mostre a Palazzo Ziino e ai Cantieri Culturali della Zisa (ZAC). I corsi di cucina del Gambero Rosso – Città del gusto di Palermo, 10 % di sconto ai bookshops e caffetterie di alcuni di questi musei.

          NB 1. La GAM aderisce all’iniziativa italiana Domenica al Museo, quindi ogni prima domenica del mese l’ingresso è gratuito a prescindere da questa card.
          2. Alcuni di questi luoghi hanno uno sconto sul biglietto di ingresso con la PMO Card. Valutate cosa vi interessa/conviene fare prima di comprare l’una o l’altra.
          3. Al momento dell’acquisto verificate eventuali gratuità per età, nazionalità, residenza o categorie professionali!

        G – Dove posso comprarla? alla biglietteria deiMmusei sopra elencati oppure online QUI
        H – Si deve prenotare? No si può comprare direttamente al momento della visita.
        I – Esiste l’App? No

    5. Carnet Le Vie dei Tesori
    Le Vie dei Tesori è un bellissimo festival che viene riproposto ogni autunno dal 2006 con crescente successo. Iniziato dall’Università di Palermo, oggi conta la collaborazione di altre istituzioni come la diocesi, il Comune, la Fondazione Federico I e l’Autorità portuale. Consiste nell’apertura al pubblico di luoghi normalmente chiusi, quindi spesso sconosciuti anche ai cittadini. In realtà, con il passare del tempo, la lista dei luoghi si è allungata e sono stati inseriti anche dei luoghi visitabilissimi in altri giorni dell’anno ma che, non si sa perché, attirano solo se qualcuno gli sventola sotto il naso un evento apposito. Polemica a parte sulla scelta di alcuni tesori, la cosa bella del Festival è anche che i luoghi vengono “presentati” e “vissuti”, con passeggiate urbane e guidate da volontari dell’Università, mostre, concerti e spettacoli. Per ora è solo autunnale, nel mese di ottobre, per la precisione, ma il Festival è cresciuto nel tempo e quindi la sua durata andrà allungandosi via via. Ecco qui il LINK

    NB Nel tempo si sono aggiunti anche Tesori nascosti fuori Palermo, in diverse zone perdute del trapanese e del palermitano.
    Poiché i Tesori sono tanti e interessanti e quasi tutto è in regime di autofinanziamento potete acquistare un intero carnet di biglietti.

    CONSIGLIO
    1 – Tra gli eventi più interessanti del Festival ci sono sicuramente le passeggiate a tema. Essendo molto ambite e a numero chiuso vi conviene prenotare ben prima della data stabilita. Tenete d’occhio il sito prima di Ottobre!
    2 – Quando decidete di vedere un tesoro accertatevi che questo non sia aperto anche per gli altri giorni dell’anno. Rischiate di perdere tante ore in fila solo per risparmiare pochi euro e questo non va bene se avete pochi giorni e tanto da vedere. Inoltre rischiate di non fare una visita completa perché per smaltire le lunghe file fanno vedere la metà di quello che potreste vedere della stessa villa in altre occasioni. A volte si vengono a creare addirittura delle situazioni surreali come nel caso della Chiesa dello Spasimo. Aperta tutti i giorni gratuitamente è stata di recente inclusa nei Tesori al costo di un euro. Fate ricerche prima.

      INFORMAZIONI GENERALI
      A – Come si presenta?Il carnet non è altro che un foglio stampato con un QR code e prevede una serie di Coupon. Più coupon acquistate meno vi costeranno singolarmente. Quando acquistate il carnet online vi arriverà una mail con il carnet/coupon.
      B – Area interessata Città di Palermo e una serie di paesi fuori città (anche abbastanza lontani ma tutti nelle ex province di Palermo e Trapani)
      C – Quanti giorni dura? Lo scorso anno il calendario degli eventi durava i 5 weekend di ottobre. Ovviamente la durata dei singoli eventi è variabile. Le passeggiate vanno da 40 minuti ad un’ora e mezza per esempio.
      D – Quanto costa? Variabile. Il carnet esiste da 10 euro per 10 visite a scelta tra i luoghi indicati (nel 2015 erano più di 60); da 5 euro per 4 viste e poi il coupon singolo viene 2 euro. Passeggiate a 3 euro, mentre gli eventi erano gratis o costavano, nel 2015, da 1 a 6 euro.
      E – Per quante persone è valida? Ogni biglietto vale per una persona quindi se siete in tanti dividetevi un carnet e risparmiate un bel po’ 🙂
      F – Per cosa è valida? Il calendario è davvero ricchissimo e vario e ovviamente cambia di anno in anno. Nel 2015 si potevano vedere cripte, biblioteche e palazzi, il museo dei pupi e le quinte del teatro Massimo e del teatro Biondo, i musei naturalistici, le catacombe e il Miqveh (il bagno ebraico). Ecco QUI e QUI gli elenchi dei luoghi e delle passeggiate belli da far girare la testa 🙂
      G – Dove posso comprarla? Si acquista tutto ONLINE. Vi arriva una mail con il coupon/carnet con un QR code. Basta stamparlo o mostrarlo dallo smartphone per smarcare gli ingressi. Potete anche acquistare IN SEDE ma solo per visitare i luoghi (le passeggiate sono su prenotazione) e non vi conviene perché il prezzo fisso è di 2 euro a persona.
      H – Si deve prenotare? E’ OBBLIGATORIA per le passeggiate, mettono a disposizione un numero verde e l’email per farlo. Per gli eventi è CONSIGLIATA se non specificato diversamente e non si raggiunge il numero e vi capita di passare da lì potete chiedere di aggregarvi. Per le visite NON SERVE. NB Non potete prenotare il giorno prima ovviamente, ma entro il mercoledì precedente al weekend!
      I – Esiste l’App? No

SICILIA ORIENTALE

    – Zona Catania

      6. Catania Pass
      La Tourist Card del Comune di Catania

        INFORMAZIONI GENERALI

        A – Come si presenta? Vi consegneranno:
        • Il Pass
        Ticket di Viaggio Il biglietto che vi permette di usufruire a titolo gratuito di tutti i mezzi pubblici AMT, della linea Aeroporto-Centro dell’Alibus e della linea Metropolitana della Ferrovia Circumetnea.
        Mappa della città con informazioni sulla città e le specifiche di ogni museo.
        B – Area interessata Città di Catania
        C – Quanti giorni dura? C’è il pass da 1 giorno, 3 giorni oppure 5 giorni
        D – Quanto costa? Da 12,50 a 38 euro
        E – Entità dello sconto I musei sono gratis, tranne per le esposizioni speciali dove verrà comunque applicato uno sconto. Per tutto il resto dal 10% al 50%
        F – Per quante persone è valida? Esistono due versioni, la Standard per una persona e la Family per una famiglia composta da 2 adulti con uno o due bambini al di sotto dei 13 anni
        G – Per cosa è valida?
        • Castello Ursino
        • Museo Belliniano
        • Museo Emilio Greco
        • Museo Diocesano
        • Terme Achilliane
        Più le attività, i negozi e varie guest houses/camping elencati QUI scorrete giù su Convenzioni e Sconti. Ci sono tours ma ho trovato anche una libreria antiquaria e un download-tour della città di Catania (clicca su GUIDE)
        H – Dove posso comprarla?
        • Info point del Comune di Catania presso l’Aeroporto Vincenzo Bellini
        • Bureau del Turismo del Comune di Catania (Via Vittorio Emanuele II, 172)
        • Musei inclusi nell’offerta
        • Ufficio Abbonamenti AMT
        Comunque l’elenco completo lo trovate QUA , scorrete giù fino alla voce DOVE ACQUISTARE.
        I – Esiste l’App? No

TUTTA LA SICILIA

    7. Onsicilycard
    E’ una carta che vi permette anche di accedere ad una guida digitale. La carta viene costantemente aggiornata sia nell’elenco dei partecipanti ma anche per le informazioni che riguardano costo dei biglietti di ingresso e orari e vi consente di avere degli sconti. Contiene anche l’opzione navigazione per trovare tutti i luoghi che vi interessano anche se la segnaletica non vi aiuta Attenzione! è solo in inglese!

      INFORMAZIONI GENERALI

      A – Come si presenta? E’ una carta ma esiste anche la versione digitale. Con questa potete anche scaricare un file up-to-date da caricare sul navigatore e trovare tutti i luoghi menzionati e i partecipanti alle offerte. Inoltre vi danno l’accesso a varie informazioni sulla Sicilia.
      B – Area interessata Tutta la Sicilia
      C – Quanti giorni dura? vale un anno intero
      D – Quanto costa? Gratis per i bambini sotto i 12 anni, 5 euro per i ragazzi da 12 a 18 anni e 10 euro gli adulti. Potete comprare una carta a cui aggiungere tutte le persone del vostro gruppo. Se acquistare la versione digitale vi fanno uno sconto del 25% sull’acquisto (es. se sei adulto la carta ti costa 7,50 euro).
      E – Per quante persone è valida?Tutte quelle aggiunte nel gruppo, si può fare una sola carta per tutti.
      F – Per cosa è valida? Vale per sconti su B&B , ristoranti, workshops, escursioni, negozi o ingressi. Vi daranno anche informazioni su festival ed eventi vari. Tutti i partecipanti li trovate QUI, basta selezionare la categoria che vi interessa.
      G – Dove posso comprarla? Si ordina online QUI e poi ve la spediranno, per cui consigliano di ordinarla almeno 10 giorni prima della partenza. Appena acquistate la carta vi mandano una mail con la password per attivare la carta. Se siete già in Sicilia e volete comprare una carta non digitale potete farlo nei punti vendita elencati QUI e seleziona “I’m already in Sicily” per vedere i punti vendita “reali”

    8. Sicily Card App
    E’ una app che interesserà tutta la Sicilia ma ancora sul sito non hanno pubblicato quasi nessuna informazione. Appena forniranno più dettagli promesso che li scriverò qui 😉

      INFORMAZIONI GENERALI

      A – Come si presenta? E’ una App
      B – Area interessata Tutta la Sicilia
      C – Quanti giorni dura? Da 24 ore, 3 giorni e una settimana
      D – Quanto costa? Ancora non è noto (Si saprà tra la fine di marzo e i primi giorni d’aprile. Si saprà agli inizi di Giugno. Mi sa che sono in difficoltà, ultimo aggiornamento su facebook oggi 15 Giugno 4 Febbraio: Work in Progress)
      E – Entità dello sconto Ancora non è noto (Si saprà tra la fine di marzo e i primi giorni d’aprile. Si saprà agli inizi di Giugno. Mi sa che sono in difficoltà, ultimo aggiornamento su facebook oggi 15 Giugno 4 Febbraio: Work in Progress)
      F – Per quante persone è valida? Ancora non è noto (Si saprà tra la fine di marzo e i primi giorni d’aprile. Si saprà agli inizi di Giugno .Mi sa che sono in difficoltà, ultimo aggiornamento su facebook oggi 15 Giugno 4 Febbraio: Work in Progress )
      G – Per cosa è valida? Ancora non è noto (Si saprà tra la fine di marzo e i primi giorni d’aprile. Si saprà agli inizi di Giugno. Mi sa che sono in difficoltà, ultimo aggiornamento su facebook oggi 15 Giugno 4 Febbraio: Work in Progress)

Dopo questa OnSicilyCard, che ormai tengo per vedere come va a finire, ho trovato altre nuove Card ma avevano sconti davvero minimi e quindi non li ho messi qui.

9. Dritta Extra


Se siete Italiani già lo saprete e se non lo sapete ancora ve lo dico io, ogni prima domenica del mese nei musei italiani si entra GRATIS. Non vale per i musei privati ma solo per quelli statali. L’elenco per la Sicilia lo trovate QUA

Non mi pare vero di aver finito ‘sto post 😀

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com .
Se preferisci il Granveliero per fare i corsi di cucina scrivete a granveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE (avrai uno sconto) nella email! 😉 )