Comic Strip: “When it snows in Sicily”, post about Christmas folly, the snow in american movies and the sicilian concept of technical apparel

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

New type of post today, short and with a comic strip (the illustrator is Palzaz) at the end 🙂 for a faster and, I hope, more pleasant reading. Actually because my neuron is still confused by the tons of butter and eggs of last days and I can’t write more 😛 but two days ago the Poetess announced an extraordinary event, the snow at Erice and I wanted to share this pleasure with you.

It was a hot Christmas, litterally, 18 degrees (I remind you that Christmas date is in December and Sicily is located in the northern hemisphere, good deal above the Equator), I cooked the Christmas Eve dinner wearing just a T-shirt and the weather didn’t look winter-like but luckily the childhood Home Alone binge had shaped my american taste for Christmas decorations and looking around in my home it was impossible to forget that date, there were: tree + three tons of decorations (did you ever see Macy’s trees? 😀 ), crib with real stones and real cypress branches and all insects that lived under the stones and on the cypress branches, additional small trees and little cribs strewn everywhere, lights, theme pot holders and apron and finally my favourite ones, the handmade paper ice crystals, those which my niece shows to her pals while pass by schoolbus to go to the gym (There aren’t gyms in almost all schools at Trapani and children and guys have to go in other crumbling town gyms. Just one in reality).
Trapani is a seaside place, every year it’s cold for two months but with 12 degrees (a low temperature for us) and a violent cold wind, the turists sneer when listen this our impatience, they know the real cold, probably they know the snow!

The snow, the real dream of people of Trapani and all sicilians who live near the shore. Who has ever seen the snow? Here there is the rain, often the wind and nobody likes the winter, at least there was snow! :/ To play with snowballs. Because it’s very romantic, as in american movies. Because the schools would be closed and this is more romantic, above all for my niece. When my friend, the Poetess, said “It’s forecast to snow for the next days” my heart shouted “HURRAAAAAAAAAAAAAAAAHHHHHHHHHHHHHHHHHHHH!!!!!!!!!!!!!!!!!

Erice is on the mountain that overlooks Trapani. Its high is 751 metres, it’s little taller than a hill, and people of Trapani have many expectations about it, snow included, but there isn’t ever hardly ever it.
Many years ago, maybe 16 years or 15 or 13, here everyone remembers a different period, there was a great snowfall and all people went up to the Erice mountain, as far as they could reach without the chains, here nobody have them. I remember a tiny plot covered with snow and stormed by tens of people, old and young, everybody wanted a bit of snow and mud to make a snowman, there were one hundred of wonky snowmen but we weren’t trained. The children wore two pairs of pants to engage the Great Cold and after that winter there were just few hailstorms and sleetstorms, but that memorable Snow Glory lasted two days was unique and we still talk about it. Maybe you deride us but the snow is a wonderful and very romantic thing for us, so enjoy the first comic-strip of the blog “When it snows in Sicily

When it snows in Sicily

When it snows in Sicily

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero and see the snow by surprise you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )

Fumetto-post: ‘Quando la neve arriva in Sicilia’, sulla follia natalizia, la neve feticcio e il concetto siciliano di abbigliamento tecnico

Oggi esordisce un tipo di post un po’ diverso, piccolo e fumettoso, se non posso dare sfogo alla mia usuale logorrea almeno vi mollo questa chicchina grafica piccina picciò, così il post diventa ancora più veloce da leggere e, spero, più carino. Non l’ho disegnato io ma è una produzione veloce di Palzaz.

Questo mini post è frutto di una Annunciazione di due giorni fa che voglio condividere velocemente con voi, anche perché devo ancora smaltire le tonnellate di burro e uova mandate giù in questi 5 giorni e che mi ammorbano il neurone, quindi di più non riesco a produrre.

E’ stato un Natale caldo, letteralmente, 18°C (vi faccio presente che Natale arriva verso la fine di Dicembre e che la Sicilia è sull’emisfero boreale, un bel po’ sopra l’Equatore), io spignattavo a maniche corte e riuscivo a ricordarmi del Natale grazie agli effetti postumi sul mio buon gusto dell’infanzia a base di Mamma ho perso l’aereo, che ogni anno rimbalza indietro e viene rigurgitata sotto forma di: albero + tre tonnellate di decorazioni in perfetto Macy’s style, presepe + pietre vere + rami di cipresso + tutti gli insetti che stavano sotto le pietre e tra i rami di cipresso, alberi e mini presepi supplementari sparsi ovunque, luci, presine + grembiule a tema, candele…e poi, per non tediarvi oltre, passo ai miei preferiti, i fiocchi di neve di carta, quelli ritagliati a mano e che mia nipote fa vedere ai compagni quando passa con lo scuolabus per recarsi in palestra (da noi a Trapani buona parte delle scuole non ha la palestra e i bambini/ragazzi vengono dislocati in palestre comunali fatiscenti. Una sola a dire il vero, ma vabbé…).
Comunque come stavo dicendo Trapani è una località di mare, anche qui fa freddo due mesi l’anno ma mentre noi moriamo con dodici gradi e vento fridduso che ti taglia la faccia a 40 nodi, i turisti ci sghignazzano dietro e sfottono, perché da loro sì che fa freddo e magari arriva pure la neve.

Ecco, la neve, il vero feticcio dei trapanesi e di tutti i siciliani che vivono sulla costa. Ma chi l’ha mai vista la neve? Qui piove, spesso c’è vento e fa freddo e non piace a nessuno un inverno così, insomma almeno facesse freddo e venisse la neve! Per poterci giocare. Perché è molto romantica, come nei film americani. Perché le scuole chiuderebbero e questo sarebbe ancora più romantico. Ecco perché ieri, mentre si passava la classica serata mondana natalizia dei siciliani e si giocava all’asso che corre in 20, quando la Poetessa mi disse ‘Sul meteo è scritto che nei prossimi giorni nevicherà ad Erice!‘ il mio cuore rispose con un EVVIVAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Erice è la montagna che sovrasta Trapani. Alta 751 metri, per poco riesce ad essere elevata al rango di monte e su di essa i trapanesi scaricano tutte le aspettative scaricabili su una montagna, neve compresa, che però non c’è mai quasi mai.
Ricordo però di una nevicata, tanti anni fa, nel vecchio millennio, e ricordo che tutti quella volta salirono ad Erice, fin dove si poteva senza le catene, perché qui non le ha nessuno. Ricordo di un fazzoletto di neve 4 metri x 4 metri preso d’assalto da una sessantina di persone, tutte a contendersi il fango e quella magica acquetta cristallina per fare cento pupazzi sbilenchi di colore incerto (in realtà abbozzi pseudoantropomorfi ma ci manca l’allenamento). Sono passati 16 anni, o forse 15 o 13, qua mi stanno facendo venire i dubbi, e ancora se ne parla, i bambini si erano messi due paia di pantaloni per affrontare il Grande Freddo e dopo allora solo pochi piccoli episodi nevischiosi ben lontani da quella storica gloria nevosa durata ben due giorni! Forse voi sfottete ma per noi la neve è una cosa bellissima e romanticissima quindi godetevi il primo fumetto del blog, “Quando la neve arriva in Sicilia“.

Quando la neve arriva in Sicilia

Quando la neve arriva in Sicilia

Poiché la rivelazione “Neve a Erice” è stata fatta dalla Poetessa ecco qui il suo blog: gabriellafigliomeni.blogspot.it
Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a : fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e beccare la neve a sorpresa puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉

Eccentricity of Sicilian people at the table in 22 points , First part

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

I’m late with “English” post, I know but I write too long articles and when I try to translate them I would cry, the original italian version has been written two weeks ago :/

This post has been inspired by my mother, who once, seeing the bread upside down, scolded me in a peevish way ‘Don’t put the bread upside down!
But…why?
Because you mustn’t put it in this way!!!
What kind of answer is that? It’s a very sicilian answer, there isn’t a reason, it’s like this all along, it’s not necessary asking it also if it’s a mistery the reason. This episode wasn’t the only one, it was a real mania of my mother and when I discovered the reason I began to observe all strange things at the table of sicilian people. There are many eccentricities but before I sat down at the table plunged in the happy ignorance.

1. Don’t put upside down the bread!. Because it’s the body of Christ. Not because all do it just in this way!, nobody knows the reason nor asks it. And not even because, how my mother answered, trying to gloss over my harassing questions, the sesame seeds fall on the table >_> (here the most wanted bread has the sesame on).

2. Nothing is wasted. Considering that the most wanted bread has the sesame on and considering that the sesame is insidious and moves everywhere and you find the tablecloth seeds covered, considering that the breadsticks are splendor of restaurants and that a sicilian thinks about food 23 hours 24, considering that his/her thought has to be alleviated during the delay of dishes and, this is the most important thing, considering that nothing is wasted, also when there are the breadsticks, all sicilians, inevitably, as if they have a tic, moisten the fingertip and begin to plant it on the little seeds and to eat them, like an eager bird. They nod, talk gritting their teeth and pic, pic, pic fasten the seeds and bring them in their teeth, this is also a system which allows to re-moisten the finger in automatic way, like the self-inking stamps.

3. There is always the bread on the table. Both with one dish and with ten, because as my father said “You put in weight because you eat too and you eat too because you don’t eat the bread (to accompany the other foods, so you don’t satisfy your hunger)“. If you have the belly you know the reason.

4. But there isn’t ever the room-temperature water. There is always the cold water in winter and the water with ice cubes in summer. The expression “ambient temperature” is used only by the gardeners.

5. If it isn’t fried probably it hurts. The grilled food is permitted only during the good feeds in the country or in the terrace or in the balcony or in a street fenced by two cars. The parmigiana with grilled eggplants isn’t even served in the hospital. The fried food is everywhere in Sicily and it’s impossible avoid it. The fried has been under discussion also with my sweet love, the Medlar, who shifted me from the burner saying “You can’t cook!” because I’ve put less one half litre of oil to fry the zucchini for the pasta and I’ve added a drop of water. Since then he cooks and I wander around home into a coma because of fatty acids.

6. Tanto ogghiu unni’ chiange. “Because he doesn’t cry drops of oil”, so it’s useless. In Sicily the olive oil is used to cook the stones too, so it’s very precious. When olive oil pours down, all thirty-five commensals stand up to recover it. Somebody can say because it brings bad luck but actually because it’s very expensive because you buy it from your country neighbour, you don’t buy it at supermarket. Look 7th point.

7. Don’t buy the olive oil at the supermarket! When you are an university student and study far from your home, also the pantry moves with you and with it there is the bottle of fresh olive oil, that one bought from your neighbour, who has the plot adjacent at yours and four olive trees and wanted a kidney in excharge of his genuine oil, but we know that the genuineness costs. The fresh olive oil paradox is that has a cloudy and suspect colour and a poisonous flavour but this oil divides the biomaniac sicilian people, there are those people who wait ONLY the bitter fresh olive oil to eat it with the bread, rigorously made in a country bakery with wood oven, and the people who use ONLY the oil of before year, because it has a reassuring colour and a compatible with human life flavour (me). There is just one thing in common, don’t buy the olive oil at the supermarket, because you don’t know the origin, the olives, when they have been harvested, maybe it’s mixed with motor oil!!!. The bioconspiracy is old hat to sicilians.

8. Rosticceria for breakfast. When you enter in a bar to have the breakfast at 7 o’clock the counters are full of sweets and rosticceria, baked but above all fried food, for example arancine, it’s normal. I think that it was normal in Italy and not only in Sicily. I changed idea after my visit at Vatican Museums.
Once I visited Vatican Museums and considering that they are big my friend Andrea suggested to bring the packed lunch. After 10 o’clock a sicilian already thinks about the lunch, so at half past eleven you expect the rosticceria ready also at bars of Rome.
Bar number one, only rice salad.
Bar number two, rice salad and sandwiches.
Bar number three, rice salad, sandwiches and pizza.
ME: “Excuse me, are there only these dishes?” (Three full counters)
Barman: “What do you mean?”
ME: “Isn’t there rosticceria?”
B.: “There is the rice salad!”
ME: (Yes, now I put the rice in my pocket!). “No, no, rosticceria, I mean arancine, calzoni (baked closed sandwich)…”(iris with meat were a too advanced level request)
B.: “Calzoni? By this time?” O_O
ME: “But it’s even eleven o’clock!”
SILENCE
B.: “Sorry Miss, we have just this food”
When you go to the museum, you learn many things…

9. Badly made arancine. Talking about Rome I remember the poem written by a roman poet, Trilussa. In this poem he writes that happiness is a little thing, for example for the bee the happiness is a flower.
When you wake up at 7 o’clock to go to lesson and outside it’s cold with eight degrees, when it’s recreation time or come out of university after ten hours, or the break time is arrived and you are tired, sleepy, bored or stressed out, happiness could be near. It’s small, cheap, magic and fried! It’s arancina, that hot oily fatty ball that t’arricria, comforts you, before to buy it and after you have eaten it. Thought, desired, yearned and then finally conquered and eaten, after you see the world in a colorful way, pink like the ham, green like the peas and red like meat sauce. The hash house that disappoints these expectations risks the financial collapse (or a huge 800A (sicilian swear word) written with spray paint on the shop window).

10. Badly called arancine. Arancina is female and I talked about this matter here. Unfortunately the sicilians of western side of island call arancine with a male name and in Sicily there is the Big War for the gender of arancine. Really. When the fight about this matter begins, it lasts for hours, days, weeks. Maybe the argument of the post or the article is the sicilian whale or the UFOs in Sicily or the sicilian whales which use flying saucers, it’s not important, if someone writes arancina or arancino in a comment, all following comments are just about the gender of arancinA/arancinO. I swear. If you have to ask an arancina and don’t know if it’s the correct name in the correct place, just point your finger at it.

Soon (I hope) the Second part with other eleven points, stay tuned… 🙂

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )

Le stranezze dei siciliani a tavola

Questa foto è troppo bella e l'ho presa dalla pagina bellissima di Donpasta, il gastrofilosofo per cui "Se hai un problema aggiungi olio"  cucinamilitante.wordpress.com

Questa foto è troppo bella e l’ho presa dalla pagina bellissima di Donpasta, il gastrofilosofo per cui “Se hai un problema aggiungi olio” cucinamilitante.wordpress.com

“ENGLISH” VERSION PART ONE & PART TWO

Fonte ispiratrice di questo post è stata la Signora Mamma, che un bel giorno si mise a raddrizzare il pane messo sottosopra con un fremito di contrarietà maniacale degna del detective Monk quando vede i bottoni allacciati storti : ‘Questo non si mette rovesciato, il pane si mette dritto!
‘E perché?’
‘Perché sì!!!’
Che risposta è? Una risposta molto siciliana direi, non c’è una spiegazione, si fa così da tempo immemore e tu sciocco che chiedi, così fan tutti, è un mistero il perché ma chiedere non si fa.
A quella volta succedettero altre “raddrizzate” inspiegate e quando ne scoprii casualmente il motivo cominciai ad attenzionare tutte le stranezze sicule intorno a me, che quando mi metto a tavola mangio e siedo irradiata di beata ignoranza.

1. Il pane non si mette sottosopra. Perché è il corpo di Cristo. Non perché inspiegabilmente così non si fa, tutti lo sanno e anche tu devi saperlo anche se non sai perché. E nemmeno perché altrimenti cadono tutti i semini, come provò a glissare una volta la Signora Mamma (da noi il pane più gettonato ha il sesamo sopra).

2. Non si butta via niente. Visto che da noi il pane più gettonato ha il sesamo sopra e, o lo metti dritto o lo metti sottosopra, financo tu lo metta in bilico sul bordo del tavolo, ti ritrovi la tovaglia piena di semi e visto che i grissini sono sciccheria da ristorante, visto che un siciliano ha 23 ore su 24 in testa il cibo, visto che il tempo se lo deve passare mentre attende le portate, anche quando i grissini ci sono, visto che non si butta via niente, tutti, immancabilmente, come se avessero un tic, umettano la punta del dito indice e cominciano a puntarlo sui semini sparsi e a mangiarli, come degli uccellini smaniosi. Annuiscono, parlano a denti stretti e pic pic pic, si attaccano i semini al dito e se li portano tra i denti, sistema che consente anche la riumettatura automatica del polpastrello, come nei timbri autoinchiostranti.

3.Il pane a tavola c’è sempre. Con una portata o con dieci, perché come diceva mio padre ‘Ingrassate perché mangiate troppo e mangiate troppo perché mangiate senza pane. Il pane vi fa saziare, così mangiate meno e dimagrite’ (!!!!!!!!!!!). Se avete la panza sapete perché.

4. Ma non c’è mai l’acqua calda a tavola. Ci deve essere sempre l’acqua fredda in inverno, con i cubetti di ghiaccio in estate. L’espressione “temperatura ambiente” viene usata solo dai giardinieri.

5. Se non è fritto probabilmente fa male. La roba arrostita è ammessa solo nelle grandi mangiate in campagna o in terrazza o in balcone o nelle strade tra due isolati recintate dalle macchine. Una parmigiana con le melanzane arrostite non la servono manco in ospedale. Quella del fritto ovunque, dell’unto bisunto praticamente affogato è stata anche discussione con la dolce metà, che mi scansò dai fornelli con un “Tu non sai cucinare!” vedendomi mettere mezzo litro di olio in meno nelle zucchine per la pasta e aggiungere una goccina d’acqua per non farle attaccare. Da allora lui cucina e io vago per casa incomazzata dagli acidi grassi.

6. “Tanto ogghiu unni’ chiange”. Tanto non piange olio, quindi non serve. In Sicilia l’olio viene usato pure per cucinare le pietre, dunque è preziosissimo. Quando si rovescia sulla tavola si alzano tutti e trentacinque commensali. Qualcuno vi dirà perché porta sfortuna, in realtà perché lo compri dal vicino di casa in campagna e costa un occhio della testa, altro che quello in offerta al supermercato. Vedi punto sette.

7. L’olio non si compra al supermercato. Quando sei uno studente universitario fuori sede e fai il trasloco della dispensa, è immancabile la bottiglia di olio nuovo, quello comprato dal vicino, che ha il terreno confinante con il tuo e quattro ulivi contati e te lo ha passato in cambio di un rene, ma la genuinità si sa, ha un prezzo. Il paradosso dell’olio è che quando è appena fatto ha un color oliva torbido e sospetto e un sapore velenoso ma che divide il popolo siciliano biomaniaco, quelli che aspettano solo l’olio nuovo amarissimo per mangiarlo con il pane, rigorosamente da forno a legna fatto nei panifici di campagna, e quelli che usano solo l’olio vecchio, di colore e sapore compatibili con la vita umana (tra cui io). Unica cosa in comune: l’olio non si compra mai al supermercato, che chissà da dove viene, con quali olive l’hanno fatto, in quale secolo sono state raccolte, forse lo hanno tagliato con l’olio da motore!!! Il biokomplottismo in Sicilia è roba vecchia.

8. Rosticceria for breakfast. Avete presente la scena del film “Tre uomini e una gamba“? Quando alle otto Aldo si affaccia dalla finestra dicendo “Finisco la peperonata e scendo”? Quando qui si va a fare colazione al bar alle sette è normale trovare mezzo bancone pieno di dolci e uno e mezzo di rosticceria, sopratutto fritta, e credevo che fosse così in tutta Italia. I Musei Vaticani mi hanno fatto ricredere.
Una volta andai ai Musei Vaticani e poiché sono grandi mi consigliarono di comprare il pranzo e mangiarlo a metà visita. Dalle dieci in poi un siciliano già pensa al pranzo, quindi alle undici e un quarto anche in un bar di Roma chiedi la rosticceria a colpo sicuro.
Bar numero uno, solo insalata di riso.
Bar numero due, insalata di riso e panini.
Bar numero tre, insalata di riso, panini e pizzette.
IO: “Scusi, ma avete solo questo?” (tre banconi pieni)
Barista: “In che senso, signorina?”
IO: “La tavola calda non c’è? “
B:“Sì, sì, certo che c’è! L’insalata di riso!”
IO: (E me la metto in tasca l’insalata di riso?) “No, dico la rosticceria, non avete i calzoni, le arancine…” (già allora percepivo le iris con la carne una richiesta troppo avanzata)
B: “I calzoni? A quest’ora?” O_O
IO: “Eh ma sono già le undici passate!”
SILENZIO
B: “No signorina, c’avemo solo queRsto.”
Quante cose che si imparano andando al museo.

9. Le arancine fatte male. Parlare di Roma mi ha fatto venire in mente quella poesia di Trilussa, “Felicità”: “C’è un’ape che si posa su un bottone di rosa: lo succhia e se ne va. Tutto sommato, la felicità è una piccola cosa.”
Quando ti alzi alle sette per andare a lezione con ben otto gradi fuori che ti tagliano la faccia, quando finalmente arriva la ricreazione oppure esci fuori da dieci ore di lezione all’università e rotoli sul treno che ti porta al paesello, quando arriva la pausa pranzo al lavoro, la felicità è a portata di mano. Piccola, economica, magica e fritta! E’ l’arancina, quella pallina cicciosa, oleosa e calda che t’arricria tutto già quando pensi di comprarla, fino a quando spazzoli l’ultimo boccone e ti penti di non averne comprate due, anche se qui sono così grandi che se ne mangi due finisci in coma. Pensata, bramata, agognata e poi finalmente conquistata e mangiata, dopo il mondo diventa a colori, rosa prosciutto, rosso sugo di carne e verde pisello. Deludere una simile aspettativa può causare un serio dissesto del bilancio di fine mese della rosticceria con picchi che potrebbero culminare in un 800A spray grande quanto tutta la vetrina.

10. Le arancine con il nome sbagliato. Le arancine sono femmine, come qui già detto qui, e basta. Purtroppo dalla parte orientale le chiamano con uno stridente nome maschile, molesto come un’unghiata sulla lavagna. La diatriba quando parte non si ferma più. Provate a leggere qualsiasi articolo sul cibo dove si scrive arancini o arancine, non importa che poi si parli delle balene nel Mediterraneo o degli ufo a Paparedda o delle balene di Paparedda che sorvolano il Mediterraneo a bordo di un disco volante, tutti i commenti sotto si catalizzeranno solo sul sesso delle arancine e sulle azzuffate con gli orientali. Io vi consiglio di crederci senza provare, rischiate di morirci di vecchiaia. Se li dovete ordinare indicateli con il dito e basta.

11. La pizza sfincione. Sempre parlando di incomprensioni culinarie lo sfincione non è una pizza e come per le arancine chiamate con la I a Palermo rischiate un serio linciaggio. E’ un materasso palermitano alto due dita e condito concentrato di pomodoro, cipolla e grascia, visto che quelli più buoni sono sempre quelli venduti dai carrettini costruiti dal nonno e mai puliti dalla nonna dell’ambulante che te lo porge. Decenni di batteri, olio e sputacchi hanno dato il loro contributo ad uno dei migliori street food del mondo, fatevene una ragione.

12. Il dizionario è sbagliato. Se chiedi la frutta di marzapane è sicuro che chiunque ti dirà che in Sicilia il marzapane non esiste, li puoi illuminare chiedendo della frutta martorana e ti porgeranno frutta mandorlosa a secchi. Idem per il pangrattato, il pangrattato non esiste, esiste solo la mollica, o meglio la muddìca.

13. Meglio un figlio satanista che vegano. Credo che caponata e frutta martorana a parte, in Sicilia non esista quasi nulla che non sia fatta con qualcosa che provenga da maiale, pecora o cavallo e sopratutto che non preveda un’innaffiata di pecorino o un’imbottitura di ricotta (solo di pecora). Essere vegano qui rende difficile la sopravvivenza e se non vuoi far morire di crepacuore tua nonna o tua madre è meglio che tu fugga di notte, in un esilio autoimposto, ma non so chi ti aiuterà quando sarai solo, senza amici né famiglia. Essere vegano condanna alla solitudine e all’esclusione da quasi tutte le occasioni mondane dei siciliani, prime fra tutte l’arrustuta di sasizza e pancetta di Pasquetta, del 25 aprile, del 1 maggio, del 2 giugno, di Ferragosto e di tutte le domeniche in cui non si sa cosa fare e qualcuno ha messo a disposizione la campagna, il garage o il balcone di casa.

14. Non mi piace la ricotta di pecora. E’ la variante del punto 13. E’ una rarità, ma esistono, quelli a cui non piace la ricotta di pecora. La pecora dovrebbe essere messa al posto della Medusa sulla bandiera della Trinacria e dichiarata sacra insieme al suo dono piu grande, il latte e la ricotta che ne deriva. Calda, fredda, dolce, salata o al forno è difficile scansarla ma di solito nessuno ha questa intenzione. Odiare la ricotta è come odiare la Nutella, chi dichiara una simile eresia viene visto con sospetto e diffidenza.

15. Mangiare con lentezza. Io e Giovanni siamo siciliani ma quando siamo a tavola la dolce Nespula sembra essere il figlio perduto di Flash Gordon cresciuto in Africa tra gli struzzi. Per fortuna gli opposti, anche quelli almeno un po’, si attraggono e quando mi siedo io la percezione del tempo collassa, sembra un quarto d’ora ma è un ora e un quarto. A tavola si parla e che ci sia una portata o cinque, si perde tempo, ci si rilassa e si fa decompressione, fino al caffé e all’ammazzacaffé. Con Giovanni che ha messo il giubbotto dal secondo secondo (non è l’eco). Pochi hanno capito che mangiare è un piacere quanto i Siciliani ma quando ce lo insegnavano Dolce Nespula era in bagno.

16. Mangiare con sveltezza una fattoria. La realtà a volte impone ritmi ben diversi e allora bisogna mangiare in un vero quarto d’ora (a volte ha ragione pure Dolce Nespula). Ma poiché sempre in Sicilia siamo e alla salute ci teniamo, non ci possiamo accontentare di un semplice piatto di pasta per tutto il pomeriggio, quindi in un quarto d’ora siamo capaci di spazzolarci tre portate più dolce e frutta. Giusto per non svenire al lavoro e reggere fino alla merenda.

17. Il pranzo della domenica non prima delle due. Invitare al pranzo della domenica per mezzogiorno o anche per l’una è maleducazione, che siamo in ospedale? E poi io devo fare un sacco di cose prima! La colazione alle nove, il break alle dieci e mezza, il secondo break alle dodici e mezza, tipo con il gelato, che prima è presto e ti ghiaccia la pancia e poooooi si fa il pranzo, cominciando ad un orario da cristiani, non prima delle due per finire non prima delle quattro. Eccheccaspita è domenica.

18. Bisogna sempre essere pronti per le emergenze. Per questo si fa tanta spesa e si cucina tanto. Potrebbe succedere di tutto e quel tutto succederà il giorno in cui non sarai pronta, come nella migliore versione della Legge di Murphy, quindi in realtà facciamo così per tenere lontana la sfortuna. Potrebbe venire la carestia oppure cadere un millimetro di neve a farci rimanere bloccati in casa perché se non vivi nell’entroterra dell’isola le uniche catene che hai al massimo sono sul cellulare. Mangiare tanto serve a tenere caldi o a dare qualcosa da consumare alle tue cellule nel tempo nelle vacche magre. Potremmo svenire mentre stiamo attraversando le strisce per il rotto della cuffia e morire, a Palermo gli automobilisti guardano il semaforo dei pedoni e partono quando diventa giallo, che tanto tra due minuti il loro diventa verde ed è lo stesso. Potrebbe arrivare un parente con tutti i suoi cinque figli con nuore e generi al seguito o un pullman pieno di turisti potrebbe fermarsi in panne davanti casa nostra e noi non si caccia mai nessuno e comunque stare insieme in allegria è sempre bello. Potresti incontrare degli amici in spiaggia ed invitarli a pranzo sotto l’ombrellone, per questo al mare ci si porta il tavolo con le seggiole e le teglie di anelletti al forno e anche se non incontri nessuno, il mare lo sanno tutti che fa venire una gran fame! 😀

19. Il piatto si lascia pulito. Per le emergenze, vedi punto 18 e per educazione. Se ti mettono mezzo chilo di pasta nel piatto te lo devi mangiare TUTTO perché è stato fatto apposta per te, perché nessuno vuole che tu abbia un calo di zuccheri davanti al semaforo e perché se parli con qualcuno devi sempre dire che c’era forse troppo ma mai troppo poco (mah). Ovviamente devi pure accettare il bis. Il tris puoi scansarlo solo dichiarando di voler lasciare spazio per una doppia porzione di dolce.

20. Però davanti all’ultimo cucchiaio… cominciano a scambiarsi complimenti da fidanzati del primo mese “Prendilo tu, no tu, io sono pieno, no prendilo tu” (in realtà lo vogliono tutti e due e quello che alla fine non si decide a prendere l’ultima mini porzione se ne pente. Io dico sempre sì.)

21. Il formaggio sulla pasta ai frutti di mare. Pure Montalbano se ne lamentava. Più di tutti gli arancini e le pizze sfincione ecco cosa fa partire l’embolo ad un siciliano, il formaggio sulla pasta ai frutti di mare. Se qualcuno vuol farvi lo scalpo con il cucchiaio non vi aiuterà NESSUNO. (e fanno bene)

22. La Terra gira intorno al Sole, la Sicilia intorno al Cibo. Qui in Sicilia si parla sempre di mangiare e si pensa al cibo di continuo. C’è chi arriva a lavoro alle nove e davanti alla macchinetta del caffé si sente chiedere “Che mangi a pranzo?”

Figlioli ricordatevi che si fa per ridere, è ovvio che non mangiamo la caponata ogni giorno a colazione e nemmeno i cannoli (anche se i turisti pensano di sì), ma se capita nessuno si sente sacrificato e di certo non è impensabile che possa capitare (io la caponata a colazione l’ho mangiata, però erano le undici U_U) 🙂

Se vuoi un consiglio su dove mangiare a Trapani a colpo sicuro ecco QUA
Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉