Arancina is female! About a war for the gender of the most famous rice ball of the world.

Sicilian language arancini arancina

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

Sicily is not a quiet island. There are volcanos, earthquakes and…sicilians who argue. In particular the sicilians of western side and the sicilians of eastern one. Palermo is in the vanguard of West and Catania and Messina “command” the East. The disputes are about soccer (clearly), culture and food, even the food’s names. Sicilians are able to fight for a vowel, litterally. Above all they fight about the gender of the most famous rice ball in the world, the arancinA (female name)/arancinO (male name)…from centuries.

In Italy the male names often end with O in the singular and with I in the plural, whereas the female names end with A (singular) and E (plural) in most cases.

Some years ago, to increase my books collection without tears, I printed the tales written by the most famous living sicilian writer Andrea Camilleri “Gli arancini di Montalbano“, free downloaded, printed and stapled decently to not lose three or four diopters and because I don’t like these fake books made by bites and one of these tales is “Gli arancini di Montalbano” indeed.

The story is set during the days near the end of year and the police commissioner Salvo Montalbano reject the invite of his girlfriend Livia to celebrate the last day of the year in France. Salvo is a food lover and a fine expert of sicilian cooking and he wants to stay at home and eat the “arancini” made by his “cammaréra“, maid, Adelina, the mother of two previous offenders, two petty criminals, arrested once no and twice yes by Salvo. One of them is arrested exactly during those days and Salvo tries to help him not for altruism but to eat the arancini.

But the matter about which I wanted to talk wasn’t this. The matter is that every time I thought the title those arancinI drove me mad, with that “I” strident like a nail on the board. How can that happen? This writer is very famous in Italy and his peculiarities are the acuity and writing in sicilian dialect! He writes “vruoccoli” (broccoli) and “vastasi” (rude), so why does he write “arancini”?, arancini is an italian word! it’s a typical sicilian recipe and the correct name is arancinE, female, and not arancinI, male. In that time I thought that and saw that title like a treason, because even I didn’t know about the “ Great War of Arancine“.

But some time after I ‘knew’ Fabbro. I put it between quotes because I talk with Fabbro from 5 years and I never shook his hand. We talk talk talk and talk on Facebook, I from Trapani and he from Messina, I tell him my whimperings and he tells me his bad lucks and we have never meet yet, we don’t want to run the risk of realizing finally that we are two nuisances and decide to not talk anymore. With Fabbro, at least once a year, on the day of Saint Lucia (in western Sicily, Trapani and Palermo, we use to eat fried rice balls and cuccìa, made with wheat, because we cannot eat pasta and bread on that day but, in reality, it’s just the perfect excuse to stuff ourself of prohibited fried food full of millions of calories), I argue because of these blessed arancine. That he calls arancinI. But I call arancinE. But he insists on calling them with the I / O (such as donkeys I would say 😀 ).

In this way I discovered that arancinI isn’t only an italian word but also a sicilian word!

On this question, the gender of rice balls, there is a real war in the island, because Palermo, Trapani and western area of Agrigento call them arancine, with the female name, because they are like small oranges, and in italian orange is “arancia/arance” (female names with A/E in italian language, do you remember?), the eastern part of the island calls these balls arancinI, because in Sicilian dialect orange is (also) ‘aranciu’, arancio, male. This would be wrong in italian language because the male names indicate the tree and not the fruit but in sicilian dialect there isn’t this difference and also the fruit would be male. So, why in italian are these balls called arancini, isn’t it wrong? No, because it’s the directly adaptation from the dialect, but losting the starting concept, it’s like a little orange! Recapitulating : Western Sicily arancine, Italy and Eastern Sicily arancini… only that they make a pyramid, not a ball, in honor of the volcano Etna (and because you can eat them while they open in a more manageable and decent way). Right here the first controversy by Occidentals could be: assuming that the correct name should be masculine because orange is aranciu in dialect, when you make it like a cone, the orange goes to hell, no? Call it Vulcanello (little volcano)! I’m confusing too, imagine the confusion there is in Sicily!

On this subject you find blogs, articles, comments and thousands of “sciarre“, quarrels, because if you decline it in the masculine in Palermo, palermitans are offended (and I attack with a feminist conference that never ends on the matter of the female orange and the shape and golden breading and blabla too) and the historic rivalry between the sicilian capital and the eastern Sicily takes off and continues beyond the scoop of rice.

Unfortunately, the authorship of antediluvian recipe of this milestone of sicilian cooking is unknown, we can’t solve the issue of copyright and hence there is the problem that the inventor is not one but many. The recipe was begun by the Arabs before A.D. 1000 or better once upon a time the emir of Syracuse Ibn at Timnah for which they created the rice timbale seasoned with saffron and enriched with herbs and meat to carry it around during the hunting and then Federico II, another glutton sovereign, came and his court ordered to prepare the timbale with the brilliant fried breading that prevents the breaking of the ball (the right size is that of tennis ball, unless you go to the bar Touring in Palermo where they make arancine “bomb”) and allowed a better preservation during trips around the island. When in the second half of 19th century there was the spread of tomato in the cooking, the sicilian gluttons were definitively ruined and the monsù (from french “Monsieur”), the French chefs serving the Sicilian nobles, to rice and saffron added the sauce with the meat, exactly in the middle, and made the rice ball with surprise, the arancina.

In Sicily there are the classic ones with meat sauce or with butter and ham, typical at Trapani and Palermo, at Messina with pistachios and then also in thousand thousands variants, at Trapani I found that one with seafood and, wandering from town to town, with the boar, with broccoli and salmon. There are also those stuffed of Nutella and covered with sugar and some people think that once the original version of them for Saint Lucia was sweet, but today they are considered a heresy and simply inedible.

Perhaps it would be more correct to call them with I because the name is in dialect, but I have trained all my friends of the continent to use the female version because it is a small orange and who cares if the orange in dialect is an aranciu. Because eating an arancina is a voluptuous experience, it’s warm and round, squeaks when you bite it, that feeling that gives you is a little shock to the senses, with the sense of smell, with tongue and thought you get to that fragrant rice with saffron, pasted with starch but with distinct grains, and then arrive to filling, in an almost orgasmic satisfaction that continues in subsequent bites, where stuffing, rice and breading remain separate but in the same mouthful and there aren’t many dishes that give you an alike satisfaction. Do you want to call this magnificence with a male name? It’s hard.

At the end I like the female arancina, maybe, probably, is the habit but I like that fuller and langer sound that ends with A, that we italians pronounce with the open mouth, as we had to show the throat to the doctor, arancina reminds me of the fullness and the softness of woman, her body, her breasts, I can’t called it in another way, the “womanliness” becomes it more.

I don’t know how you should call it for not being lynched on the public way, certainly if you take the field to discuss it you become old and won’t solve the centenary question but in the end the most important thing is eating and enjoying it, maybe if you have time you can do it, in the variations that you prefer, as the famous Adelina did, who uses a different recipe here, perhaps because she’s from Agrigento, I tried to translate it from sicilian dialect:

“Adelina spent two days to prepare them. She knew, from memory, the recipe. The day before you make an “aggrassato”, a stew, of beef and pork in equal parts, that must cook in a slow fire for hours and hours with onion, tomatoes, celery, parsley and basil. The next day you prepare a risotto, what they call “alla milanese” (without saffron, for Heaven’s sake!), it is poured on top of a table, knead with the eggs and let cool. Meanwhile you cook peas, make a sauce, reduce in small pieces some slices of salami and make a whole, grinded by mezzaluna knife (no blender, please). The sauce with meat is blended with risotto. At this point you take some risotto, set it in the palm of a hand made like a bowl and put in spoonful of compost and cover it with other rice to form a nice ball. Each ball rolls in flour, then it’s passed into the albumen and bread crumb. After, all arancini are fried in a pot full of hot oil until they change color, like old gold. They let drain on paper. And in the end, thanking God, you eat.” AMEN.

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )
If you prefer to sleep in Granveliero and partecipate to cooking workshops write to granveliero@gmail.com

L’arancina è fimmina come le minne

Sicilian language arancini arancina

Ecco e così posso già chiudere il post, con una frase lapidaria, che tanto a questa diatriba isolana sull’arancinA/arancinO non c’è rimedio perciò io dico che è così e un messinese dirà e dice che così non è per niente.

Anni fa, nella smania di aumentare la mia collezione libresca senza piangere, mi andai a stampare la raccolta di racconti scritti da Andrea Camilleri ‘Gli arancini di Montalbano‘ scaricata aggratis da internet e stampata e spillettata decorosamente per non appizzarci gli occhi (e perché a me ‘sti libri che non esistono simpatia non ne fanno proprio). Due racconti tra tutti ricordo ancora, il piccolissimo ‘Montalbano si rifiuta’, di cui parlerò un’altra volta perché dice assai sul motivo per cui questi uomini, Vero e Inventato, sono amati e ‘Gli arancini di Montalbano’ appunto.

È ambientato sotto le feste, a Capodanno, e Salvo si rifiuta di raggiungere la fidanzata Livia in Francia per potersi mangiare gli arancini della sua cammarèra Adelina, una cammarera che lui non cambierebbe con nessuno, la mamma di due pregiudicati arrestati una volta no e due sì proprio da lui. Uno di questi giusto giusto viene arrestato per Capodanno e Salvo si butterà nelle indagini non tanto per aiutare lui ma per potersi mangiare gli arancini.

La questione però che volevo raccontarvi non è questa. La questione era che man mano che leggevo i racconti io pensavo al titolo e non potevo trovare pace per quegli arancini, con quella I che suonava come un’unghiata sulla lavagna. Ma com’è possibile che questo qua mi sparge vruoccoli e vastasi romanzi romanzi e poi mi italianizza le arancine??? Mizzica! Camilleri si è venduto così all’ignorante italiota? Io lo vedevo allora quasi come un tradimento perché ancora non sapevo nulla di questa grande guerra delle arancine.

Ma qualche tempo dopo ‘conobbi’ Fabbro. Lo metto tra virgolette perché io, in 5 anni che lo conosco, a Fabbro non ho mai stretto la mano ma parliamo parliamo parliamo e parliamo su Facebook, io da Trapani e lui da Messina, io gli conto i piagnistei miei e lui mi racconta le sfighe sue e ancora non ci siamo mai visti, metti che ci rendiamo finalmente conto di essere due rompiballe e non ci parliamo più. Con Fabbro, almeno una volta l’anno, il giorno di Santa Lucia (nella Sicilia occidentale, a Trapani e a Palermo, si usa mangiare le arancine di riso e la cuccìa di grano perché non si può mangiare la pasta e il pane in tale giorno ma in realtá è solo la scusa perfetta per sfondarsi di rosticceria.), si litiga per queste benedette arancine. Che lui chiama arancini. Ma che io chiamo arancine. Ma che lui insiste a chiamare con la I/O (come i somarelli mi verrebbe da dire 😀 ).

Sulla presente questione ci litiga tutta l’isola da sempre, Palermo, Trapani e la zona ovest di Agrigento le chiamano arancine, come piccole arance, la parte est dell’isola li chiama arancini, perché in dialetto siciliano arancia si dice ‘aranciu’…solo che le fanno a piramide, in onore del vulcano Etna (e perché mentre le mangi si aprono in un modo più gestibile e decoroso). Proprio qui potrebbe scattare la prima polemica dell’occidentale: ammesso che il nome giusto debba essere al maschile perché arancia in dialetto è aranciu, nel momento in cui la fai a cono l’arancia va a farsi benedire, no? Chiamalo Vulcanello!

Sull’argomento ci trovate blogs, articoli, migliaia di commenti e “sciarre”, quasi delle risse, perché se a Palermo lo declini al maschile si offendono (e pure io attacco con una conferenza femminista che non finisce più sul discorso dell’arancia e della forma e della panatura dorata e blabla) e la storica rivalità tra il capoluogo e la Sicilia orientale prende il volo e continua ben oltre la pallina di riso.

Purtroppo sulla paternità di questo ‘pezzo’ di rosticceria dalla ricetta antidiluviana c’è poco da capire, non risolve la questione del copyright e quindi c’è pure il problema dell’inventore che non è uno bensì un casino. La ricetta fu iniziata dagli arabi prima dell’anno 1000 o meglio c’era una volta l’emiro di Siracusa Ibn at Timnah che si fece creare il timballo di riso condito di zafferano e arricchito di erbe e carne per poterselo portare in giro durante le battute di caccia e poi arrivò Federico II, altro sovrano mangione la cui corte gli fece preparare il timballo con la geniale panatura fritta, che non faceva rompere la pallina (della grandezza giusta per giocarci a tennis o poco più, a meno che non andate al Bar Touring di Palermo che fa le arancine bomba) e ne permetteva una migliore conservazione durante i viaggi in giro per l’isola. Quando nella seconda metà dell’800 cominciò a diffondersi il pomodoro in cucina, i mangioni trinacrioti furono definitivamente rovinati e al riso e zafferano i monsù (da “Monsieur”), ovvero i cuochi francesi al servizio dei nobili siciliani, aggiunsero il sugo con la carne proprio al centro e fecero la palla di riso con sorpresa, ovvero l’arancina.

In Sicilia si fanno quelle classiche con il ragù e il burro a Trapani e a Palermo, con i pistacchi a Messina e poi in millemila varianti, a Trapani ho trovato quella ai frutti di mare e, gironzolando di città in città, con il cinghiale, con i broccoli e con il salmone. Esistono pure quelle alla Nutella coperte di zucchero e c’è chi pensa che una volta la versione dell’arancina di Santa Lucia fosse dolce, ma oggi sono considerate semplicemente un’eresia nonché immangiabili.

Forse sarebbe più giusto chiamarli al maschile visto che il nome è in dialetto ma io ho istruito tutti i miei amici del Continente sulla dicitura femminile perché è una piccola arancia e chissene se in dialetto l’arancia è un aranciu. Perché mangiare l’arancina è un’esperienza voluttuosa, è calda e tonda, quando l’addenti senti quello scricchiolio che ti da una piccola scossa ai sensi, con l’olfatto, con la lingua e col pensiero arrivi a quel riso profumato di zafferano, incollato d’amido ma con i chicchi ben distinti e poi finisci nel ripieno, in una soddisfazione quasi orgasmica che continua nei morsi successivi, dove ripieno, riso e panatura restano distinte ma nello stesso boccone e non sono tanti i piatti che ti danno un appagamento così complesso. Tu mi vuoi chiamare una cosa simile arancino?

Una volta il mio amico Lorenzo, grande appassionato di B-movie e della signora Fenech mi spiegò la sua devozione alla bellezza di questa donna ‘che ti guarderesti sempre per il semplice fatto che è fatta di carne vera, con quelle minne morbide e pesanti, che non c’entrano niente con quei seni al silicone alti e sempre sull’attenti, che appena li vedi ti sanno di ospedale e ti viene il mal di pancia‘. Non so perché mi sia venuto in mente lui mentre scrivevo ma parlare della voluttà di un piatto mi ha fatto ricordare la voluttà di certe parole e delle sensazioni che ci rimandano, a prescindere da quanto siano grammaticalmente corrette o educate, pronunciabili in pubblico, e alla fine a me l’arancina femmina piace di più, forse, probabilmente, è l’abitudine ma mi piace quel suono tondo e grande che finisce con la A, come le minne, che subito ti fanno pensare ad una consistenza umana e reale, di carne e morbidezza, ben più degli educati seni.

Non so come vi conviene chiamarla per non essere linciati sulla pubblica via, di certo se scenderete in campo a discuterne ci diventerete vecchi e non ne sarete venuti a capo nemmeno allora ma tanto l’importante è mangiarla e goderne, magari se avete tempo anche farla, nelle varianti che preferite, come faceva la famosa Adelina di cui sopra, che qui usa una ricetta diversa ancora, forse perché delle zone di Agrigento:

Adelina ci metteva due jornate sane sane a pripararli. Ne sapeva, a memoria, la ricetta. Il giorno avanti si fa un aggrassato di vitellone e di maiale in parti uguali che deve còciri a foco lentissimi per ore e ore con cipolla, pummadoro, sedano, prezzemolo e basilico. Il giorno appresso si pripara un risotto, quello che chiamano alla milanìsa, (senza zaffirano, pi carità!), lo si versa sopra a una tavola, ci si impastano le ova e lo si fa rifriddàre. Intanto si còcino i pisellini, si fa una besciamella, si riducono a pezzettini ‘na poco di fette di salame e di fa tutta una composta con la carne aggrassata, triturata a mano con la mezzaluna (nenti frullatore, pì carità di Dio!). Il suco della carne s’ammisca con risotto. A questo punto si piglia tanticchia di risotto, s’assistema nel palmo d’una mano fatta a conca, ci si mette dentro quanto un cucchiaio di composta e copre con dell’altro riso a formare una bella palla. Ogni palla la si fa rotolare nella farina, poi si passa nel bianco d’ovo e nel pane grattato. Doppo, tutti gli arancini s’infilano in una padeddra d’oglio bollente e si fanno friggere fino a quando pigliano un colore d’oro vecchio. Si lasciano scolare sulla carta. E alla fine, ringraziannu u Signiruzzu, si mangiano”. AMEN.

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )