Ma almeno una volta là prima di risalire ci devo andare!“. Dove vanno a mangiare gli studenti universitari fuori sede quando tornano a Trapani.

La granita più buona che ci sia mandorle e gelsi da Liparoti a Trapani

Picciotti, se mi rispondete “dalla mamma!” o “dalla nonna!” non vale ovviamente perché quello è scontato. Nessuno, da nessuna parte, mai mai mai, cucina meglio di tua mamma o della nonna (a meno che tu non sia figlia di Rachel Flax). Tuttavia, ogni volta che gli studenti universitari fuori sede tornano a Trapani, hanno anche voglia di mangiare delle cose che la mamma non prepara e quindi devono per forza andare a procacciarsele fuori.

Ragazzi, attenzione! Questi sono posti che pure i trapanesi fuori casa si sognano la notte e che, tornino per due giorni o per due settimane, immancabilmente diranno “Ma almeno una volta là prima di risalire ci devo andare!” (gli universitari trapanesi fuori sede risalgono sempre e tutte le volte è difficile, è come lo sforzo che fanno i salmoni per risalire il fiume controcorrente, questione di sopravvivenza, si deve fare e basta, la vita là fuori è dura ma almeno il ricordo dell’ultimo soggiorno a casa aiuta il reietto universitario fuori sede a trascorrere i giorni nell’estero italiota senza accusare troppo il colpo).

I luoghi must dove mangiare di chi ritorna in patria trapanese sono:

1. La pizza da Calvino. Questo è il must più must che ci sia sul post, sfido qualunque trapanese a dirmi di no. Una ex casa di tolleranza in pieno centro storico, con stanze minuscole, sempre sempre sempre affollato, in estate, in autunno, in inverno, in primavera e poi ancora in estate… che tu sia uno squattrinato studente o un medico affermato, che tu sia un turista svedese o milanese oppure una nonna (!!!!! e ho detto tutto), ti fai un’ora di fila a guardare quelle api operaie dei pizzaioli di Calvino (la cucina è proprio dietro il bancone delle ordinazioni, si vede tutto e non si fermano mai!) e resisti, resisti e aspetti perché questa pizzeria, datata 1946, li vale tutti i minuti di vita che stai buttando nell’attesa.
Se decidi di mangiare “in sala” ti addentri in un corridoio disadorno su cui si affacciano le ex stanzette delle prostitute, grandi 4×2, dove ti accomoderai insieme a tutti quelli che riescono ad infilare lì dentro e aspetterai la tua pizza seduto al tuo bel tavolino spartano, posto a mezzo metro da un altro (pieno of course) e con una comitiva caciarona appoggiata alle spalle. Le stanze sono comunicanti, attraverso fessure strette ricavate nei muri, quindi se la comitiva è in un’altra stanzetta non conta, te la godrai comunque. Fai attenzione a non gesticolare troppo dentro le fessure per indicare, qualche sconosciuto potrebbe acchiapparti la mano per divertirsi e farti venire il cuore a nocciolina (provato). E’ un gran casino mangiare qui e non è il posto più elegante della città, lo so, ma se se l’accollano così tanti un motivo ci sarà, riflettete ragazzi.
Consigli: in estate sopratutto prenota. Prenota anche se la pizza vuoi mangiatela fuori per non rischiare una crisi di claustrofobia e portatela alle Mura di Tramontana che sono a pochi metri da lì e sono sul mare. Se stai a Trapani per poco puoi unire due belle esperienze in una, magari tre se prendi la pizza tipica trapanese, la rianata!

La pizza più buona di Trapani la rianata a sinistra

La pizza più buona di Trapani, la rianata! (a sinistra)

2. La gelateria Liparoti. Un bel giorno Giovanni mi dice “Ho mangiato un gelato alla mela verde buonissimo“.
Sì, ok.
A una che non mangia gelato da anni cosa può importare? A me il gelato non piace, i dolci danno più soddisfazione, lo mangiavo da piccola e ora non lo mangio più. Però io prima di dire no assaggio sempre per fortuna e mela verde non è usuale, se sperimento una cucchiaiata di certo non muoio.
Ecco. La curiosità ammazza il gatto e rovina le mangione, che adesso stanno recuperando tutti i gelati persi negli anni in un’unica estate.
Quasi ogni sera si va lì in pellegrinaggio, alle undici, alle dodici, all’una di notte, non importa, quelli poverini chiudono alle tre! Il colpo di fulmine è stato il gelato alla banana. Di che colore è il gelato alla banana? Eh? Eh? Bianco? Risposta sbagliata! Il vero gelato alla banana è GRIGIO!!! perché la banana si ossida. Il gelato alla mela verde è un po’ granuloso come le mele vere, quello ai fichi ha i semini, è denso e buono e basta per favore. Il tripudio vero sono quelli alla frutta, che a volte ci sono e a volte non ci sono perché se la frutta non è di stagione allora loro non la usano. Giovanni è a lutto perché non ci sono mele verdi buone ad agosto e quindi non lo fanno. Mi hanno convertito anche alle granite. Il passaparola turistico al riguardo vi indicherà un altro posto, in pieno centro storico a Trapani, famosissimo. Io in verità non capisco questa fama, forse tanti anni fa era bravo oppure non c’erano alternative, non so, ma davvero non reggono il confronto. Sarà che quella è più vecchia e questa è più recente, che per un trapanese spiegare in inglese ad un turista dove si trova il Viale delle Sirene è più difficile che dire dove si trova l’altro, non lo so davvero, ma io da qui non mi stacco più. Qua le granite sono degne di tale nome, così buone io le ho mangiate solo a Messina e poi niente più, crema non ghiaccio e pezzettoni di frutta ovunque. Il mix più buono è mandorla e gelsi. Ragazzi, goduria pura! Purtroppo ad ottobre chiuderanno i battenti per la pausa invernale ma Giovanni li atturra (gli frulla il cervello insomma) facendo opera di persuasione per poter mangiare mela verde anche in inverno. Avete tempo fino ad ottobre per ora, ne vale la pena, anche perché è al centro storico, vicino al mare e nel decimo mese dell’anno il tempo è ancora accettabile e loro sono gentilissimi e categorici sulla genuinità degli ingredienti, quindi se vostro figlio cerca il gusto “puffo” cascate male ma almeno può assaggiare un vero gusto fragola! 🙂 (Rileggendo quello che ho scritto sembra uno spot pubblicitario, però caspita, se una cosa è buona è buona, mica posso dire che è cattiva per dare soddisfazione agli scettici, provare per credere)

La granita più buona che ci sia mandorle e gelsi da Liparoti a Trapani

La granita più buona che ci sia, mandorle e gelsi *_*

3. La pasticceria di Maria Grammatico. Questo non è a Trapani bensì ad Erice, per cui se lo studente fuori sede torna ci va quando capita ma se finisce ad Erice ci va di sicuro. E’ piccolissima ma giusto ieri leggevo che nel 2013 ha festeggiato i 50 anni di attività. Anche qua meditate sempre sul possibile perché. D’estate Erice è brutta secondo me, troppa gente, tutti turisti e qua si riempie in un baleno, ci sono quattro tavoli contati e un balconcino minuscolo, con un solo tavolo, ideale per sfuggire alla calca davanti al bancone. Fanno sorridere i turisti che accarezzano i panetti di pasta di mandorle in vendita, questo la mamma (una mamma “pacinziusa” ovviamente, che perde tempo a farti una frutta martorana come si deve) te lo fa, il problema dell’abitudine è sempre quello, devi incontrare uno di fuori per comprendere la bellezza, la bontà e la particolarità di ciò che ti circonda. La pasticceria è famosa per questo, i dolci di mandorla. Fanno anche delle buone crostate. Forse sono buone anche le loro marmellate. Se ti va ti puoi prendere magari il caffè. Ma in verità il motivo per cui gli autoctoni, sopratutto loro, vanno lì sono le GENOVESI!!!! La pasticceria è ancora più famosa per queste. Dischi di frolla morbidissima ripiena di crema gialla calda e spolverate di zucchero a velo. C’è chi ti vende la versione finta con la ricotta, non male ma come quella alla crema nessuna mai e loro che sono seri non la fanno! Erice d’estate è brutta ma se capiti lì una genovese te la mangi, anche se devi sgomitare tra la folla, anche se è calda. Se però hai la bellissima idea di salire ad Erice in autunno o in inverno e farti un giro per il paesino fantasma, in mezzo alla nebbia e il freddo, quando arrivi alla pasticceria ti senti come la Piccola Fiammiferaia salvata, salvata dalle genovesi calde della signora Maria, in pasticceria non c’è un cane ma tu ormai sei qua e una venuta ad Erice senza mangiarle è una visita a metà.

4. Ristorante “Antichi Sapori”. ecco questa è una licenza sul post che mi prendo io, non ci vanno gli studenti in trasferta ma tanti trapanesi sì. Gli studenti non ci vanno perché è più facile trovare una mamma che perda cinque ore di tempo per farti il “cùscusu” e poi perché in verità il ristorante non è amico dello studente universitario come idea in generale, ma se vieni a Trapani e vuoi mangiare il pesce e sopratutto il cùscusu qui caschi benissimo. A Trapani ci sono tanti ristoranti, anche buoni, ma questo finora non ha mai avuto una pecca, né come cibo né come personale, sempre veloci, sempre gentili, sempre presenti, se qualche volta hanno una giornata storta non lo danno mai a vedere perché sono sempre perfetti. Anche qui è sempre pieno e dovete attendere parecchio, in estate e in inverno. Non azzardatevi a chiedere il menù turistico! (più per motivi di decenza culinaria che per il prezzo, i costi sono nella media). Anche questo è vicino al centro storico, l’unica pecca forse sono solo i dolci, nella norma direi, nulla di indimenticabile, ma qui non ci vai per questo e poi Liparoti è a due passi, quelli che devi fare in ogni caso per digerire la cena pantagruelica che fai qua.

Una pizzeria, un ristorante, una gelateria e una pasticceria. Sembra l’inizio di una barzelletta strana ma se decidi di venire a Trapani direi che questi sono posti dove non ti vai a svenare e resti soddisfatto. In più sono tutti in luoghi bellissimi, ad Erice e al centro storico di Trapani, ti ho preparato il menù per un terzo di un possibile week end qui in pratica. Ci sono anche altri posti validi ovviamente ma questi secondo me sono quelli che non deludono mai 🙂

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a : fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )

Annunci

5 pensieri su “Ma almeno una volta là prima di risalire ci devo andare!“. Dove vanno a mangiare gli studenti universitari fuori sede quando tornano a Trapani.

  1. La mia esperienza universitaria l’ho trovata umanamente molto peggiore di quella liceale.
    Di quel periodo mi manca in particolare la confidenza che c’era tra compagni di classe. A quei tempi conoscevi ogni minimo particolare della vita dei tuoi compagni, anche di quelli che ti stavano antipatici; all’università invece i rapporti sono molto più tenui, perché i tuoi compagni sono troppi, il tempo che passate insieme è troppo poco, e più in generale non c’è più quell’ atmosfera intima, di condivisione di tutto tipica del liceo.
    Dal punto di vista umano gli anni liceali sono i migliori in assoluto.

    • Leggendo questo commento mi è venuto da pensare di slancio che sono d’accordo, due dei miei migliori amici li ho conosciuti in quegli anni e non è che i migliori amici possano essere più di due, tre. Tuttavia l’esperienza che ti forma maggiormente è sempre quella universitaria, si sperimenta la propria autonomia in casa e nelle relazioni con gli altri e talvolta, se si è fortunati, ci si può legare in amicizia anche ad altre persone al di fuori del contesto universitario, credo che ci si metta più alla prova, sopratutto se sei un fuori sede. Certo è più difficile, per questo il cibo della terra natia può essere una confortante parentesi 🙂

  2. […] Sono diversi i locali dove amiamo mangiare e che vi posso consigliare, quindi cominciate a prender nota. Andate più avanti scendendo per il Corso, fino a Piazza Jolanda. Al numero 191 troverete il ristorante Antichi Sapori, i loro piatti forti sono tutti i primi e il cuscus a base di pesce, il piatto bandiera trapanese, con la zuppa di pesce o i calamari in porzioni pantagrueliche *_* (ve ne parlo QUA) […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...