But is Palermo safe? I lived there for many years but I never took a picture of this city. Because mi scantavo. A post dedicated to the search of freedom to walking.

One of the biggest trees in Italy, the Ficus of Giardino Garibaldi in Palermo

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

I left my house in Palermo two months ago and now I must to return there only to wave a form under the nose of a “sturduta” (dumb) secretary of maybe the biggest but surely the most disorganized university of the island, otherwise I can’t do the exam. No, no fax and no, not even an email…and if they don’t even answer the telephone it’s not because they haven’t that opposable finger thanks to which we did evolutionary jump but because of the lagnusìa, the laziness that makes bureaucracy in Sicily slow like a sloth, that hasn’t really the opposable finger so it does nothing but at any rate it’s justified. They’ll solve everything in two minutes but I must lose two hours to go and other two to return by bus, without counting the others lost in line in front of the only open counter among twenty others.

Seeing as I will lose half of the day I decide to lose the second half one and do a thing that I didn’t ever do during the many years olden in this city. I’ll walk with a reflex camera.

I didn’t ever do it because “mi scantavo“, I was afraid to do it.

So many times walking I would have it with me, there are so many beautiful things in Palermo, usual and uncommon. I knew that my time here would be limited and this city is very important for me, the memory sways, the age doesn’t help and I want remember, I would look and look again Palermo, always, also if my time there is ended for now. I haven’t only one photo of Palermo, whether of that one I lived or of tourist one, because I was terrorised, I daydreamed about poses and scenes but reflex remained closed in its bag at home. My camera is not precious, it’s a little reflex with a screwed piece of glass, but it’s one of the few things that I bought with my money just for me. I don’t like many things but during the shopping I didn’t remember anything of them and spent my money for the presents for others and when the memory came back I was flat broke. But the most important thing is being satisfied. For this reason I made few more concrete presents for myself: some low cost flight tickets to Rome and this little Canon Eos 1000D with a piece of glass of 18-55 mm. I adore it. It’s my little, my loved, my reserve of memories and little satisfactions, I can’t allow that any guy purse snatches it to sell it for just 200 euros after have thrown the memory card full of blurry photos of views and my niece in company of a different My Little Pony every time in a drain.This is no laughing matter.

When I enrolled at University my coming rommates, already broken in living in Palermo, had described the city like a sicilian far west, the more unforgettable warning was ‘Don’t walk near the doors, they draw you in when you least expect it!’ We went out all together only with a guy…we were FOUR girls!!! The guy would have to be our protect, the person would have to receive chivalrously a bunch of punches and offer his wallet. On one occasion my roommate became hysterical seeing me with the hood worn up to eyes because she had suffered a robbery at supermarket and the thief was dressed in that way, she hasn’t a good memory of hoods but didn’t remember that the prices of that supermarket were revised just for the university students, THAT was the real robbery. To prevent the purse snatchings ‘Put back the money in the bag when you are still in the shop!’

Dunno.

When I stayed alone at home for the first time it was because I would have to take the bus for Trapani at 7 p.m. and in winter there is dark and I was too afraid of going alone to the station, all looked monsters, criminals and killers, I imagined myself robbed and strangled under a tree, so I decided to stay one night again at home. Alone. The door closed with three turns of key. Three up and three down. And the chain. My fellow students (strangely only the men) were often blocked and robbed, they were terrorised. When I went to Palermo from Trapani to follow lessons I put the money in a secret pocket stitched on purpose. I’ve a friend who has be never stopped, he could speak a perfect palermitan dialect, it brought in goose bumps, a marked and unintelligible lullabye, where to say ‘Cosa’ (What or thing) you have to open the mouth like a hooven and say ‘Cuoasa‘ (untranslatable) and dressed black jacket with the hood up to the eyes, he seemed more criminal than some shady people circulating in those areas of Palermo. The universitary area was, is like this. This one intersects much with the most famous and accessible (because near the Stazione Centrale) tourist area, the triangle of Cattedrale, Via Maqueda and the Kalsa. The tourist area is in a very degraded area of Palermo but not the most degraded one.

It never happened anything bad

Palermo is leopard and you can see a parisian café near a dirty panellaro (who makes bread with panelle, often in the street) and universitary students walk among black kids, Pakistani guys and chinese women and turning the angle bump the nose into shaved eyebrows of palermitan hero of “New melodic” music of the moment and avoid tourists with red skin.

One day I was with a troupe to shoot a videoclip in Via Bara all’Olivella. Once this street was a little Bronx, full of rubbish and little reassuring faces but now, seeing as it’s the only street from which a beautiful glimpse of Teatro Massimo is visible, is full of little shops for tourists, restaurants, small tables and parasols, it’s so full that the glimpse is no more visible. There is only a really beautiful thing here, the “Teatro dei Pupi di Mimmo Cuticchio” (The Theatre of Puppets of Mimmo Cuticchio).
We shooted a video, there were many thousands of euros between lens, reflex cameras and sliders and among meddlers and storekeepers, by now become our partners of work, the warning “Look at mopeds” (Here there are snatchers) was inevitable.
Noboby stole nothing and our level of attention was normal, after all we had to work.

I was never plundered nor kidnapped and I walk serenely near the doors but I put the money in the purse before to exit the shop, I think that it’s a good habit everywhere, when you can do it. Sometimes a man “ti sconcica“, whistles and congratulates your mum, but you can ignore them and go on without lookin them, they will knock it off. I went back home also alone, also with dark but always when there is still somebody, workers who returned for the dinner, and I’m alive and without a bad experience to tell you. I went back home also by bike, at midnight, from Palazzo Pantelleria to Policlinico, with the terror up to my neck, because one never knows. Nobody stopped me, never, but the few pedestrians looked me like a fool.

Once a friend from Rome, Favetta, came and saw me in Palermo. His hotel was at Ballarò (one of the three storical markets of Palermo) and I reached him by bike. After a evening spent to dance tango in very degraded areas of the city, back Chiesa of San Domenico, that during the evening is inflamed of arts and beauty in some little places, we stepped towards home, me, he and the bike beside. “Come on!, run to home, it’s late and you are alone and with the bike, I’ll try to find the way to go back hotel, I think that it’s near, surely we’ll arrive in the same moment, go!”. Me: “Favetta, I went all the way many times. The other times wasn’t so late but I have a heavy chain and a shrill voice and no hesitation to use them (above all the chain). However strange it may sound but it’s more probable that they stop you because you are a man and not me, because I’m a woman (this is my personal statistic), with that face then!”. Which face? Imagine Woody Allen, but with mustache like inspector Jacques Clouseau, he fancies himself as Serpico but he’s really like Sam, he’s one of my best friends, how could I leave alone a so funny and sweet friend? I couldn’t. Also because during the return he tried to make way and even me almost was losing the way in the second biggest european old town. During 30 minutes of walking we met vagabonds and strange people, even an old man who asked cigarettes…from the balcony, he just lowered “‘u panaro“(the basket). But we are still alive and not traumatized.

I looked many tourists walking with the cameras hanging by the neck, quiet and smiling but I have heard of many bag-snatchings…

…therefore is Palermo safe or not?

There are many people, many foreigns and some delinquents. Like in every big city in the world.
Is it safe? More than New york and London surely, it seems more than Oslo, if you “te l’accolli“, risk to go there, why not to Palermo? Out of this city there are girls who believe that here people are kidnapped in the dark places, that there are shootings in the middle of the road and that the life is worth a cigarettes pack. But this is not “Il Padrino“! -_-‘
In reality the rules to stay good here are those of common sense, but those are valid everywhere there are more than 100.000 citizens. The petty crime is widespread here, it’s true, but in the morning there are so many people and tourists and students who walk quiet, also with the reflex cameras and if you are in difficulty you can shout, at least 200 turn in your direction and you are safe but it would be a unlucky coincidence.
The evening is more dangerous. Don’t defy the luck, I do many times but only because it was necessary and also if nothing ever happened maybe I’ve been really lucky, so I suggest you to walk in two and not alone. Alone is safe if you walk where there are light and some people but in two is better, at any rate you don’t walk with terror and relish more the stroll. Look out but without paranoias. The area of Magione is more thorny after the sunset because out of the squares of light near the places it’s desert and isolated and don’t underestimate also Via Roma/Via Maqueda in the evening. I don’t want to do psychological terrorism, my experience was absolutely positive for years but it’s always a big city, look out but without terror, Palermo is safe enough. Of course if you go to Brancaccio the situation is totally different, that area is dangerous also in the morning but it’s not necessary to go there, there’s nothing of interesting.

But therefore if all walk quiet with reflex camera, why are you afraid, Anna?
Because I’m only a human, though, and sometimes others wash my brain with their fears and worries and those times I doubt of beeing just lucky for ten years.
Some days ago they have stole the silver flower of Santa Rosalia. This sculpture is poor and it was the only precious ornament. Here they say “Viva Palermo e Santa Rosalia!“, “Long live to Palermo and Santa Rosalia”, so far I belived that Palermitans don’t love only their city but not even Santuzza, the little Saint, survived to insult, how can I survive?

che camurrìa, how inconvenience! Enough! Let’s take out the reflex, well hanging by the neck, relaxed, without problems. And voila! The first pictures of Palermo, at Kalsa and Casa Professa, timid and pathetic photos, it was he first time and…nothing happened, again! I held hanging by the neck, up the backpack put counter, forward like a infant, to support the arms and rest, to take pictures and make more difficult a bag-snatching, of backpack and reflex camera. Lo “scanto“, the fear, was passing and getting to like take pictures in Casa Professa, click,click,click, How many things I can immortalize now, I love you Palermo and I want to see you ever. You scared me and now no more. I was afraid to exit alone and now no more (not too at least). Now I see you with different eyes and I use the bike (because I know where to hide it). Now I can take pictures of you, finally! Click, click, click holy mackerel! It put out! I forgot to recharge the battery!

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )
If you prefer to sleep in Granveliero and partecipate to cooking workshops write to granveliero@gmail.com

Annunci

Ancient wooden ceilings?

Il pannello di legno dipinto di un antico soffitto

Se vuoi leggerlo in ITALIANO ecco qui.

Three or four weeks ago, during a walking full of relax and love, Giovanni wasn’t able to stand and tried to provoke me saying allusive “Do we go there?

Therefore, if your boyfriend, appealing to your weakness and taking advantage of the distance from everything and everybody, looks at you with that hopeful gaze because wants to take you there, where you mustn’t go, because you can’t, because it’s prohibited, absolutely not…how can you say no?

So we went to our favourite antique market

This place (that for now I don’t reveal, bacause you could go there and find a bargain earlier than me) is our perversion/ moment of masochism.
Yes, because they sound off hysterical prices for an old jug of the end of XIX° century but really hip during Norman domination in Sicily (ehm…>_>)

Don’t misunderstand me, it’s a real antique market and there are many beautiful antique things but not so antique! They amplify the dates, very much, above all if they see two simple looking guys. Here we negotiate until the last cent, after all we descend from Arabians, so often that’s how it goes sometimes: you ogle a thing, after 5 minutes you found a position in your home, grow fond it, not even it was a found heirloom, ask the price, the heart falls and you walk on, two expensive, this is called hurting yourself

However, when you are here, it’s good asking, bacause asking is still free and they could say a passable price, nobody knows!

So there that Giovanni found this painted board. In the dude’s opinion who sold it’s dates at 1600 (BOOOOOOOOUUUUUUMMMMMM). In reality it should be “only” two centuries years old. This board derive from the ceiling of a house. We didn’t imagine it because, usually, these panels are in the churches or important ancient buildings. A day I will tell about Palazzo Chiaramonte-Steri at Palermo and you will see what they were able make with just wood and colours 😉

Ancient painted wooden panel

In my opinion this is better than a painting ^_^

Ancient painted board from a ceiling

Ancient painted board from a ceiling

That one to cover the ceiling with painted panels is a very ancient idea, even medieval, and today finding it is a venture, because they have a reckless life among woodworms, fire and seepages and they were used also in the normal houses until XIX° century (also for us it’s an occasion to learn something of different, see how much is antique market beautiful? 🙂 )

Ancient painted wooden panel

I adore antique market for this reason. Whi knows how many hard knocks did this board go through

With much “preo” (pride) Giovanni has one of these panels now, spikes, holes and blots included, but it will be swell hunging up a bed of his Bed & Breakfast Belveliero and I love this idea. Usually these objects are on the ceilings, are beautiful but too far! Only their creators and the restorers can appreciate them closely, see well their drawings and colours, whereas for the most part of people they are unapproachable artistic beauties.
Surely there are other more beautiful panels, more particular and ancient, but we can see this so near and so good, in my opinion it’s fantastic (Please, say to me that I’m not fool 😛 )

Piece of ancient cieling in Belveliero Bed and Breakfast

Piece of ancient cieling

Now we have to find the suitable position and the way to bed those spikes. The merchant said “Don’t forget! Don’t throw away them, they are originals!” (In fact they have the head big like a Mentos) but if we leave them like this, one day they will snatch the arm from somebody who has the good idea to jump on the bed O_O (MMMM maybe it’s better leave them as are, to prevent a break, but I like to jump on the bed and I’m dolt 😛 )

Ancient spikes on the board

Mmmmm it will be better leaving them >_>

One day I will show where we have put it.

However the best part of that day was discovering that Giovanni dupes about the prices, he doesn’t reveal the real amount who has payed :D. Not big lies, of course, but he declares 20 euros less, just the difference between a good deal and an unique occasion. There are so many unexpected ways to discover your soul mate! 😀

If you want to correct my English (please, be kind because I’m a sensitive person and I’m learning) or suggest something, you can write to fioredinespula@gmail.com
If you want to sleep in Belveliero you can write here bebilveliero@gmail.com (write FIORE in the email 😉 )
If you prefer to sleep in Granveliero and have breakfast with me write to granveliero@gmail.com

Ma Palermo è sicura? In tanti anni che ci ho vissuto non ho mai scattato una foto a questa città. Perché mi “scantavo“. Un post dedicato alla ricerca della libertà di camminare per strada!

One of the biggest trees in Italy, the Ficus of Giardino Garibaldi in Palermo

ENGLISH” version!

Inizio a scrivere questo post un giorno prima. Ho lasciato la casa in cui vivevo a Palermo da due mesi e adesso sono costretta a tornarci solo per sventolare un bollettino delle tasse ad una segretaria sturduta dell’Ateneo forse più grande ma di sicuro più disorganizzato dell’isola, altrimenti non posso dare l’esame. No, niente fax e no, nemmeno una email…e se non rispondono al telefono non è perché li scelgono senza quel dito opponibile che ci ha fatto fare il balzo evolutivo ma per la lagnusìa che fa andare la burocrazia di queste parti alla velocità del bradipo, che il dito opponibile non ce l’ha per davvero, non fa lo stesso una beata ma almeno mezza giustificazione lui l’ha trovata. Aggiusteranno tutto in due minuti ma io per arrivare lì dovrò farmi due ore di autobus all’andata e due al ritorno, per non contare quelle perse in fila davanti all’unico sportello aperto di venti.

Dato che mi faranno perdere la giornata non tornerò subito e farò una cosa che in tanti anni in questa città non ho fatto mai. Andrò in giro con una macchina fotografica.

Non l’ho mai fatto perché mi “scantavo, mi spaventavo.

Quante volte passeggiando avrei voluta averla con me, a Palermo ci sono tante cose belle, solite e insolite, e poi lo sapevo che il mio tempo qua non sarebbe stato infinito e questa città per me è importante, la memoria mi gioca brutti scherzi, l’età non aiuta e io non voglio dimenticare, io Palermo me la vorrei sempre guardare e riguardare anche se il mio tempo lì, almeno per ora, è terminato. Non ho una sola foto di Palermo, quella che vivevo e manco quella turistica, perché ero terrorizzata, fantasticavo foto e scene, ma la macchina restava ben chiusa nella sua borsa a casa. La mia macchina fotografica non è preziosa, è una piccola reflex con un fondo di bottiglia avvitato, ma è una delle poche cose che ho comprato solo per me con i miei soldi. Non sono molte le cose che mi piacciono ma al momento di comprare non ne ricordavo mai nessuna e spendevo soldi per gli altri. Ero sempre al verde quando mi ritornava la memoria ma l’importante è essere contenta, quindi niente rimpianti. Sono poche le felici intuizioni che ho avuto su come farmi un regalo più concreto: qualche biglietto aereo low cost per Roma e questa piccola Canon Eos 1000D con un pezzo di vetro 18-55mm. Io la adoro. E’ la mia piccolina, la mia amata, la mia riserva di ricordi e piccole soddisfazioni, che me la faccio scippare dal primo ragazzetto che se la venderà per duecento euro dopo aver gettato la memory card piena di 500 paesaggi, 480 sfocati e 20 no, e di mia nipote sdentata e spettinata in compagnia di un My Little Pony diverso in ogni foto in un tombino? Non scherziamo.

Quando mi iscrissi all’università le mie future coinquiline, già rodate da un anno, mi avevano dipinto scenari da sicilian far west, indimenticabile fra tutti il monito “Non camminare vicino ai portoni altrimenti ti tirano dentro quando meno te lo aspetti!“. Non uscivamo mai tutte e quattro (QUATTRO!!! avete letto bene) se non c’era un ragazzo con noi (quello che, in teoria, avrebbe dovuto difenderci da una rapina a mano armata o quantomeno beccarsi cavallerescamente le botte a nome di tutto il gruppo). Una addirittura diventò isterica quando mi vide sollevare il cappuccio della felpa sulla testa prima di uscire. Aveva subìto una rapina al supermercato dove hanno prezzi da studente universitario, cioè da vera rapina, e il ladro avvicinandosi alla cassa si era alzato il cappuccio per coprire il viso. Per evitare gli scippi ‘Non metterti i soldi nel portafogli quando sei già per strada, fallo in negozio’.

Boh.

Quando rimasi sola per la prima volta non uscii di casa alle sette di sera per prendere il pullman perché ero troppo spaventata dal buio e dalla strada, mi sembravano tutti dei delinquenti, mi vedevo rapinata e sgozzata sotto un albero quindi rimasi sola a casa a dormire una notte in più. Con tre giri di chiave sopra e sotto e il ferro tirato. I miei colleghi (ma sempre ragazzi stranamente) spesso venivano fermati e derubati ed erano semplicemente terrorizzati, io quando arrivavo con i soldi per stare tutta la settimana li nascondevo in una cucitura interna dei jeans fatta apposta. Un mio amico invece non veniva mai fermato, sapeva parlare in un palermitano da pelle d’oca, una cantilena forte e incomprensibile, dove per dire ‘cosa’ apri la bocca quanto un forno e ti esce un ‘cuoasa‘, e andava in giro con una felpa nera e il cappuccio tirato sugli occhi, che pareva più delinquente di certi ceffi che giravano da quelle parti. La zona universitaria era, è, così. Questa si intreccia tanto con la zona turistica più accessibile perché più vicino alla Stazione Centrale, quella del triangolo della Cattedrale, via Maqueda e la Kalsa. Praticamente è sorta in una zona abbastanza degradata di Palermo, anche se decisamente non la peggiore.

Non mi è successo mai nulla.

Palermo è leoparda e ti ritrovi un caffé dall’aspetto molto parigino accanto al panellaro lordo e gli universitari camminano tra bambini neri, ragazzi pakistani e signore cinesi e girando l’angolo si ritrovano faccia a faccia con le sopracciglia depilate dell’eroe neomelodico palermitano del momento e schivano gruppi di turisti dalla pelle decisamente provata dall’insolazione.

Un giorno mi ritrovai a girare un video musicale in via Bara all’Olivella. Una volta questa strada era un piccolo Bronx pieno di immondizia e facce poco rassicuranti, ora, visto che è l’unica via da cui si vede un fotogenico scorcio del Teatro Massimo, è piena di negozietti per turisti, ristoranti, tavolini e ombrelloni, che lo scorcio non te lo fanno vedere più. Ma almeno una cosa bella in questa strada c’è, il teatro dei Pupi di Mimmo Cuticchio.
Ci girammo un video dicevo, c’erano diverse migliaia di euro tra obiettivi, sliders e reflex e tra i curiosi e i negozianti ormai diventati nostri compagni di lavoro, era immancabile la raccomandazione ‘Occhio ai motorini‘ (qua c’è gente che ruba).
Non rubarono nulla e l’attenzione fu quella normale, niente paranoie isteriche, si doveva comunque lavorare.

Non sono mai stata rapinata né rapita e camminavo tranquillamente vicino ai portoni però quella di mettere il resto nel portafogli prima di uscire in strada è un’abitudine che continuo a conservare,quando si può, è buona un po’ ovunque secondo me. A volte qualche ragazzo ti ‘sconcica‘ per strada e ti sussurra complimenti ma basta tirare dritto come i cavalli col paraocchi e ignorarli. Sono tornata anche sola a casa, anche al buio ma sempre quando ancora un po’ di gente c’era, lavoratori di ritorno per cena, e sono viva e senza nessuna brutta esperienza da raccontare. Sono tornata anche i bici da sola a mezzanotte, da palazzo Pantelleria al Policlinico, con il terrore che mi serrava la gola, perché non si sa mai. Non mi hanno mai fermato anche se i pochi passanti mi guardavano come una matta.

Una volta un mio amico romano, Favetta, venne a trovarmi a Palermo. Il suo albergo era in pieno Ballarò e io andai a trovarlo in bici. Dopo una serata a ballare tango in zone molto degradate dietro la Chiesa di San Domenico, che la notte si accendevano di arte e bellezza in qualche piccolo locale, ci facemmo una passeggiata per tornare a casa, io , lui e la bici accanto. ‘Dai corri a casa che sei sola e con la bici, io vedo di trovare la strada per l’albergo, proverò a tagliare di qua, in linea d’aria credo che l’albergo sia vicino, sicuramente arriveremo nello stesso momento. Dai, vai. Io: ‘Favetta, con la bici ho fatto avanti e indietro tante volte. E’ vero che non erano le due come stasera ma con la bicicletta vado veloce, non è come andare a piedi e ho una catena bella pesante, una voce da anatra squillante e nessuna remora ad usarle (sopratutto la catena). Per quanto possa sembrarti strano è più facile che fermino te che sei un uomo solo che me che sono una ragazza (mia personale statistica), con quella faccia poi!‘ Quale faccia? Immaginatevi Woody Allen, con i baffi alla Giangiacomo Feltrinelli però, che vorrebbe essere figo come Serpico ma è broccolo e dolce come Maurizio Nichetti….ma che lo mollavo lì da solo? Di amici ne ho pochi ma buoni, meglio conservarli…e menomale, altrimenti sarei ancora lì a cercarlo nel secondo centro storico più grande d’Europa, in trenta minuti di passeggiata, seguendo le sue indicazioni stavo quasi per perdermi pure io, ci avevano fermato barboni e punkabbestia e un vecchietto insonne ci aveva pure chiesto le sigarette…affacciato dal balcone al secondo piano, già aveva mollato il panaro. Ma siamo ancora vivi e felicemente non traumatizzati.

Ho visto tanti turisti camminare con le macchine fotografiche appese al collo, tranquilli e sorridenti ma ho anche sentito dire di molti scippi…

…allora questa Palermo è sicura o no?

Ci sono tante persone, tanti stranieri e un po’ di delinquenti autoctoni. Come in tutte le grandi città.
E’ sicura? Più di Londra e New York certamente, più di Oslo a quanto pare, se vi accollate di andare lì perché non a Palermo? Fuori da questa città c’è chi è convinto che ci siano sparatorie per strada e che la vita valga quanto un pacchetto di sigarette,a Trapani ci sono ragazze convinte che ti rapiscano nascosti nel buio dei portoni ma è un’immagine troppo distorta. In realtà le regole per stare bene qui sono quelle del buonsenso, ma valgono ovunque ci siano più di 100.000 abitanti. La microcriminalità è diffusa qui ma la mattina c’è tantissima gente e turisti e studenti girano tranquillamente, anche con macchine fotografiche appese al collo e se vi trovate in difficoltà e cacciate un urlo non dico che si girano in duemila come ai Fori Imperiali ma in duecento sì e allora siete salvi, ma bisogna proprio essere sfortunati per trovarsi nella necessità di farlo.
La sera da soli è più pericolosa. Non sfidate la fortuna, io l’ho fatto tante volte per stretta necessità e anche se non mi è successo mai nulla forse sono stata davvero fortunata, quindi se siete almeno in due è sempre meglio, se siete soli non vi succede nulla (sempre se avete l’accortezza di frequentare strade principali e illuminate e con almeno qualche persona anche se è tardi) ma in due almeno non vi fate tutta la strada terrorizzati e ve la godete di più. Siate attenti ma nella misura giusta. La zona della Magione è quella più delicata dopo il tramonto per chi è solo secondo me, perché fuori dal quadrato luminoso di qualche locale diventa più deserta e isolata, ma via Roma/Maqueda e la Cattedrale non vanno sottovalutate la sera. Non voglio fare terrorismo, a me non è successo nulla, bisogna solo essere un po’ accorti , senza paranoie, Palermo è abbastanza sicura ma è pur sempre una grande città. Certo se ve ne andate a Brancaccio lì mi spaventerei pure in pieno giorno ma giusto giusto lì dovete finire? Da vedere che io sappia non c’è nulla.

E visto che tutti girano con la macchina fotografica senza problemi perché Anna ti spaventi? Perché sono pur sempre un essere umano e a volte mi faccio lavare il cervello dagli altri e dai loro timori e viene anche a me la paura di essere stata solo fortunata per dieci anni interi, giusto pochi giorni fa pure il fiore d’argento di Santa Rosalia si sono rubato, che poverina solo quello aveva, si dice ‘W Palermo e Santa Rosalia’, finora pensavo che ai palermitani non importasse nulla di Palermo ma manco la Santuzza si è salvata, come mi salvo io?

…che camurrìa, basta, tiriamo fuori questa benedetta macchina allora, ben appesa al collo, rilassata, senza problemi. Ed ecco le prime foto di Palermo, alla Kalsa e a Casa Professa, foto timide e pietose, era la prima volta e non mi è successo niente! Me la tenevo al collo sopra lo zaino che mi ero messa al contrario, tutto davanti come un neonato, per appoggiarmi le braccia e riposare, per fare foto e per poter rendere più difficile uno scippo, di zaino e reflex. Lo scanto mi stava passando e stavo per prenderci gusto a Casa Professa, clic clic clic, quante cose ora posso immortalare e rivedere, Palermo io ti amo e ti voglio avere sempre con me. Mi facevi paura e non volevo uscire. Sono uscita sola e ho visto tante cose e di te non mi spavento più (non troppo almeno). Mi facevi paura e non volevo prendere la bici anche se lo facevano tutti. L’ho presa e sono sempre tornata a casa con lei e ora non mi spavento più (perchê so scegliere i posti giusti dove nasconderla). Tutti ti fotografavano, anche se venivano per dieci giorni soltanto e io in dieci anni ho avuto paura e ora ti immortalo e inizio da Casa Professa clicliclic cacchio si è spenta! Ho dimenticato di caricare la batteria!

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a :fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )

Ma almeno una volta là prima di risalire ci devo andare!“. Dove vanno a mangiare gli studenti universitari fuori sede quando tornano a Trapani.

La granita più buona che ci sia mandorle e gelsi da Liparoti a Trapani

Picciotti, se mi rispondete “dalla mamma!” o “dalla nonna!” non vale ovviamente perché quello è scontato. Nessuno, da nessuna parte, mai mai mai, cucina meglio di tua mamma o della nonna (a meno che tu non sia figlia di Rachel Flax). Tuttavia, ogni volta che gli studenti universitari fuori sede tornano a Trapani, hanno anche voglia di mangiare delle cose che la mamma non prepara e quindi devono per forza andare a procacciarsele fuori.

Ragazzi, attenzione! Questi sono posti che pure i trapanesi fuori casa si sognano la notte e che, tornino per due giorni o per due settimane, immancabilmente diranno “Ma almeno una volta là prima di risalire ci devo andare!” (gli universitari trapanesi fuori sede risalgono sempre e tutte le volte è difficile, è come lo sforzo che fanno i salmoni per risalire il fiume controcorrente, questione di sopravvivenza, si deve fare e basta, la vita là fuori è dura ma almeno il ricordo dell’ultimo soggiorno a casa aiuta il reietto universitario fuori sede a trascorrere i giorni nell’estero italiota senza accusare troppo il colpo).

I luoghi must dove mangiare di chi ritorna in patria trapanese sono:

1. La pizza da Calvino. Questo è il must più must che ci sia sul post, sfido qualunque trapanese a dirmi di no. Una ex casa di tolleranza in pieno centro storico, con stanze minuscole, sempre sempre sempre affollato, in estate, in autunno, in inverno, in primavera e poi ancora in estate… che tu sia uno squattrinato studente o un medico affermato, che tu sia un turista svedese o milanese oppure una nonna (!!!!! e ho detto tutto), ti fai un’ora di fila a guardare quelle api operaie dei pizzaioli di Calvino (la cucina è proprio dietro il bancone delle ordinazioni, si vede tutto e non si fermano mai!) e resisti, resisti e aspetti perché questa pizzeria, datata 1946, li vale tutti i minuti di vita che stai buttando nell’attesa.
Se decidi di mangiare “in sala” ti addentri in un corridoio disadorno su cui si affacciano le ex stanzette delle prostitute, grandi 4×2, dove ti accomoderai insieme a tutti quelli che riescono ad infilare lì dentro e aspetterai la tua pizza seduto al tuo bel tavolino spartano, posto a mezzo metro da un altro (pieno of course) e con una comitiva caciarona appoggiata alle spalle. Le stanze sono comunicanti, attraverso fessure strette ricavate nei muri, quindi se la comitiva è in un’altra stanzetta non conta, te la godrai comunque. Fai attenzione a non gesticolare troppo dentro le fessure per indicare, qualche sconosciuto potrebbe acchiapparti la mano per divertirsi e farti venire il cuore a nocciolina (provato). E’ un gran casino mangiare qui e non è il posto più elegante della città, lo so, ma se se l’accollano così tanti un motivo ci sarà, riflettete ragazzi.
Consigli: in estate sopratutto prenota. Prenota anche se la pizza vuoi mangiatela fuori per non rischiare una crisi di claustrofobia e portatela alle Mura di Tramontana che sono a pochi metri da lì e sono sul mare. Se stai a Trapani per poco puoi unire due belle esperienze in una, magari tre se prendi la pizza tipica trapanese, la rianata!

La pizza più buona di Trapani la rianata a sinistra

La pizza più buona di Trapani, la rianata! (a sinistra)

2. La gelateria Liparoti. Un bel giorno Giovanni mi dice “Ho mangiato un gelato alla mela verde buonissimo“.
Sì, ok.
A una che non mangia gelato da anni cosa può importare? A me il gelato non piace, i dolci danno più soddisfazione, lo mangiavo da piccola e ora non lo mangio più. Però io prima di dire no assaggio sempre per fortuna e mela verde non è usuale, se sperimento una cucchiaiata di certo non muoio.
Ecco. La curiosità ammazza il gatto e rovina le mangione, che adesso stanno recuperando tutti i gelati persi negli anni in un’unica estate.
Quasi ogni sera si va lì in pellegrinaggio, alle undici, alle dodici, all’una di notte, non importa, quelli poverini chiudono alle tre! Il colpo di fulmine è stato il gelato alla banana. Di che colore è il gelato alla banana? Eh? Eh? Bianco? Risposta sbagliata! Il vero gelato alla banana è GRIGIO!!! perché la banana si ossida. Il gelato alla mela verde è un po’ granuloso come le mele vere, quello ai fichi ha i semini, è denso e buono e basta per favore. Il tripudio vero sono quelli alla frutta, che a volte ci sono e a volte non ci sono perché se la frutta non è di stagione allora loro non la usano. Giovanni è a lutto perché non ci sono mele verdi buone ad agosto e quindi non lo fanno. Mi hanno convertito anche alle granite. Il passaparola turistico al riguardo vi indicherà un altro posto, in pieno centro storico a Trapani, famosissimo. Io in verità non capisco questa fama, forse tanti anni fa era bravo oppure non c’erano alternative, non so, ma davvero non reggono il confronto. Sarà che quella è più vecchia e questa è più recente, che per un trapanese spiegare in inglese ad un turista dove si trova il Viale delle Sirene è più difficile che dire dove si trova l’altro, non lo so davvero, ma io da qui non mi stacco più. Qua le granite sono degne di tale nome, così buone io le ho mangiate solo a Messina e poi niente più, crema non ghiaccio e pezzettoni di frutta ovunque. Il mix più buono è mandorla e gelsi. Ragazzi, goduria pura! Purtroppo ad ottobre chiuderanno i battenti per la pausa invernale ma Giovanni li atturra (gli frulla il cervello insomma) facendo opera di persuasione per poter mangiare mela verde anche in inverno. Avete tempo fino ad ottobre per ora, ne vale la pena, anche perché è al centro storico, vicino al mare e nel decimo mese dell’anno il tempo è ancora accettabile e loro sono gentilissimi e categorici sulla genuinità degli ingredienti, quindi se vostro figlio cerca il gusto “puffo” cascate male ma almeno può assaggiare un vero gusto fragola! 🙂 (Rileggendo quello che ho scritto sembra uno spot pubblicitario, però caspita, se una cosa è buona è buona, mica posso dire che è cattiva per dare soddisfazione agli scettici, provare per credere)

La granita più buona che ci sia mandorle e gelsi da Liparoti a Trapani

La granita più buona che ci sia, mandorle e gelsi *_*

3. La pasticceria di Maria Grammatico. Questo non è a Trapani bensì ad Erice, per cui se lo studente fuori sede torna ci va quando capita ma se finisce ad Erice ci va di sicuro. E’ piccolissima ma giusto ieri leggevo che nel 2013 ha festeggiato i 50 anni di attività. Anche qua meditate sempre sul possibile perché. D’estate Erice è brutta secondo me, troppa gente, tutti turisti e qua si riempie in un baleno, ci sono quattro tavoli contati e un balconcino minuscolo, con un solo tavolo, ideale per sfuggire alla calca davanti al bancone. Fanno sorridere i turisti che accarezzano i panetti di pasta di mandorle in vendita, questo la mamma (una mamma “pacinziusa” ovviamente, che perde tempo a farti una frutta martorana come si deve) te lo fa, il problema dell’abitudine è sempre quello, devi incontrare uno di fuori per comprendere la bellezza, la bontà e la particolarità di ciò che ti circonda. La pasticceria è famosa per questo, i dolci di mandorla. Fanno anche delle buone crostate. Forse sono buone anche le loro marmellate. Se ti va ti puoi prendere magari il caffè. Ma in verità il motivo per cui gli autoctoni, sopratutto loro, vanno lì sono le GENOVESI!!!! La pasticceria è ancora più famosa per queste. Dischi di frolla morbidissima ripiena di crema gialla calda e spolverate di zucchero a velo. C’è chi ti vende la versione finta con la ricotta, non male ma come quella alla crema nessuna mai e loro che sono seri non la fanno! Erice d’estate è brutta ma se capiti lì una genovese te la mangi, anche se devi sgomitare tra la folla, anche se è calda. Se però hai la bellissima idea di salire ad Erice in autunno o in inverno e farti un giro per il paesino fantasma, in mezzo alla nebbia e il freddo, quando arrivi alla pasticceria ti senti come la Piccola Fiammiferaia salvata, salvata dalle genovesi calde della signora Maria, in pasticceria non c’è un cane ma tu ormai sei qua e una venuta ad Erice senza mangiarle è una visita a metà.

4. Ristorante “Antichi Sapori”. ecco questa è una licenza sul post che mi prendo io, non ci vanno gli studenti in trasferta ma tanti trapanesi sì. Gli studenti non ci vanno perché è più facile trovare una mamma che perda cinque ore di tempo per farti il “cùscusu” e poi perché in verità il ristorante non è amico dello studente universitario come idea in generale, ma se vieni a Trapani e vuoi mangiare il pesce e sopratutto il cùscusu qui caschi benissimo. A Trapani ci sono tanti ristoranti, anche buoni, ma questo finora non ha mai avuto una pecca, né come cibo né come personale, sempre veloci, sempre gentili, sempre presenti, se qualche volta hanno una giornata storta non lo danno mai a vedere perché sono sempre perfetti. Anche qui è sempre pieno e dovete attendere parecchio, in estate e in inverno. Non azzardatevi a chiedere il menù turistico! (più per motivi di decenza culinaria che per il prezzo, i costi sono nella media). Anche questo è vicino al centro storico, l’unica pecca forse sono solo i dolci, nella norma direi, nulla di indimenticabile, ma qui non ci vai per questo e poi Liparoti è a due passi, quelli che devi fare in ogni caso per digerire la cena pantagruelica che fai qua.

Una pizzeria, un ristorante, una gelateria e una pasticceria. Sembra l’inizio di una barzelletta strana ma se decidi di venire a Trapani direi che questi sono posti dove non ti vai a svenare e resti soddisfatto. In più sono tutti in luoghi bellissimi, ad Erice e al centro storico di Trapani, ti ho preparato il menù per un terzo di un possibile week end qui in pratica. Ci sono anche altri posti validi ovviamente ma questi secondo me sono quelli che non deludono mai 🙂

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a : fioredinespula@gmail.com
Se vuoi dormire al Belveliero e puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (aggiungi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )