Solo per oggi si apre la Colombaia! Venghino signori! Venghino!

Castello della Colombaia a Trapani

ENGLISH” version!

Per farvi capire l’evento della cosa vi dirò che i nostri genitori non l’hanno mai vista, il che è un bene dato che è stata anche una prigione. Insieme a noi domenica scorsa c’era mezza Trapani perché da quando è stata abbandonata, decine di anni fa, l’unico modo per visitarla era munirsi di barchetta o scegliere l’opzione Jack Colton e farsi un giretto a nuoto, con grande sprezzo del pericolo, per poi finire tra ratti e soffitti pericolanti (e c’è chi lo ha fatto).

blog4 (FILEminimizer)
blog1 (FILEminimizer)

Per una volta devo dire che l’organizzazione è stata impeccabile, biglietto di ingresso solo tre euro più un libero contributo per i traghettatori (ci vogliono due minuti per arrivare e loro stavano lì da otto ore, non è che ti facessero un sorriso a 32 denti,forse dovevamo staccargli un assegno). Ovviamente non saliamo sul motoscafo ma su una barchetta di legno, buona per una dozzina di persone, fichissima, chiusa parentesi. Vedere il porto di Trapani da quella prospettiva inusuale emoziona perché fin da piccoli vedevamo la Colombaia dal porto come un luogo oscuro e quasi mitico, pur avendola sempre lí davanti. Con i luoghi inaccessibili è sempre così, la fantasia comincia a ricamarci sopra e la curiosità non ti fa perdere l’occasione, nonostante i millemila concittadini intorno, quindi oggi si va tutti al Castello sul mare!

Per la serie 'Saluti e baci da Trapani?

Per la serie ‘Saluti e baci da Trapani?

Le guide erano ragazzi delle scuole medie, tutti entusiasti e con la voglia di spiegare ed erano anche preparati! quindi è giusto dire che sono stati bravi. Alcuni erano così piccoli e teneri che veniva voglia di chiedergli se avessero pranzato o avessero sete (essere zia di una bimba di sette anni mi sta facendo invecchiare male, una volta ero il terrore dei fanciulli). Sto divagando ancora, lo so. Alcune zone continuano a non essere accessibili perché pericolanti.

blog29 (FILEminimizer)

blog27 (FILEminimizer)

blog26 (FILEminimizer)

Appena scesi ci ritroviamo tra i piedi questo castello davvero imponente e gabbiani ovunque (topi, per fortuna, no). Ha una struttura massiccia ed estremamente essenziale, niente decorazioni per capirci,se non due, tre fregi contati per lavare la faccia a qualche poltronato e dire ‘Questo è mio’. Un monolite che è stato fortezza, ricovero di colombe, faro, illustre prigione per regine, di nuovo fortezza e infine una prigione per ladri di galline, funzionante fino a 50 anni fa!
Quando entri ti ritrovi in un gran cortile su cui si affacciano diverse celle, celle piccole e spoglie dove venivano ammassati decine di detenuti, doppia grata alla finestra MA con vista mare. Già mi immagino il bullismo che aleggiava da queste parti, i tempi cambiano ma gli uomini sono sempre gli stessi e non è difficile pensare alle ‘sciarre‘, i litigi, per accaparrarsi il posto vicino la finestra e neanche il poveretto a cui facevano prendere una boccata vicino alla latrina (modello turco, of course). E poiché al peggio non c’è mai fine, ecco a voi le celle per stare in (tantissima) compagnia e stavolta SENZA finestra, per evitare di distrarsi. Rumori, umori e afrori unlimited. Per i misantropi che non amavano mangiare in compagnia (di altre 70 persone), confortevoli celle di isolamento, 1×1 metro (giuro!), senza il tetto ma con taaaaanta aria fresca, pioggia inclusa. Vai a capire se dessero di matto quando erano insieme ad altri 70 detenuti e venissero messi in queste celle di isolamento per punizione o se perdessero tutti i venerdì dopo. Insomma tra mare, scogli, celle e detenzioni da paura, meglio non pensarci. Questo posto mi ricorda sempre di più il Castello d’If dov’era rinchiuso Edmond Dantés, fuori e dentro. L’aspetto esterno è praticamente identico e qui dentro i muri sembrano fatti di tufo, ce lo vedo proprio l’abate Faria scavare un tunnel col cucchiaio. Mi lascia perplessa la cappelletta, di cui ancora si vedono i santi affreschi, sarà che io sono della sponda pragmatica ma quanto conforto ti poteva dare in un inferno simile? O forse proprio perché non avevano più nulla da perdere tanto valeva….

blog25 (FILEminimizer)

blog24 (FILEminimizer)

blog19 (FILEminimizer)

blog9 (FILEminimizer)

blog10 (FILEminimizer)

Ovviamente ai piani alti non era così e l’ufficio del capitano aveva una vista mare mozzafiato, anche se una volta serviva per avvistare navi e prepararsi alla pugna, mica per farci l’aperitivo.

Oggi non sono più quei tempi, per fortuna nessuno ha (ancora) avuto l’infelice idea di servire l’aperitivo qui e possiamo ingenuamente limitarci a sgranare gli occhi di fronte allo scintillio del mare e ‘ooooooohhhhhhhhhhhhhhhhh…..‘. Eeeeehhhh beata ignoranza,se lo sapessero i soldati di Amilcare tornerebbero per buttarci a mare probabilmente.

Gli alloggi del Capitano, con il lusso delle piastrelle. Meglio di niente.

Gli alloggi del Capitano, con il lusso delle piastrelle. Meglio di niente.


blog41 (FILEminimizer)

Anche dall’altra parte, verso la costa, c’è un bellissimo terrazzo da cui possiamo vedere il porto di Trapani. Per anni i trapanesi si sono affacciati per vedere la Colombaia e ora è così strano riconoscere le diverse parti della città vecchia da qui, siamo entrati in una cartolina! Se non lo avete capito ancora questo castello si contende il titolo di simbolo della città con la torre di Ligny. L’antica torre faro è visitabile e doveva essere l’unica parte ‘carina’ di tutto il complesso, con i tetti dipinti con tante stelle, non a caso è stata creata dagli arabi, che amavano le cose belle.

Dentro la torre faro

Dentro la torre faro

blog13 (FILEminimizer)

blog16 (FILEminimizer)

blog20 (FILEminimizer)

Più in fondo c’ è un altro faro in realtà, moderno, e io sarei voluta andare a vederlo perché ho sempre desiderato vederne uno dall’interno, ma l’accesso era sbarrato 😦 . È su una piccola lingua di terra circondata dal mare e immersa nel verde, sembra un po’ Irlanda da qui.

blog15 (FILEminimizer)

blog42 (FILEminimizer)

blog21 (FILEminimizer)

…uffa ma perché ci sono tutte queste persone qui intorno? Questo posto sarebbe bello goderselo da soli nel silenzio e nella pace del vento impetuoso che ci sta frullando i capelli da due ore ma senza la poesia della solitudine. (sì, anch’io avrei potuto alzare gli occhi al cielo leggendo una frase così ma una visita in solitudine qui ci sarebbe stata tutta e sarebbe stato molto poetico anche con il vento. Fa un po’ Sturm und Drang).

Si staranno rompendo le scatole a vederci anche i gabbiani, che hanno persino fatto il nido e che si lasciano avvicinare essendo loro i padroni di questo posto e noi gli intrusi che dovrebbero muoversi e sloggiare…

blog43 (FILEminimizer)

È stato un peccato tornare in città sapendo che forse non verrà più aperta per tanti anni….o forse sì?

blog44 (FILEminimizer)

blog3 (FILEminimizer)

Ovviamente concludo l’articolo con una foto che non c’entra nulla, cioè i fiori della Lega Navale

Ovviamente concludo l’articolo con una foto che non c’entra nulla, cioè i fiori della Lega Navale

Se vuoi darmi dei suggerimenti o chiedermi qualcosa sull’articolo, puoi scrivermi a : fioredinespula@gmail.com
Al Belveliero la Colombaia si vede dal balcone perché si affaccia proprio sul porto. Se vuoi dormire qui puoi scrivere a : bebilveliero@gmail.com (scrivi la parola d’ordine FIORE nella email! 😉 )

Annunci

2 pensieri su “Solo per oggi si apre la Colombaia! Venghino signori! Venghino!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...